Nei dintorni di Torino: da Casa Martini alla scoperta di Chieri

Mondo Martini, Casa Martini.

Pubblicità

Se siete in cerca di una gita fuori porta nei pressi di Torino e per voi una giornata ha un vero lieto fine quando si conclude con un aperitivo, organizzate una gita a Casa Martini. La maison del brand torinese ha conquistato il mondo con i suoi Vermouth e cocktail apprezzati anche da George Clooney, Gwyneth Paltrow e dal protagonista dei romanzi della saga di James Bond.

Nelle cantine a volta dell’elegante palazzina storica dove nel 1864 il liquorista Luigi Rossi stabilì la sua abitazione, entrando in società con Teofilo Sola e Alessandro Martini, oggi si compie un percorso multisensoriale. Un viaggio che parte da Pessione di Chieri, prosegue tra la storia dell’azienda e si arricchisce dei segreti della mixology. 

I musei

Mondo Martini, Casa Martini.

Nelle antiche cantine di mattoni a vista sorge il Museo, una delle più importanti raccolte mondiali di Storia dell’Enologia. Il suo patrimonio è formato da oltre 600 pezzi, che dall’antico mondo greco-latino arrivano sino alla metà del secolo scorso: oltre 2000 anni di storia del vino, con testimonianze di bellezza e valore assoluti. In 15 sale è riassunta la cultura del vino, dall’antico Egitto fino al XX secolo, grazie a oggetti rari e curiosi: anfore, coppe, filtri, attingitoi, torchi, carri agricoli da vendemmia o cerimoniali, i piccoli bicchieri da vodka dello zar Nicola II di Russia, i primi cavatappi e le curiose bottiglie in vetro a forma di personaggi, monumenti o animali. 

Il Mondo Martini è, invece, un’esposizione coinvolgente e interattiva che abbraccia economia, cultura, società e costume: la fondazione dell’impresa e la diffusione dei suoi prodotti in tutto il mondo, la pubblicità firmata da grandi maestri illustratori come Marcello Dudovich, Armando Testa e Andy Warhol, le campagne televisive con le più amate star americane, la preparazione virtuale in diretta di un cocktail scelto da voi.

Mixologist per un giorno

Bar academy, Casa Martini.

Potrete inoltre entrare direttamente in azione con la Martini Bar Academy, che ospita educational sulla “Mixology”, ossia sulla preparazione dei cocktails e sul “perfect serve”. Guidati da Ambassador e Bartender potrete preparare alcuni tra i più famosi cocktail Martini della storia. 

Il programma “Make Your Own Vermouth” propone un’immersione nell’arte del fare il Vermouth, patrimonio culturale piemontese, introducendo alla preparazione e all’uso di estratti e distillati. Giocando con le note aromatiche ciascuno potrà creare i sapori e l’equilibrio del proprio Vermouth e poi assaggiare alcuni dei cocktail per finire in relax la giornata. Le masterclass di Mixology sono organizzabili anche per gruppi di amici o aziende e si trasformano in un ottimo momento di team building mediante il contest, ovvero la sfida tra i partecipanti per la creazione di nuovi cocktail.

Botanical room

Botanical room, Casa Martini.

Composta da due aree (Presentation e Tasting) la Botanical Room è il luogo in cui si entra in contatto con gli ingredienti alla base dei Vermouth e degli Spumanti. Piante aromatiche, fiori, frutti, corteccia e radici. Scoprirete qui quello che si cela dietro le diverse fasi della preparazione degli estratti e toccare e odorare alcuni tra i principali ingredienti che da 150 anni fanno parte dell’antica ricetta di Luigi Rossi. 

I dintorni

Casa Martini, vicina a Torino, ma già a ridosso di Roero, Langhe e Monferrato, è anche una tappa importante dei circuiti artistici ed enogastronomici organizzati da enti pubblici e privati ed è un ottimo punto di partenza per una visita del territorio. 

Proseguendo 3 chilometri verso Riva di Chieri, ad esempio,  si esce dal mondo dei liquori per entrare in quello del suono. Nello storico Palazzo Grosso, sede del Municipio e ricoperto di preziosi affreschi settecenteschi, il Museo Civico del Paesaggio Sonoro induce i visitatori ad ascoltare con orecchio vigile i rumori e le melodie (oggetti, strumenti rudimentali, balli, canti popolari, giochi, lavori, campane) che hanno scandito la vita della comunità locale, dalla cultura contadina sino alla contemporaneità, facendo risorgere la memoria di case, uomini e bambini.

Approfittate per fare un giro nella cittadina di Chieri, al confine fra il settore orientale della collina torinese e gli ultimi declivi del Monferrato. Nel centro storico troverete una ricchezza di palazzi dai profili turriti e molteplici chiese gotiche, facciate in cotto ornate da losanghe, palmette, croci e tralci di vite, oltre a ricche architetture barocche del XVII secolo. 

Chieri è anche fiera della sua tradizione enogastronomica: assaggiate i grissini Rubatà, arrotolati a mano e cotti a legna, e la focaccia dolce, morbida e fragrante, leggermente glassata in superficie, che si sposa magnificamentecon il DOC Freisa di Chieri e Collina Torinese.