Costa d'Avorio:

    Introduzione

    foto di David Wall


    Avvertenza...
    La Farnesina informa che il quadro generale di sicurezza non sembra ancora offrire sufficienti garanzie per i viaggiatori soprattutto nelle regioni dell’Ovest al confine con la Liberia e, in particolare, nell’intera area di Abidjan dove, con sempre più frequenza, si registrano episodi di criminalità – anche violenta - e delinquenza diffusa.

    Fondamentale è segnalare la propria presenza nel paese anche attraverso il sito: www.dovesiamonelmondo.it.

    DOCUMENTI PER I VIAGGI ALL'ESTERO DEI MINORI

    A partire dal 26 giugno 2012, tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all'estero solo se muniti di un proprio documento di riconoscimento (carta d'identità, passaporto individuale, lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni). Non sono pertanto più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori (al contempo tali documenti rimangono comunque validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza). Maggiori informazioni sono presenti sul sito della Polizia di Stato.


    La Costa d'Avorio è sull'orlo del baratro di una nuova guerra civile. Gli osservatori ritengono che solo un intervento deciso della Comunità internazionale possa impedire il degenerare della situazione. Eppure, questo paese è stato per lungo tempo modello di stabilità politica e di relativo sviluppo economico nel continente africano. Nonostante il flusso favorevole delle esportazioni, la Costa d'Avorio è ora fortemente indebitata, a causa della cattiva gestione dello stato e dell'improvviso crollo dei prezzi: i continui attriti interni non migliorano certo le cose.

    Quando sarà tornato alla pace, economia a parte, la carta vincente del paese sarà ancora una volta la sua gente, così ricca di storia, arte e musica. La Costa d'Avorio offre al turista anche numerose bellezze naturali, come le zone montuose attorno alla regione di Man, l'affascinante territorio dei Senoufo intorno a Korhogo, il Parco Nazionale Comoë (il più vasto di tutta l'Africa occidentale), i remoti villaggi di pescatori e le spiagge di Sassandra. Tutti questi luoghi erano un tempo facilmente raggiungibili con alcune tra le migliori strade di tutta l'Africa.

    Articoli correlati


    Gennaio 2012: le mete del mese
    Due mete africane e due europee per catturare il meglio di gennaio. Affacciati sull'abisso della grotta più ampia del mondo o lasciati sferzare dal vento a Madeira. Ed evita il pantano dei trekking peruviani.
    Leggi l'articolo completo >

    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati