Bulgaria 2011: avanti, è l'anno giusto

Bulgaria, splendore di Sofia © Fotografia di Marina Tessitore

Pubblicità

Prendi una delle capitali europee più facili da girare a piedi, fiera di essere la prima donna ma senza un briciolo di boria. Prendi fortezze arroccate tra montagne quasi irraggiungibili ma che regalano grandi soddisfazioni ai moderni "conquistatori". E poi prendi una delle coste più belle del Mar Nero, perfetta per abbinare vita notturna e relax in spiaggia. Ecco, tutti gli elementi di questo scenario suggestivo si trovano in Bulgaria.

Bulgaria 2011: avanti, è l'anno giusto

LE ROCCE DI BELOGRADCHIK
L'esperienza da non perdere
Sarebbero un posto perfetto per un set del Signore degli Anelli: le imponenti formazioni rocciose di Belogradchik torreggiano sulla città omonima della Bulgaria settentrionale, in fondo a una strada lunga 2 km che gira loro intorno.

Da non perdere la Fortezza di Kaleto, perfettamente mimetizzata tra queste meraviglie della natura: fu costruita dai romani nel I secolo d.C. e in seguito rimaneggiata e ampliata da bizantini e bulgari con l'aggiunta di torri, mura e porte. Il consiglio è farsi stregare dalla magia e dalle leggende del luogo. Come quella della suora Valentina, trasformata da Dio in pietra per sottrarla alle insidie di un pastore innamorato. Se noti assonanze con i miti greci, non stupirti: l'Ellade non è poi così lontana.

SOFIA
La capitale a misura d'uomo
Tra le capitali europee, Sofia è una delle più raccolte e facili da girare a piedi e questa caratteristica contribuisce a caricare di mistero questo semplice dato di fatto: la città è ancora relativamente poco frequentata dai viaggiatori stranieri, che di solito preferiscono dirigersi verso la costa o le località montane.

La bellezza di alcuni tesori custoditi nel perimetro urbano contribuirà ben presto a fare di Sofia una delle hit del turismo nel nostro continente: c'è da giurare che il fascino dei capolavori dell'arte medievale bulgara della chiesa di Boyana o i magnifici tesori traci del Museo Archeologico non passeranno a lungo inosservati. Il modo migliore per entrare nel vivo di Sofia, però, è un altro: mescolarsi alla sua gente, girare per i locali, perdersi nei raffinati ristoranti e fare un salto anche nei meno piacevoli casinò, se non altro per scoprire il rovescio della medaglia.

I Giardini Pubblici di Sofia sono il posto perfetto per sentirsi come uno del posto. E gli scacchi, amatissimi qui in Bulgaria, sono il gioco-pretesto per entrare in relazione con gli abitanti. Come te la cavi con le regole del gioco?

VELIKO TÂRNOVO
A tu per tu con un grande passato
Suggestiva capitale degli zar medievali bulgari, la sublime Veliko Târnovo è situata in splendida posizione in un anfiteatro di colline ammantate da boschi e solcate dai meandri del fiume Yantra.

Sull'abitato incombe possente la ben restaurata Fortezza di Tsarevets, cittadella costruita durante il Secondo Impero Bulgaro. Il quadro è completato da numerose chiese e rovine, molte delle quali devono ancora essere riportate alla luce.

Non è finita, perché a Veliko Târnovo, sede della seconda università più prestigiosa del paese, non manca la vita notturna. I migliori locali e ristoranti godono di magnifici panorami sul fiume e sul castello.

FESTIVAL & EVENTI
Nel cuore dello spirito bulgaro
Un sapiente mix di tradizione e modernità: difficile trovare una definizione migliore per descrivere l'approccio dei bulgari a tutto ciò che riguarda eventi culturali e festival.

Il primo assaggio di ciò che stiamo dicendo lo avrai prendendo parte al Kukeri, che si svolge a ridosso di Capodanno e si ripete prima di Pasqua. Si tratta di una tradizionale danza pagana eseguita da uomini che indossano maschere e pelli di pecora. Lo scopo, al di là delle apparenze un po' inquietanti dei figuranti, è scacciare gli spiriti maligni.

Del tutto diverso, invece, è il mood che si respira d'estate (di solito a luglio) a Kavarna, quando impazzano le note martellanti dell'heavy metal. Se ami una musica d'altro tipo, prendi nota: sempre in luglio, Bankya, nei pressi di Sofia, ospita il Balkanfolk, prestigioso raduno dedicato alle tradizioni locali, con musica, danze e laboratori dedicati agli appassionati del genere.

SPIAGGE E COSTE
La collana di perle del Mar Nero
La Bulgaria non è solo il posto perfetto per vivere l'elettrizzante atmosfera culturale che si respira nei Balcani in questo inizio finalmente pacifico di Millennio. Nei mesi esitivi è anche una straordinaria meta balneare che non ha nulla da invidiare, tanto per fare subito il paragone, alle più blasonate località turche e greche.

Due esempi su tutti. Iniziamo da Varna, una città di mare che unisce in grande stile il fascino di una piccola città (con musei e movida niente male) al richiamo indiscutibile di un'ottima spiaggia, di alcune minuscole ma deliziose piscine di acqua minerale all'aperto e del lungomare Kraybrezhna aleya, fulcro della vita notturna nei mesi estivi.

La nostra località preferita, però, è Nesebâr, la città più fotografata della costa del Mar Nero. Sorge su un'isoletta rocciosa ed è collegata alla terraferma da un sottile istmo artificiale. L'UNESCO l'ha sancita tra i siti Patrimonio dell'Umanità.