di Federica Agnese

Shanghai è mille culure

lost in nanjing

Iniziano i festeggiamenti per la Festa Nazionale in Cina, impossibilitate a fuggire dalla folla di turisti che questa settimana invaderanno Shanghai, decidiamo di fare noi le turiste e via! (I)

giorno 30/09/2013

Il 30 settembre finiscono le lezioni, orecchie da mercante con le raccomandazioni dei professori di stare attente in giro, preferibilmente di non viaggiare, e di studiare, ovviamente, chiudo la valigia e salgo sul nuovo treno veloce che porterà me e le mie amiche in una sola ora e mezzo a Nanchino, antica capitale dell'Impero Ming. Il 1 ottobre, nazionaliste come mai per il nostro Paese, visitiamo il Memoriale del Massacro di Nanchino, ci perdonerà quindi Xi Jinping di non aver anche sventolato la bandiera cinese che tutti immancabilmente agitavano ed esibivano! La struttura del complesso mi ha colpito per la maestosità e per la somiglianza con il Memoriale per gli ebrei di Berlino, grandi piastre scure, dalle forme squadrate e pesanti con, necessariamente, nomi e foto e ricordi di tutte le vittime di questo triste momento storico. Una "bizzarreria" è stata la compilazione di un registro all'entrata, destinato agli stranieri, dove ci era richiesta la nazionalità e il numero complessivo di persone...che statistica è?
Coraggiose, ma soprattutto affamate, terminata la visita, ci imbarchiamo per andare a pranzo su uno dei tipici mezzi di trasporto cinesi che stento davvero a descrivere, basterà immaginarsi un motorino elettrico con un sedile più grande dietro che ad ogni buca immancabilmente costringeva a chiedersi il perché di questa decisione, non andava bene quel poco di street food di fronte al museo? Un piatto di chaomian (noodles saltati, tradurrerei) dopo andiamo a visitare il Grande Ponte (Daqiao) sul fiume Yantze che, forse perché caricato di grandi aspettative, ci delude notevolmente, o comunque, è un ponte, è grande, è alto, si vede buona parte della città, ma non valeva sicuramente i 15 yuan d'entrata! Ma ci consoliamo subito con il Xuanwu Lake, veramente bello! Certo, affollato come Via del Corso a Roma il sabato pomeriggio o Spaccanapoli a Napoli all'ora di pranzo o Nanjing Road a Shangahi a qualunque ora del giorno, tantissime famiglie cinesi che dopo il pranzo tradizionale che l'occasione richiedeva evidentemente avevano avuto la stessa pensata, perché non una bella passeggiata all'ombra degli alberi e magari un dolce seduti sui moli di questo fantastico lago con la veduta di Nanchino? Sì, non siamo state troppo originali!