Registrati

Articoli

01 gennaio 2012

Lungo la Transiberiana

Lungo la Transiberiana © Fotografia di Enrico Pirola

Pochi viaggi, almeno su questa terra, hanno il fascino della Transiberiana. L'idea di salire su di un treno a Mosca e di scendere a Vladivostok dopo una settimana di treno, 9000 chilometri più a oriente, continua a stregare molte persone.

Nel lungo itinerario riceverete una miriade di stimoli e di suggestioni. Vi lascerete alle spalle la Russia europea, con i suoi tesori artistici e l'inimitabile stile di vita dei suoi abitanti.

Vorrete tornare presto nelle strade percorse un tempo da Dostoevskij o nelle sale in cui le note di Cajkovskij o di Musorgskij continuano a deliziare gli ascoltatori. Ma quando sentirete l'odore del vento d'Oriente, non potrete più resistere.

È il richiamo della Transiberiana. Un lungo e affascinante itinerario da San Pietroburgo a Vladivostok, attraverso culture, popoli e sconfinate regioni.

Nel corso del viaggio da Mosca all'Estremo Oriente russo vi lascerete alle spalle Yekaterinburg, con le sue memorie storiche legate allo zar Nicola e alla sua famiglia; Krasnoyarsk, dove potrete rallentare la vostra corsa e navigare sul Fiume Yenisey, uno dei più scenografici corsi d'acqua siberiani; e il Lago Baikal, che la ferrovia lambisce a sud.

Nell'Estremo Oriente vi attendono Ulan Ude, località affascinante in cui si incontrano le cultura russa e buriata, e la vivace Khabarovsk, sulle sponde del Fiume Amur.

Senza contare che la vostra rotta può piegare decisamente a sud, lungo la Transmongolica, verso la Cina e il frenetico incanto di Pechino. Attraversare la Mongolia è un viaggio quasi senza fine.

Ma potrete concedervi delle soste, dal momento che avete già deciso di viaggiare a lungo e senza fretta. Per esempio, avrete la possibilità di scendere dal treno per visitare Ulaanbaatar e la splendida zona circostante, e magari pernottare una notte in un accampamento di ger (yurte) nel Parco Nazionale di Gorkhi-Terelj.

Poi risalite sul treno e proseguite il vostro viaggio: ormai solo due giorni vi separano da Pechino. Avvicinandovi alla città vedrete dal finestrino una realtà in continua trasformazione, capace di smentire o modificare qualunque pregiudizio. Quando tornerete indietro, il vostro modo di vedere le cose sarà cambiato.