Indonesia:

    Introduzione

    foto di Jerry Alexander

    DOCUMENTI PER I VIAGGI ALL'ESTERO DEI MINORI

    A partire dal 26 giugno 2012, tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all'estero solo se muniti di un proprio documento di riconoscimento (carta d'identità, passaporto individuale, lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni). Non sono pertanto più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori (al contempo tali documenti rimangono comunque validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza). Maggiori informazioni sono presenti sul sito della Polizia di Stato.


    Le isole dell'arcipelago indonesiano si estendono per quasi 5000 km dal continente asiatico all'Oceano Pacifico. Ricche di risorse naturali e con un'incredibile varietà di culture, per secoli hanno attirato mercanti cinesi e indiani, colonizzatori europei, missionari, avventurieri, compagnie minerarie, intrepidi viaggiatori e turisti.

    Le isole sono abitate da 300 gruppi etnici con culture distinte, che parlano 365 lingue e dialetti. A dispetto del motto nazionale 'unità nella diversità', queste culture sono minacciate dal processo di indonesianizzazione, a mano a mano che le isole vengono unificate sotto il dominio centralizzato di Java. È stato difficile difendere il concetto multiculturale di forza insita nella eterogeneità di fronte a una simile frammentazione geografica e culturale, e il governo indonesiano ha optato per un potere forte, centralizzato e poco democratico.

    Il consolidamento dell'impero indonesiano ha provocato resistenza e insurrezioni, perlopiù ignorate dalla comunità internazionale. Il paese era stabile fino alla recente crisi finanziaria, soprattutto perché l'opposizione politica era soffocata e l'autorità del governo si basava sul potere militare. Dopo la caduta di Suharto, le ipotesi sulla direzione che l'Indonesia avrebbe preso sono divenute il passatempo preferito di ogni corrispondente estero, ma l'allarmante stato dell'economia, le crescenti tensioni tra musulmani e cristiani, gli scontri etnici a Kalimantan, i movimenti indipendentisti ad Aceh e Irian Jaya, gli infami gruppi paramilitari filogovernativi che terrorizzano Timor Est rendono ogni previsione puramente congetturale.

    Articoli correlati


    Mete del mese: la top 10 di agosto
    Nell'immaginario collettivo questo mese è sinonimo di sovraffollamento, prezzi alle stelle e, con un po' di sfortuna, di qualche coda in autostrada. Questa top ten è dedicata a sfatare (ed a evitare) tutto questo. E anche quando si parla di destinazioni molto battute, si indica sempre una via di fuga verso... decongestionanti scoperte.
    Leggi l'articolo completo >

    Trekking nelle giungle più avventurose
    Fa' come Tarzan e lanciati in una di queste avventure nella foresta pluviale.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Indonesia - Idee e consigli dai viaggiatori

    Indonesia
    Marzo 2014
    Indonesia
    Ottobre 2013

    Lettere - Indonesia - Suggerimenti, mete, curiosità

    Volontariato a Bali: qua la zampa!
    di Sylvana Ferri
    Maggio 2011
    Un eco-resort sull'Isola di Bunaken
    di Giordana Ferrero
    Ottobre 2010
    Speed-boat o traghetto?
    di Marcello Nizzoli
    Ottobre 2010
    June, ottima guida a Lombok
    di Marcello Nizzoli
    Ottobre 2010
    Spiaggia di Kuti Kuti
    di Paolo Capelletti
    Luglio 2010

    Foto dei viaggiatori - Indonesia


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati