Uganda:

    Introduzione

    foto di Greg Elms


    Avvertenza...
    In generale l'Uganda è una meta sicura, ma in alcune aree sono presenti forti rischi per i viaggiatori. Il gruppo armato Lord's Resistance Army (LRA) è ancora attivo a nord del Murchison Falls National Park e nei dintorni di città come Lira e Gulu. Questi territori dovrebbero essere evitati, così come il confine con la Repubblica Democratica del Congo. La remota regione di Karamoja, nel nordest del paese, è soggetta a violenze e banditismo. Anche Kampala, purtroppo, non è estranea a episodi di questo tipo. Evitate gli assembramenti e le dimostrazioni. Prima di visitare queste aree, in generale, raccogliete informazioni approfondite presso le autorità locali.

    DOCUMENTI PER I VIAGGI ALL'ESTERO DEI MINORI

    A partire dal 26 giugno 2012, tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all'estero solo se muniti di un proprio documento di riconoscimento (carta d'identità, passaporto individuale, lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni). Non sono pertanto più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori (al contempo tali documenti rimangono comunque validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza). Maggiori informazioni sono presenti sul sito della Polizia di Stato.


    La lunga serie di tragedie che ha colpito l'Uganda dopo la conquista dell'indipendenza ha avuto una tale risonanza nei paesi occidentali, da far pensare a molti che il paese sia tuttora instabile e pericoloso. In realtà, sono ormai diversi anni che la pace regna nella maggior parte del paese, avviatosi nel frattempo verso una radicale trasformazione. Kampala è ora la capitale moderna e frenetica di una nazione nuova, il cui tasso di crescita è fra i più alti del continente africano. Ai viaggiatori questo paese offre belle montagne, percorsi di trekking e la possibilità di vedere il raro gorilla di montagna.

    Prima dell'indipendenza l'Uganda era un paese prospero e unito, le cui bellezze naturali indussero Winston Churchill a definirlo 'perla d'Africa'; tuttavia, intorno alla metà degli anni '80, l'Uganda si ritrovò allo sbando e in bancarotta, sconvolta da odi tribali, nepotismo, corruzione politica, uccisioni di massa e tirannia militare. Ciò nonostante gli ugandesi sembrano aver superato egregiamente tutte queste violenze e brutalità, anche se neppure un eccesso di ottimismo potrebbe nascondere le grandi piaghe della nazione: l'enorme debito, il dilagare dell'AIDS e le violazioni dei diritti umani.

    Articoli correlati


    Destinazioni a rischio 2012: scoprile ora
    Turismo, instabilitÓ politica e sviluppo urbano minacciano parte della storia naturale e culturale. Contribuisci a preservarla e prendi in considerazione alternative interessanti.
    Leggi l'articolo completo >

    Quattro luoghi che fermano il tempo
    Ogni giorno insegna lezioni sul futuro: i libri sono sostituiti dagli e-book, i portatili dai tablet, il cibo fresco da quello biologico. In viaggio, per˛, ti capita di incontrare mondi e ambienti che resistono all'avanzata dell'inesorabile. Luoghi nei quali il tempo sembra essersi fermato sul... fermo immagine migliore. Ecco alcune idee per vivere in prima persona ci˛ di cui stiamo parlando.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Uganda - Idee e consigli dai viaggiatori

    Lettere - Uganda - Suggerimenti, mete, curiositÓ

    Trekking in Uganda
    di Stefano Cozzi e Antonella Mori
    Dicembre 2010

    Foto dei viaggiatori - Uganda


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati