Turchia: 10 idee per un viaggio perfetto

Cappadocia, in volo sui camini delle fate © Fotografia di Mariana Zuleta

Cappadocia, in volo sui camini delle fate © Fotografia di Mariana Zuleta

Pubblicità

Istanbul, i Camini delle Fate, la Via Licia, Efeso... la Turchia si è guadagnata un posto stabile nel cuore dei viaggiatori, e non da ieri. Ecco dieci idee da seguire per tornare a visitarla o per scoprirla per la prima volta.

Istanbul... esperienze senza prezzo

Istanbul è talmente bella, ricca, sfarzosa, piena di contrasti e sfaccettata che per descriverla dovremmo esaurire gli aggettivi... o scrivere una guida. Ti segnaliamo però due esperienze senza prezzo per andare al cuore della città. Una è una visita alle Tombe di Aya Sofya, edifici in cui riposano le spoglie di cinque sultani. L'ingresso è libero, da Kabasakal Caddesi. La seconda esperienza "free" è una visita alla moschea di Kucuk Aya Sofya Camii, fatta costruire nientemeno che da Giustinano e Teodora nel VI secolo d.C. Inserito nell'elenco degli edifici a rischio del World Monuments Fund, questo meraviglioso esempio di architettura bizantina è stato restaurato di recente e oggi è in forma smagliante. Per altri spunti su una giornata perfetta a Istanbul, segui i consigli dei nostri autori.

2. Cappadocia

L'immobile paesaggio scolpito nella roccia sembra l'opera di uno sciame di api particolarmente ingegnose. La realtà - gli effetti del raffreddamento di una grande eruzione vulcanica - è appena un po' meno spettacolare. Anche gli esseri umani hanno lasciato qui il segno del loro passaggio, sotto forma di affreschi nelle chiese rupestri bizantine e di complesse città sotterranee scavate nelle viscere della terra. Oggi la Cappadocia offre molte buone cose: buon vino, ottima cucina, pernottamento in grotte come nella splendida Kelebek Hotel Cave Pension, percorsi in treno, passeggiate nella vallata e voli in mongolfiera, un mare di attività sufficiente a tenerti occupato per giorni.

3. Efeso

Senza dubbio il più famoso dei siti archeologici turchi, tra i meglio conservati dell'area Mediterranea, Efeso è un imponente tributo alla maestria raggiunta dall'arte greca e allo splendore dell'architettura romana. Una passeggiata lungo la marmorea Via dei Cureti offre ai fotografi opportunità a non finire, ma il vero pezzo forte è il complesso delle Case a terrazza, che, con i vividi affreschi e i sofisticati mosaici, offre un imperdibile colpo d'occhio sulla vita quotidiana dell'élite cittadina dell'epoca.

4. Via Lica

Universalmente riconosciuta come uno dei più bei 10 sentieri a lunga percorrenza del mondo, la Via Licia segue un tracciato di 500 km, ben tenuto e segnato, tra Fethiye e Antalya. Questa è la penisola di Teke, culla dell'antica (e misteriosa) civiltà licia. Il sentiero si snoda tra foreste di pini e di cedri dominate da picchi montuosi alti 3000 m, attraverso villaggi, straordinari panorami costieri e i resti di una miriade di antiche città come Pınara, Xanthos, Letoön e Olympos. Se non disponi di molto tempo e di energie sufficienti, percorrine solo alcuni tratti.

5. Monastero di Sumela

Il Monastero di Sumela, non lontano dalla costa del Mar Nero, abbarbicato a una ripida parete rocciosa, domina un suggestivo paesaggio verdeggiante pieno di fascino e di mistero. Alcune strade salgono zigzagando verso il monastero, passando accanto a rustici ristorantini di pesce sul lungofiume, mentre il cammino dei viaggiatori è spesso interrotto dal passaggio di greggi di pecore dirette a nuovi pascoli. Gli ultimi chilometri di salita offrono incantevoli scorci panoramici su verdi pinete e sulle mura color miele di Sumela; il tratto finale a piedi è accompagnato dalla colonna sonora di musicisti locali.

6. Sulla spiaggia di Patara

Patara, affacciata sul Mediterraneo occidentale, vanta la spiaggia più lunga della Turchia, un tratto della Via Licia e notevoli rovine archeologiche. Questa cittadina era il porto principale dell'antica Licia. Non ti basta ancora? San Nicola nacque a Patara nel IV secolo, e san Paolo e san Luca vi fecero scalo durante la loro terza missione tra Rodi e la Fenicia, come è narrato negli Atti degli Apostoli 21, 1-2.

7. Penisola di Gallipoli

La stretta lingua di terra a guardia dell'ingresso ai Dardanelli è formata da dolci colline ammantate di pinete, che si affacciano sulla turistica Eceabat e sul castello di Kilitbahir. L'esplorazione del silenzioso paesaggio circostante è un'esperienza struggente: monumenti commemorativi e cimiteri segnano i punti in cui giovani soldati venuti da lontano hanno combattuto e sono morti in condizioni atroci. Le guide rievocano con passione la tragedia della campagna di Gallipoli, uno degli episodi più cruenti della prima guerra mondiale. Ottimi i tour organizzati da Crowded House Tours, che prevedono anche uscite in snorkelling.

8. Pamukkale

Famosa per la serie di formazioni calcaree a terrazze e le rovine della città romana, il 'Castello di Cotone' - miraggio di un bianco smagliante di giorno, ancora più suggestivo di notte - è una delle meraviglie naturali più spettacolari della Turchia. Cammina con cautela nelle vasche di travertino e quando arrivi in cima rinfrescati nell'Antica Piscina, tra frammenti di colonne e stupendi fregi marmorei.

9. Safranbolu

Dichiarata dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità nel 1994, Safranbolu è la prima città turca ottomana restituita all'antico splendore. Emozionati turisti turchi vi arrivano per trascorrere un paio di notti nelle graziose case a graticcio che sembrano uscite dalle pagine di un libro di fi abe. Ma la magia non finisce qui. Nei vicoli acciottolati, pervasi dal profumo di dolci e zafferano, artigiani e calzolai esercitano i loro mestieri secolari all'ombra di moschee medievali. Quando i temporali estivi illuminano il cielo notturno, è uno scenario da Mille e una notte.

10. Crociera in gület

Localmente detta 'viaggio blu' ("mavi yolculuk"), la crociera di quattro giorni e tre notti a bordo di una gület (tradizionale barca a vela di legno) lungo l'occidentale Costa Turchese del Mediterraneo è per molti viaggiatori il clou di una vacanza in Turchia. La rotta si snoda tra spiagge remote e tramonti sfolgoranti. Navigare lasciandosi tutto alle spalle (di solito anche internet) è un privilegio che non tutti oggi si possono concedere. Scegli una compagnia gestita direttamente dal proprietario, perché le barche saranno in condizioni migliori. Un consiglio? Before Lunch Cruises, gestita da una coppia turco-australiana che organizza in proprio l'itinerario.