Tagikistan:

    Introduzione

    foto di Bradley Mayhew

    DOCUMENTI PER I VIAGGI ALL'ESTERO DEI MINORI

    A partire dal 26 giugno 2012, tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all'estero solo se muniti di un proprio documento di riconoscimento (carta d'identità, passaporto individuale, lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni). Non sono pertanto più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori (al contempo tali documenti rimangono comunque validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza). Maggiori informazioni sono presenti sul sito della Polizia di Stato.


    Rapimenti, sparatorie in centro città, povertà e disperazione: siamo forse a Washington DC? No, ci troviamo in Tagikistan. Questa tormentata repubblica dell'Asia centrale ha una bandiera, una compagnia aerea nazionale e una manciata di ambasciate all'estero, ma nonostante questi emblemi di sovranità rimane un paese curiosamente incompleto e afflitto da enormi problemi. La parte settentrionale del Tagikistan, di fatto anche se non di nome, appartiene all'Uzbekistan; la regione montuosa del Pamir, nonostante i tentativi sovietici di popolarla, è tuttora praticamente un deserto; la capitale, Dushanbe, una città che ha meno di 75 anni, sembra un appartamento in attesa che gli inquilini vi vadano ad abitare. Il fiore all'occhiello degli incomparabili paesaggi del Tagikistan è costituito dal Pamir, davanti al quale ogni regione montuosa impallidisce, fatta eccezione per il Tibet. La Pamir Highway offre l'opportunità di provare il brivido dell'alta quota senza mettere i ramponi.

    Il fatto che il Tagikistan fosse la più artificiosa delle cinque repubbliche sovietiche dell'Asia centrale è stato tragicamente dimostrato dalla rapidità con cui si è sfaldata quando ebbe fine il controllo diretto da parte di Mosca. La guerra civile ha imperversato fino alla stipula di un cessate il fuoco verso la fine del 1996. A metà dell'anno seguente l'Iran, la Russia e le Nazioni Unite insieme fecero da intermediari affinché le parti giungessero a un accordo di pace.

    Nonostante i balli di gioia nelle vie di Dushanbe e le speranze per un futuro di pace, il paese ha dimostrato di non avere conquistato la stabilità e sopravvive grazie ai crediti e ai prestiti della Russia, mentre le popolazioni del Pamir devono contare sulle elargizioni dell'Aga Khan. Chiunque decida di intraprendere un viaggio in questo paese deve assolutamente ottenere informazioni aggiornate circa la situazione della sicurezza.

    Forum - Tajikistan - Idee e consigli dai viaggiatori

    Foto dei viaggiatori - Tajikistan


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati