Segnalazione di abuso

Tutte le segnalazioni sono da ritenersi strettamente confidenziali e anonime

di Luca Frassi

PAESI BALTICI: LITUANIA, LETTONIA, ESTONIA

paesi baltici: lituania, lettonia, estonia

Un'unica entità geografica, tre realtà diverse.

giorno 25/08/2015

Con la mia compagna abbiamo percorso 1800 km da Vilnius in Lituania a Tallinn in Estonia. Siamo atterrati a Vilnius a fine agosto. Il barocco delle sue chiese ci ha impressionati. Una più bella dell'altra. Una città religiosissima (la Polonia è lì a due passi), ricca di arte sacra con una cattedrale bianca lucente. Gioielli giallastri e marroni in vendita ovunque, a ricordare che da qui passava l'antica via dell'ambra. Edifici sovietici fatiscenti e vecchie glorie comuniste marchiano Vilnius a fuoco rendendola la capitale più russa delle tre in ogni senso. Dopo aver noleggiato un'auto ci siamo diretti verso il Mar Baltico. Foto ricordo nel centro geografico del continente europeo, breve escursione al Castello di Trakai, una delle icone del Paese, e poi abbiamo tagliato la Lituania in tutta la sua larghezza tra paesaggi anonimi e privi di qualsivoglia effetto emozionale. Un sobbalzo, però, l'abbiamo avuto quando un piccolo traghetto ci ha portati da Klaipeda alla Penisola Curlandese. Sito Unesco. Qui dune di sabbia immense punteggiano questa penisola. Un paesaggio surreale con una laguna calmissima da una parte e il Baltico mosso e agitato dall'altra. Casette colorate, boschi e dune di sabbia. Proseguiamo il viaggio verso la Lettonia: visitiamo un'ex base missilistica sovietica in tutta la sua inquietudine e la sorprendente Collina delle Croci. Centinaia di migliaia di croci infisse nella collina da ogni visitatore. E' giunto il momento di fare rotta verso Riga non prima di deviare verso il palazzo di Rundale, bell'esempio di barocco lettone. Riga ci incanta, ci stordisce, ci ammalia. Ci sorprende in tutta la sua semplice grandiosità. Un capolavoro dell'art noveau, del divertimento, dei grandi spazi verdi. Meriterebbe un piazzamento migliore nell'Europa che conta. Un lungo viaggio ci porta a Tartu, la seconda città dell'Estonia lontana dal Baltico. Ha una grande anima culturale. Qui ha sede una prestigiosa università, la città è accogliente e giovanile. Proseguiamo per Tallinn, piccola capitale medievale. Uno scrigno all'interno di possenti mura. Una piazza centrale, vicoli stretti, scale in pietra, torri merlate. Un grande villaggio fiabesco. Per ultimo siamo andati a esplorare il Parco di Lahemaa. Grandi boschi, immense tenute padronali perfettamente restaurate, alberi altissimi e fitti. Del resto la Finlandia è a un passo. Qui la natura è primordiale come tra i grandi laghi finlandesi ti rigenera. Come questo viaggio. Completo, variegato, emozionale.