le tappe

  • GEORGIA

Segnalazione di abuso

Tutte le segnalazioni sono da ritenersi strettamente confidenziali e anonime

di Luca Frassi

GEORGIA. TRA OSPITALITA' ED ANTICHE CULTURE.

georgia

TRA OSPITALITA' ED ANTICHE CULTURE.

giorno 12/04/2013

E' stato bello esserci. Scoprire come questa antica terra sta riemergendo a nuova vita. Terra di arabi, persiani, mongoli, greci, romani e russi. Gli invasori. Ora terra georgiana. Con un'antichissima lingua, vecchie tradizioni ma nuovi scenari di vita. Amabili e sempre ospitali questi georgiani ci hanno fatto sentire come a casa nostra. Tbilisi l'abbiamo esplorata in lungo e in largo. Distesa in una vallata questa grande capitale alterna anonimi palazzi sovietici a vecchie case in legno con balconi riccamente decorati. Palazzi moderni con luci al neon ed edifici storici classicisti. Stretti ed angusti vicoli e boulevards trafficati. Un crogiolo di stili che fonde l'antico col moderno. Un carattere spiccatamente euroasiatico. Chiedo alla nostra guida Keti: "Voi georgiani vi sentite più europei o più asiatici?" La sua risposta sarà un semplice ed ingenuo sorriso ma che la dice lunga sulla mescolanza di stili e tenori di vita di questa piccola repubblica caucasica. Imperdibili e molto interessanti le visite ai siti Unesco nei dintorni di Tbilisi: a Mtsketa, cuore spirituale della Georgia, abbiamo fatto visita al Monastero di Jvari e alla solenne cattedrale di Svetitskhoveli. Qui si narra sia sepolta la tunica di Gesù Cristo. Nella regione di Gori, a due passi dalla regione indipendentista dell'Ossezia del Sud siamo andati alla scoperta dell'affascinante città rupestre scavata nella roccia di Uplistsikhe del VI secolo a.C. Ed infine non potevamo perderci il Museo di Stalin nella sua città natale di Gori. Un Museo storico che narra l'ascesa al potere del dittatore sovietico con le sue discusse teorie. Tra cimeli, foto, libri , la sua casa natale ed il vagone sul quale era solito viaggiare. Una bella esperienza di viaggio lontana dai circuiti del turismo di massa ma non per questo, anzi, da sottovalutare. Del resto il motto di Tbilisi, capitale della Georgia, è scritto ovunque: TBLISI. THE CITY THAT LOVES YOU