Best in Travel 2017: Top 10 Paesi

© Justin Foulkes / Lonely Planet

Pubblicità

Dal Canada, secondo paese più grande al mondo, alla stupefacente Etiopia: ecco le 10 destinazioni top Best in Travel.

1. Canada

Sostenuto dall’ondata di ottimismo scatenata dal suo nuovo primo ministro, l’energico Justin Trudeau, e contraddistinto da una serie di città dinamiche che conquistano sempre i primi posti nelle classifiche mondiali di vivibilità e da una fama di nazione aperta e di impeccabile cortesia, il secondo paese più grande del mondo inaugurerà il suo 150° anniversario nel 2017 in ottime condizioni di salute. La lunga festa per celebrare la nascita dello stato federale si preannuncia all’insegna della cordialità e dell’accoglienza calorosa degli ospiti internazionali. Inoltre, grazie al dollaro canadese debole che fa scendere i prezzi, i visitatori stranieri potranno approfittare ampiamente della sua esaltante cucina fusion e dei suoi vini, inspiegabilmente sottovalutati.

2. Colombia

© DC_Colombia / Getty Images

A causa di decenni di guerra civile e criminalità violenta, fino a poco tempo fa i timbri colombiani sul passaporto erano un’esclusiva dei viaggiatori più intrepidi. Oggi però gli anni perduti appartengono al passato. Il paese non può vantare le più grandi meraviglie del mondo, ma il suo connubio di vivacità culturale, natura e ospitalità forma un ricco arazzo intessuto da braccia accoglienti. A oltre dieci anni da questa drastica inversione di rotta, questo gioiello del Sud America è anche in attesa di dare il benvenuto al capo della Chiesa cattolica. Quando papa Francesco bacerà il suolo colombiano nel 2017, sarà la prima visita papale nella nazione andina dopo trent’anni.

3. Finlandia

© canadastock / Shutterstock

Contesa tra Russia e Svezia per oltre 800 anni, la Finlandia conquistò finalmente l’indipendenza nel 1917. Per celebrare degnamente il centenario, i finlandesi hanno programmato eventi di tutti i tipi in ogni regione del paese, tra cui concerti all’aperto, esperienze gastronomiche condivise, serate con sauna e mostre di poster di viaggio d’epoca. È prevista perfino l’istituzione di un nuovo parco nazionale di 11.000 ettari nella zona di Hossa, costellata di pinete e attraversata da fiumi.

Inoltre la Finlandia ospiterà quest’anno i campionati mondiali di pattinaggio di figura e i mondiali di sci nordico. Non esiste quindi un momento migliore per scoprire la cultura e i paesaggi davvero unici di questo paese.

4. Dominica

© gydyt0jas © Getty Images

Secondo i locali, se Cristoforo Colombo risorgesse e tornasse nei Caraibi, la Dominica sarebbe l’unica isola che potrebbe ancora riconoscere. Basta uno sguardo alle sue felci preistoriche e alle spiagge deserte per capire cosa intendono. Per decenni l’assenza di scintillanti spiagge di sabbia bianca ha consentito all’isola di tenere sotto controllo lo sviluppo edilizio che ha invece imperversato in altre zone dei Caraibi. Gli unici grattacieli che vedrete qui sono le palme da cocco. Andate a visitare la Dominica prima del 2018, quando saranno inaugurati i primi resort su grande scala, che apriranno la strada a una nuova era di turismo.

5. Nepal

© Jacek Kadaj / Getty Images

Neanche i disastri naturali riescono ad abbattere il Nepal a lungo. I terremoti del 2015 hanno causato gravi devastazioni, ma ciò che colpisce i viaggiatori non è quanto è andato perduto, ma quanto si è salvato. Alcuni templi secolari sono crollati, ma altri hanno perso solo qualche tegola, e intere zone del paese sono scampate a danni gravi, inclusi quasi tuttii principali sentieri di trekking. Al Nepal non manca la capacità di riparare i monumenti e le infrastrutture, ciò di cui ha bisogno è piuttosto una fonte di reddito. Visitando il Nepal ora e sostenendo la cultura e la gente del posto, aiuterete la nazione a ricostruirsi e a tornare più forte di prima.

6. Bermuda

© Russ Hamilton / Shutterstock

Il territorio britannico delle Bermuda viene spesso erroneamente scambiato per un’isola caraibica, e i viaggiatori più accorti tendono a non correggere l’errore per godersi il posto tutto per sé. Situato solo 1050 km al largo della costa del North Carolina, l’arcipelago è raggiungibile in un paio d’ore da quasi tutte le principali città della costa orientale degli Stati Uniti – basta un breve volo per immergersi in un ambiente britannico in versione subtropicale. In giugno Bermuda ospiterà la Coppa America di vela, che vedrà gli Stati Uniti difendere il titolo. Il clima temperato e i venti favorevoli ne fanno la sede perfetta per la regata – e la meta ideale del vostro prossimo viaggio.

7. Mongolia

© GML / Getty Images

Nel 2017 la Mongolia inaugurerà il nuovissimo aeroporto della capitale, uno scalo all’avanguardia che riflette la rapida modernizzazione del paese. Ulaanbaatar è stata la principale beneficiaria del boom economico, come testimonia la trasformazione del suo skyline dovuta a nuovi grattacieli di vetro e acciaio. Al centro di questo sviluppo c’è il complesso da 500 milioni di dollari dello Shangri-La, il cui completamento è previsto per il 2017, che include un hotel da 290 camere, un cinema IMAX e un Hard Rock Café. Una delle maggiori attrattive della splendida campagna mongola è il magnifico Khövsgöl Nuur, la ‘perla blu’ dell’Asia. Nel 2015 il lago è stato collegato a Ulaanbaatar da una strada asfaltata che ha ridotto i tempi di viaggio di 10 ore.

8. Oman

© Ahmed Al-Shukaili / Getty Images

L’Oman è l’asso nella manica della Penisola Arabica già da qualche tempo, ma ora che è servito da un numero sempre maggiore di voli e che ovunque vengono inaugurati hotel esclusivi, il sultanato sembra pronto ad alzare di nuovo la posta. Alle due strutture di lusso storiche, il Six Senses nella Penisola di Musandam e l’Alila nei Monti Hajar, si affiancheranno presto sfavillanti hotel Anantara, Kempinski e di altri marchi prestigiosi. Il boom edilizio non si ferma qui: nel 2017 è prevista l’apertura del Majarat Oman, un futuristico parco a tema per le famiglie da 120 milioni di dollari.

9. Myanmar

© lkunl / Getty Images

Il cambiamento ha impiegato molto tempo ad arrivare nella nazione nota un tempo con il nome di Birmania, ma dopo l’elezione del primo governo civile in mezzo secolo, tutti gli occhi sono puntati sul futuro. Nessuno si illude che i problemi del Myanmar siano spariti, ma le cose si stanno muovendo nella direzione giusta, e il paese più riservato del Sud-est asiatico è pronto ad accogliere l’afflusso dei visitatori. È una meta che pone alcune sfide, ma la ricompensa è una finestra affacciata su un’Asia che sta scomparendo, dove le difficoltà del viaggio fanno parte del fascino e la vita segue il ritmo immutabile delle litanie dei monaci e delle campane dei monasteri.

10. Etiopia

© Philip Lee Harvey / Lonely Planet

Dotata di un proprio calendario (l’unico con 13 mesi di sole!), nonché di orario, scrittura, lingua, cucina, chiesa e caffè tutti suoi, l’Etiopia è un paese decisamente insolito. Ovunque rimarrete colpiti dalla bellezza del paesaggio: facendo trekking nei Monti Simien per avvistare animali che non si trovano in nessun altro posto della terra, salendo fino a una chiesa scavata in una remota parete rocciosa nel Tigrai o solcando in barca le tranquille acque del lago Tana per visitare un antichissimo monastero. Nel 2017 nuovi collegamenti aerei renderanno il paese più accessibile, quindi cercate di essere tra i primi a salire a bordo.