Niger:

    Introduzione

    foto di Oliver Strewe


    Avvertenza...
    A causa della presenza di banditi e di milizie armate, i viaggiatori dovrebbero evitare le aree di confine tra il Niger e Algeria, Libia, Mali, Nigeria e Chad. L'area di Azawagh, tra Mali e Algeria, dovrebbe essere anch'essa evitata. Alcune strade nel nord del paese sono off-limits per i viaggiatori: non dimenticatelo, se avete in programma di dirigervi in quelle regioni.

    Scontri tra le forze di sicurezza e i banditi sono in corso nel deserto del Ténéré, nel massiccio dell'Aïr e nelle regioni centrali del paese.

    Prima di partire, raccogliete informazioni approfondite presso la vostra agenzia di viaggi di fiducia e segnalate la vostra presenza registrandovi al sito www.dovesiamonelmondo.it.

    DOCUMENTI PER I VIAGGI ALL'ESTERO DEI MINORI

    A partire dal 26 giugno 2012, tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all'estero solo se muniti di un proprio documento di riconoscimento (carta d'identità, passaporto individuale, lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni). Non sono pertanto più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori (al contempo tali documenti rimangono comunque validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza). Maggiori informazioni sono presenti sul sito della Polizia di Stato.


    Il Niger può essere considerato il luogo all'inizio della fine del mondo ed è tutto merito del paesaggio. Nere montagne vulcaniche dominano verdi oasi, cascate, città dai vasti viali alberati edificate nel deserto, e cammelli. La singolare bellezza del paesaggio è pari alla particolarità dei suoi abitanti: nomadi del deserto dai tratti e dai modi aristocratici, artigiani così abili nella lavorazione dell'argento da sembrare dotati di poteri magici, pastori nomadi celibi che in ore e ore di danza esibiscono tutto il fascino, l'abilità, il carisma finché le donne non faranno la loro scelta.

    Il Niger è continuamente sull'orlo del disastro. La scoperta dell'uranio, alla fine degli anni '70, fece godere al paese una prosperità che, toccato l'apice, non resse al crollo dei prezzi e alle leggi del mercato, e la popolazione ritornò alla miseria di sempre. Il deserto si espande continuando a fagocitare vaste zolle di territorio alla velocità del vento. Vi sono continui e spesso sanguinosi conflitti tra il governo e i ribelli tuareg, e il Niger si sta ancora risollevando dai devastanti periodi di siccità che colpirono il Sahel nei primi anni '70.

    Articoli correlati


    Luglio 2012: le mete del mese
    C'Ŕ molta voglia di Italia, e di Italia bella, in questo nostro luglio on the road. Dalla Puglia alla Sardegna ti aspettano avventure indimenticabili. Questo mese, per˛, strizziamo anche l'occhio a una Londra diversa dal solito e a uno dei viaggi pi¨ estremi che tu possa pensare.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Niger - Idee e consigli dai viaggiatori

    Lettere - Niger - Suggerimenti, mete, curiositÓ

    L'agenzia ATS a Babemba
    di Elisabetta Ravaioli
    Febbraio 2005
    Un tragitto diffficile
    di Mercedes Mas
    Febbraio 2005
    Mercato ad Agadez
    di Mercedes Mas
    Febbraio 2005
    Trasporti ad Agadez
    di Marco Tricella
    Gennaio 2004
    Spostamenti da Zinder
    di Marco Tricella
    Gennaio 2004

    Foto dei viaggiatori - Niger


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati