Mauritania:

    Introduzione

    foto di Olivier Cirendini


    Avvertenza...
    Se pensate di viaggiare nel Sahara Occidentale, tenete presente che molte aree di questi territori contesi sono minate. Il confine con l'Algeria e quello settentrionale con il Mali dovrebbero essere evitati a causa della presenza di banditi.

    DOCUMENTI PER I VIAGGI ALL'ESTERO DEI MINORI

    A partire dal 26 giugno 2012, tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all'estero solo se muniti di un proprio documento di riconoscimento (carta d'identità, passaporto individuale, lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni). Non sono pertanto più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori (al contempo tali documenti rimangono comunque validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza). Maggiori informazioni sono presenti sul sito della Polizia di Stato.


    Il viaggio in Mauritania richiede senza dubbio una forte motivazione, unita a un sano spirito di avventura. Questo grande paese, in gran parte desolato e desertico, è un mondo a parte, quasi una terra di collegamento tra il Nord Africa arabo e l'Africa Nera. Nonostante seri problemi ambientali, politici e sociali, la Mauritania prosegue nel lungo e delicato processo di evoluzione politica, verso una forma accettabile di democrazia, e per questo rappresenta una positiva eccezione nel panorama degli stati islamici.

    Fatte queste premesse, va detto che il paese possiede non poche attrattive: lungo la costa ci sono alcuni punti adatti alla pesca, al birdwatching e persino al surf e nell'interno si trovano alcune interessanti cittadine carovaniere. Senza dimenticare che la Mauritania, proprio per le caratteristiche non certo 'facili' del suo territorio, è una delle mete meno visitate dai turisti. Qui potrete trovare un lembo d'Africa ancora incontaminato. Il viaggiatore autentico, dunque, saprà apprezzare questo paese, soprattutto se si lascerà allettare dalla prospettiva di avventurarsi attraverso città per metà ammantate di sabbia, di sorseggiare tè sotto le tende multicolori dei nomadi, attraversare altipiani dall'aspetto lunare e ammirare disegni preistorici su roccia e l'antica architettura sahariana. Non perdete una visita al Parc National du Banc d'Arguin, che, oltre ad essere una delle riserve aviarie più importanti al mondo, è attrezzata ad accogliere un numero ragionevole di visitatori. Poi, potrete dormire nelle tende tradizionali a Cap Tagarit, 40 km a nord di Tidra, dove pescherete e nuoterete senza problemi e avrete modo di visitare le isolette con le piroghe tradizionali mauri. Al termine del vostro viaggio capirete perché persino coloro che hanno sperimentato l'asprezza del territorio sono d'accordo nell'ammettere che si tratta di un luogo da non perdere e indimenticabile.

    Foto dei viaggiatori - Mauritania


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati