Myanmar:

    Introduzione

    foto di Bernard Napthine

    DOCUMENTI PER I VIAGGI ALL'ESTERO DEI MINORI

    A partire dal 26 giugno 2012, tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all'estero solo se muniti di un proprio documento di riconoscimento (carta d'identità, passaporto individuale, lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni). Non sono pertanto più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori (al contempo tali documenti rimangono comunque validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza). Maggiori informazioni sono presenti sul sito della Polizia di Stato.


    Per oltre mezzo secolo, il Myanmar (ex Birmania) è stato alla mercé di dittatori, giunte militari, fazioni di ribelli e trafficanti di droga sanguinari e senza scrupoli. I governi dittatoriali che si sono susseguiti hanno tentato, invano, di cancellare ogni traccia di democrazia nel paese, arrestando intere assemblee parlamentari, ricorrendo al lavoro coatto per dare fiato a un'economia in crisi, imprigionando Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la Pace 1991, e riducendo brutalmente al silenzio ogni voce dissidente. Benché l'ingresso del Myanmar nel nuovo millennio sia stato caratterizzato da un abbandono della politica socialista e isolazionista in favore di un pragmatismo economico, la sua condizione di stato "paria" agli occhi del mondo occidentale è diventata un handicap economico. Il governo attualmente in carica sta cercando di perfezionare i suoi equilibrismi politici che mirano ad attirare gli investimenti stranieri, mantenendo allo stesso tempo il potere con le unghie e con i denti. Le forze ribelli sono indecise tra il proseguire la lotta rivoluzionaria oppure rassegnarsi e sopravvivere.

    Il Myanmar non è di certo il paese asiatico più facile o più tranquillo da visitare, ma è ricco di luoghi incantevoli e persone sorprendentemente cordiali; consente, inoltre, di dare uno sguardo a una società di tipo orwelliano, bizzarra e inetta, che sembra aver perso ogni contatto con il presente. Grazie alle politiche di chiusura verso ogni influenza esterna, il Myanmar è uno dei paesi meno occidentalizzati del mondo. Si tratta di una condizione che molti considerano pittoresca dimenticando, però, la realtà politica che l'ha determinata.

    Articoli correlati


    I panorami più spettacolari del mondo
    Poche cose restano impresse più a lungo nella memoria di un panorama spettacolare. E se si tratta dei templi di Bagan, delle rocce scolpite dagli elementi nello Utah o di sua maestà il Taj Mahal, c'è da scommettere che il ricordo sarà eterno.
    Leggi l'articolo completo >

    Nuove tendenze del food secondo i nostri travel writer
    Non perdete il prossimo treno della tendenza alimentare: ciò che è attuale oggi, sarà superato domani. Nuove mode arrivano sulla scena, ogni anno, che si sia pronti o meno.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Myanmar (Birmania) - Idee e consigli dai viaggiatori

    Atm in birmania
    Novembre 2013

    Lettere - Myanmar - Suggerimenti, mete, curiosità

    In Birmania con Teo
    di Antonella Fornaro
    Novembre 2011
    Suggerimenti in ordine sparso dalla Birmania
    di Alberto Favero
    Novembre 2011
    Pranzo tranquillo a Myingabar
    di Julia Schwoerer
    Ottobre 2010
    Autista in Birmania
    di Annarosa Acquarone
    Aprile 2010
    Myanmar, guida in carne e ossa
    di Paola Capriccioni
    Novembre 2008

    Foto dei viaggiatori - Myanmar


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati