Segnalazione di abuso

Tutte le segnalazioni sono da ritenersi strettamente confidenziali e anonime

di Alessandra Garau

Dov'è che vai??? In Oman!

muscat

Un popolo discreto e ospitale, un paese silenzioso e autentico. Per le mie foto e alcune impressioni generali sul viaggio in Oman visita il mio sito personale: www.theescapediaries.it

giorno 19/01/2013

L'Oman ci ha accolto con un tempo perfetto: cielo azzurro, 23 gradi e clima secco. Ma la vera sorpresa e' stata che all'agenzia della Hertz qualcuno si era fumato la nostra prenotazione della macchina.

No problem dice il tipo, per lo stesso prezzo ve ne do una piu' grande. Ci presenta praticamente la nave gemella della Costa Concordia, enorme bianca e titanica. Un bisonte montato su delle ruote da pullman...

Saltiamo sul nostro bestione 4x4 e aggrediamo l'asfalto del Sultano guardando tutti dall'alto in basso, anche se il nostro coso ha parecchi simili da queste parti.

Andiamo dritti all'hotel per riposarci un po' e lasciare i bagagli. Rimaniamo stupiti di come lo troviamo subito e senza fatica! Abbiamo scelto di pernottare a Muttrah che e' il quartiere piu' caratteristico della citta'. Un golfo riparato, una bella corniche, il souq e il mercato dei pescatori, e l'immancabile moschea. Muttrah sembra un paesino tranquillo e silenzioso, tutte le case sono di colore bianco, le cupole della moschea sono azzurre. Per legge del Sultano tutte le case dell'Oman devono riportare elementi architettonici arabi e rispettare lo stile della citta'. E gli omaniti eseguono, e il risultato e' ordinato e armonioso: niente grattacieli di Dubai.

Facciamo la bella passeggiata lungo il mare da Muttrah alla Vecchia Muscat dove si trova la residenza del Sultano. Anche la vecchia Muscat sembra un villaggio tranquillo e sonnolento: i bambini giocano per strada, poche macchine di passaggio e strade silenziose.

Gli omaniti se ne vanno in giro belli tranquilli nei loro camicioni bianchi d'ordinanza, con in testa il caratteristico cappello a cilindro ricamato. Ci disturbano pochissimo, generalmente rispondono solo se interpellati: mi piace.

Donne in giro poche e quelle poche che ci sono sono sepolte sotto metri di stoffa nera. Interagire con loro e' praticamente impossibile.