Best in Travel 2017: Top 10 città

© Justin Foulkes / Lonely Planet

Pubblicità

Dalla deliziosa Bordeaux a Cape Town. Dall'eclissi di Portland, in Oregon, alla sorprendente Pistoia. Ecco le 10 Top città Best in Travel.

1. Bordeaux, Francia

Una volta la chiamavano ‘la Bella Addormentata’, ma – nonostante qualche sonnellino qua e là – oggi Bordeaux è completamente sveglia e pronta all’azione. La nuova linea LGV Sud-Ouest, il cui completamento è previsto per la metà del 2017, collegherà la città con la rete ferroviaria europea ad alta velocità, riducendo i tempi di viaggio da Parigi a sole due ore. Il suo tempismo è eccellente. Il museo Cité du Vin, inaugurato di recente e realizzato nell’ambito dell’imponente progetto di riqualificazione del lungofiume della Garonna, regala agli amanti del vino un’esperienza all’avanguardia, mentre la rivoluzione gastronomica cittadina continua con successo la sua marcia. Siete pronti per la grande bouffe di Bordeaux?

2. Cape Town, Sudafrica

© Gary Latham / Lonely Planet

Gli abitanti di Cape Town hanno lavorato sodo per aggiungere credenziali culturali e culinarie alle bellezze naturali della ‘Città Madre’, consolidandone la fama di città africana dal respiro internazionale. La gastronomia locale è imponente quanto il profilo dalla cima piatta della Table Mountain, grazie a un gran numero di storiche aziende vinicole, di bei mercati e di ristoranti creativi. Il panorama dell’arte e del design vivrà un grande rilancio in settembre con l’apertura dello Zeitz Museum of Contemporary Art Africa (MOCAA), il più grande museo al mondo di arte africana contemporanea, ricavato in un silo di grano di un secolo fa grazie uno straordinario progetto di architettura post-industriale.

3. Los Angeles, Stati Uniti

© Joseph Broderick / Getty Images

Nonostante la sua reputazione di città frivola, patria di celebrità e di fanatici salutisti, Los Angeles sta affermandosi come destinazione culturale, oltre a essere molto più facilmente raggiungibile di un tempo. Grazie all’ampliamento della Metro Rail nel 2016, oggi si può viaggiare più agevolmente da Downtown a Santa Monica e alle destinazioni intermedie; l’iniziativa Car Free LA consente ai turisti di muoversi senza dover disporre di un’auto; inoltre sono in costruzione quasi 50 hotel. Los Angeles non è solo spiagge dorate: è una capitale del commercio, dove produttori cinematografici e gente del mondo della finanza si incontrano a tavola davanti a sashimi e insalate di kale e dove gli abitanti della East Coast si stanno trasferendo in massa.

4. Mérida, Messico

© Mexico Shoots / Getty Images

L’offerta culturale di Mérida non ha eguali nella Penisola dello Yucatán (certo, Cancún ha belle spiagge, ma la cultura festaiola non conta). Ogni giorno si può trovare una scelta strabiliante di concerti, spettacoli di artisti ed esibizioni di danza, e la scena culinaria è in forte espansione e più piccante di un peperoncino habanero. Quest’anno Mérida è stata scelta come Capitale americana della Cultura; i visitatori possono quindi aspettarsi una colossale e spettacolare attività culturale, dal momento che gli organizzatori allestiranno per tutto il 2017 una serie di eventi su larga scala. Ed ecco il colpo di scena: la cosiddetta Città Bianca è considerata oggi uno dei luoghi più sicuri di tutto il Messico.

5. Ohrid, Macedonia

© Ivan Vukelic / Getty Images

Affacciata sulle splendide acque azzurre del lago omonimo, Ohrid vanta una posizione straordinaria che si apprezza meglio da una barca. Dall’acqua potrete infatti vedere la distesa dei tetti di terracotta interrotta dai campanili secolari delle chiese (a quanto pare un tempo ne possedeva 365) e dominata dalle mura e dalle torri del Castello di Car Samoil. Da centro religioso della Macedonia, Ohrid si è trasformata nella principale località di vacanza del paese, e le sue spiagge sul lago sono le più belle in una nazione priva di sbocchi sul mare. Tuttavia un nuovo progetto edilizio che sarà realizzato sul lungolago cambierà probabilmente per sempre questa cittadina tranquilla. Ecco perché questo è il momento giusto per andarci.

6. Pistoia, Italia

© Filippo Maria Bianchi / Getty Images

Pistoia vanta una concentrazione di opere artistiche e architettoniche che non ha nulla da invidiare ad altre città d’arte. Tuttavia, nonostante il suo fascino, la città riceve un numero di turisti infinitamente più basso rispetto a destinazioni più rinomate. Questa situazione è destinata a cambiare nel 2017, quando Pistoia sarà Capitale italiana della Cultura, un titolo conquistato grazie alle sue straordinarie credenziali artistiche e alla considerazione per le opinioni dei cittadini e per l’imprenditoria locale. Questo riconoscimento offrirà alla città l’opportunità di far conoscere un lato alternativo della Toscana, che ai siti di grande richiamo predilige piccole e fiorenti città ricche di personalità e animate da una cultura viva e dinamica.

7. Seul, Corea del Sud

© ESB Professional / Shutterstock

Da oltre dieci anni la capitale della Corea del Sud si sta impegnando per diventare una metropoli più verde, più bella e più a misura d’uomo. Dopo i primi, riusciti progetti come il Cheonggyecheon, in cui una vecchia autostrada sopraelevata è stata demolita e sostituita con un parco urbano attraversato da un corso d’acqua, la città inaugurerà nella seconda metà del 2017 il Seoul Skygarden. In questo caso un tratto di strada asfaltata lungo 938 m e situato su un cavalcavia alto 17 m non lontano dalla stazione di Seul, diventerà una piattaforma su cui saranno piantati alberi, arbusti e piante da fiore – una sorta di giardino botanico a cielo aperto di specie autoctone.

8. Lisbona, Portogallo

© Sean Pavone / Getty Images

Nonostante vanti siti turistici, cultura e buona cucina, Lisbona viene raramente citata tra le mete di maggiore richiamo dell’Europa meridionale (come Barcellona e Roma). Se questa ingannevole mancanza di riconoscimento è ciò che contribuisce a rendere la capitale del Portogallo così conveniente, allora ben venga. Se volete un altro incentivo, pensate ai musei: dai manufatti egizi del Museu Calouste Gulbenkian alla pop art del Museu Colecção Berardo, Lisbona ne è ricchissima. Tuttavia la città non sembra ancora sazia di musei, visto nel 2017 verrà inaugurato nel quartiere dell’Alfama un museo dedicato alla storia dell’ebraismo in Portogallo.

9. Mosca, Russia

© Catarina Belova / Shutterstock

La Russia non ha ancora rivelato tutti i suoi progetti per il centenario della Rivoluzione, ma è certo che Mosca subirà un radicale cambiamento, anche in vista della Confederations Cup e dei Mondiali di calcio, che la città ospiterà rispettivamente nel 2017 e nel 2018. L’idea è quella di portare un tocco ultramoderno in una metropoli rinomata per la sua architettura monumentale. Grazie al nuovo aeroporto Ramenskoye e alla costruzione di una nuova linea della metropolitana, i collegamenti registreranno uno storico potenziamento. Ulteriore motivo di interesse sarà il Museo Politecnico e Centro Culturale di Mosca, che si trasferirà in una nuova, spettacolare sede progettata da Massimiliano Fuksas situata nell’area detta Vorobyovy Gory (Colline dei Passeri).

10. Portland, Oregon

© David Gn Photography / Getty Images

Portland non cerca di fare colpo su nessuno e quindi fa colpo su tutti. È la città americana del futuro: un posto accogliente, sostenibile, etico che attribuisce maggiore importanza alla qualità della vita e al tempo libero piuttosto che al materialismo e all’ambizione. Attraversata dal Willamette River e circondata dalle montagne, è anche una città di straordinaria bellezza, per cui è uno dei posti migliori per osservare uno dei grandi spettacoli della natura: l’eclissi totale di sole che avverrà il 21 agosto 2017. A Portland l’eclissi sarà parziale, ma basterà guidare per alcune miglia in direzione sud nella Willamette Valley o salire a piedi sul Mt Hood per entrare nel cono d’ombra proiettato dalla luna tra le 9.06 e le 11.38 (fuso orario del Pacifico).