Danimarca: 10 meraviglie di un paese felice

Copenaghen, aperitivo a Nyhavn © Fotografia di Mirella Alberto

Pubblicità

Tutti noi dobbiamo essere grati alla Danimarca. Non solo perché è un posto bellissimo, ma anche perché ha regalato al mondo un'inifinità di doni. Questo paese continua a essere un esempio per tutti, che si tratti di tutela dell'ambiente o di capacità di fare festa e divertirsi. In questo articolo abbiamo raccolto alcune delle meraviglie che ti aspettano in viaggio.

Danimarca: 10 meraviglie di un paese felice

NO ALL'INQUINAMENTO
Bella e rispettosa della propria bellezza, la Danimarca ha molto da insegnare se si tratta di tutela dell'ambiente. Il 32% dei pendolari di Copenaghen, per esempio, si sposta in biciletta: forse la più alta percentuale di ciclisti di qualunque centro urbano industrializzato. Merito delle piste ciclabili o una questione culturale? Di entrambi i fattori, visto che secondo le statistiche ogni danese cammina in media per 3 km al giorno.

IL SUD NASCOSTO E ACCESSIBILE
Il sud della Danimarca è poco battuto dai viaggiatori, ma non per questo è poco accessibile o privo di fascino. Seguendo la E55 si arriva all'affascinante cittadina di Stege, una località incantevole piena di caffè, piccoli negozi e un microbirrificio. La Danimarca che non sai si trova qui.

L'ARTE NEL SANGUE
Il talento artistico, guarda caso, si incontra subito in Danimarca, a partire dalle alte sfere sociali, e permea di sé tutta la società danese. La regina Margrethe è un'eccellente artista e ha illustrato molti libri, come un'edizione danese del Signore degli anelli. Copenaghen, poi, è fiera del proprio ruolo di capitale nordica del design e della moda. Per capirlo, fa' un salto da Day Birger Mikkelsen (Pilestræde 16), quintessenza del design, sexy, femminile e desiderabile. O da Hay.CPH (Pilestræde 29), parco giochi zeppo di oggetti per la casa strani e adorabili.

L'INVENZIONE DEL LEGO
L'adulto che c'è in te arriccerà il naso pensando all'ennesima Disneyland. Il bambino che c'è in te, invece, impazzirà di gioia per questo tributo a una delle invenzioni più celebri della Danimarca: i mattoncini componibili Lego. Inserisci nel tuo programma di viaggio un salto a Legoland, il parco giochi di Billund, nello Jutland Centrale. Meglio acquistare i biglietti online per evitare lunghe file. Il riferimento è il sito ufficiale.

FUOCHI DI COPENAGHEN
La più eccitante città della Scandinavia (scusa Stoccolma) ti strega con i fuochi d'artificio di Tivoli. Ma la magia non è frutto dell'improvvisazione: il parco ha una propria fabbrica dedicata al materiale pirotecnico con una squadra di dieci addetti che lavorano sodo per perpetuare lo spettacolo.

UNA LUNGA STORIA DI SOLIDARIETÀ
La Danimarca è stata la prima nazione europea a ritirarsi dalla tratta degli schiavi per ragioni di ordine morale. Ma la storia dell'illuminata condotta danese registra eventi ben più recenti. Per gli sforzi compiuti per porre in salvo la popolazione ebraica durante l'orrore nazista, per esempio, la Danimarca è commemorata come Giusta tra le nazioni nel memoriale dell'Olocausto di Gerusalemme.

BUONA TAVOLA E CONVIVIALITÀ
La Danimarca è un posto felice anche perché si mangia bene. Questo aspetto, unito alla tradizionale ospitalità del suo popolo, genera iniziative come Meet the Danes. Una originale proposta che offre ai viaggiatori l'occasione di trascorrere una serata a casa dei danesi, assaggiando i piatti tipici e approfondendo la conoscenza sul paese e la sua cultura.

UNA MACCHINA DEL TEMPO A CIELO APERTO
Se vuoi fare un salto nel IX secolo a.C., il modo più facile è spingerti fino a Ribe, nello Jylland Meridionale. Le sue tortuose strade acciottolate risalgono all'anno 869 e ne fanno la città più antica del paese. Una località deliziosamente compatta, con case in legno e muratura del XVI secolo, limpidi ruscelli e oltre 100 edifici classificati come monumenti nazionali.

IL SANTUARIO DI ODINO E DI ANDERSEN
La millenaria capitale dell'isola di Fyn non è solo una località vivace e piacevole da girare a piedi o in bicicletta. Il suo nome significa "santuario di Odino" e il suo orgoglio è aver dato i natali a Hans Christian Andersen, che tuttavia l'abbandonò non appena possibile dopo un'infanzia di stenti. Acqua passata, perché oggi non mancano le attrattive legate a questo grande della fiaba, a cominciare dalle panchine pubbliche con zampe di mostri al posto delle gambe per arrivare alla HC Andersen Hus, nel quartiere povero della città, la casa in cui nacque il genio amico di molti bambini.

ROCK TRA I FIORDI
Il Roskilde Fjord penetra nell'entroterra per più di 30 km e bagna molte cittadine sparse sulle sue sponde. La più bella è senza dubbio Roskilde, non solo per la sua cattedrale dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Questa località dà il meglio di sé durante il Roskilde Festival, il festival musicale estivo più grande del Nord Europa capace di attrarre nomi come Arctic Monkeys, Who e Beastie Boys. Le prevendite iniziano in dicembre. Quindi, inizia il viaggio dal sito ufficiale.