Informazioni pratiche

Visti e dogana

Documenti

I cittadini italiani possono entrare in Spagna senza alcuna restrizione con la sola carta d'identità valida per l'espatrio o il passaporto in corso di validità. Invitiamo coloro in possesso della cartà d'identità rinnovata con timbro di proroga a verificare se la Spagna ne riconosce la validità. I minori di 15 anni devono essere muniti della 'carta bianca' o del passaporto personale; per ulteriori dettagli rivolgetevi al vostro comune di residenza o alla questura.

Quando andare e clima

La combinazione di visitatori che si recano a Barcellona per turismo e per affari fa sì che gli alberghi siano occupati per la maggior parte dell'anno. La primavera e l'inizio dell'estate sono il periodo migliore per visitare la città. Il clima è solitamente piacevole, il numero dei turisti ragionevole e la città splendida. Nel pieno dell'estate (da metà luglio a fine agosto), invece, il caldo è asfissiante - molti residenti lasciano la città e la consegnano ai guiris (stranieri). Settembre non è male; la città ritrova il suo ritmo consueto, il caldo molla e il numero dei visitatori cala, anche se il tempo può essere incerto. Per trovare davvero la pioggia, venite in ottobre. L'inverno non è particolarmente rigido, ma assicuratevi che la vostra stanza abbia il riscaldamento.

Il clima di Barcellona è tipicamente mediterraneo, con inverni freschi ed estati calde. Se desiderate godervi il sole e le feste, i mesi migliori sono maggio, giugno e settembre. I mesi più caldi (con punte di 37°C) sono luglio e agosto.

Come arrivare

quadro generale

Se arrivate in aereo, l'aeroporto si trova a 12 km a sudovest del centro urbano. Si tratta di uno scalo piuttosto trafficato, dove atterrano numerosi voli dall'Europa e dal Nord America.In alternativa, potete prendere un treno internazionale. Gli autobus a lunga percorrenza talvolta propongono tariffe più economiche, ma sono decisamente meno confortevoli. Se volete variare, prendete un traghetto dall'Italia o dalle Baleari.

treno

Il treno è la soluzione più pratica per raggiungere Barcellona da altre grandi città spagnole come Madrid e Valencia. Venendo da altre parti d'Europa può essere un viaggio molto lungo, tenendo conto che molte compagnie aree low cost offrono ora la possibilità di risparmiare in termini di denaro e di tempo. Se viaggiate all'interno della Spagna le informazioni possono essere reperite nelle stazioni o presso le agenzie di viaggio. Una rete di rodalies/cercanías fa servizio attorno a Barcellona (e all'aeroporto). Per informazioni su questi servizi contattate Renfe (tel: 902 320320; www.renfe.es. Il treno ad alta velocità AVE collega Barcellona a Madrid in 2 ore e 40 minuti con la frequenza di 17 al giorno. Le tariffe variano molto, sopratutto se acquistate il biglietto online con almeno 15 giorni d'anticipo. Nel 2012 la linea è attesa a Perpignan (Francia del sud) per collegarsi con la linea del TGV. Un altro tipo di treno AVE ad alta velocità, chiamato Euromed, collega Barcellona a Valencia e Alicante. Gli altri treni a lunga percorrenza si chiamano TAIGOS: sono meno costosi, più lenti e fermano in quasi tutte le stazioni del percorso. I vagoni letto si chiamano trenhotel e offrono tre classi: turista (cuccette) preferente (vagone letto) e gran clase (dormirete nel puro lusso!) La principale stazione ferroviaria è la Estació Sants (Plaça dels Països Catalans; Sants Estació), 2.5km a ovest della Rambla. Al suo interno è disponibile un deposito bagagli (consigna) con armadietti a lucchetti. Ci sono treni notturni diretti da Milano, Parigi, Ginevra e Lisbona, oltre che da numerose città della Spagna e della Francia. Una nuova stazione è in fase di costruzione dalla parte opposta della città, a La Sagrera.

aereo

L'aeroporto si trova 12Km a sud-ovest del centro città a El Prat de Llobregat. Barcellona è uno scalo importante sia per i voli nazionali sia per quelli internazionali. Un gran numero di compagnie aeree, comprese molte di quelle a basso costo, effettuano voli diretti su Barcellona da varie destinazioni italiane ed europee. La tassa d'imbarco solitamente è compresa nel biglietto.

autobus

I pullman per destinazioni lontane partono dalla Estació del Nord (tel: 902 260 606; www.barcelonanord.com; Carrer d'Ali Bei 80; Arc de Triomf). Le compagnie di trasporti hanno sede in tutta la Spagna, ma la maggior parte sembra avere come capofila la Alsa-Enatcar (tel: 902 422242; www.alsa.es. Ci sono partenze frequenti per Madrid, Valencia e Zaragoza (fino a 20 al giorno) e molte partenze quotidiane per destinazioni come Burgos, Santiago de Compostela e Seville. La Eurolines www.eurolines.com è la compagnia internazionale più conosciuta. Il suo sito web fornisce i link per le varie nazioni da raggiungere. I suoi pullman partono dalla Estació del Nord e dalla Estació d'Autobusos de Sants (Carrer de Viriat; Sants Estació), vicino alla Estació Sants di Barcellona. Un'altra compagnia contattabile è la Linebús www.linebus.com. Gran parte dei Pirenei e l'intera Costa Brava sono servite solo da bus poichè il servizio ferroviario è limitato a destinazioni importanti come Girona, Figueres, Lleida, Ripoll e Puigcerdà. Molte sono le compagnie che operano in questa regione e tutte partono da Estació del Nord tranne Hispano-Igualadina e TEISA. Fra le altre compagnie segnaliamo: Alsina Graells (tel: 902 422242; www2.alsa.es ) fa parte del gruppo Continental-Auto group e gestisce i bus che da Barcellona si dirigono a ovest e nordovest in città come Vielha, La Seu d'Urgell e Lleida. Barcelona Bus (tel: 902 130014; www.sagales.com ) gestisce la linea fra Barcellona e Girona (e Girona- aeroporto in Costa Brava), Figueres, parte della Costa Brava e Catalogna nordoccidentale. Hispano-Igualadina (902 292900; www.igualadina.net; Estació Sants e Plaça de la Reina Maria Cristina) serve la Catalogna centrale. SARFA (tel: 902 302025; www.sarfa.com ) il più grande operatore della Costa Brava. TEISA (tel: 972 20 48 68; www.teisa-bus.com; Carrer de Pau Claris 117; Passeig de Gràcia) copre larga parte dei Pirenei catalani orientali da Girona e Figueres. Da Barcellona i pullman si dirigono verso Camprodon via Ripoll e a Olot via Besalú.

nave/traghetto

Potete arrivare a Barcellona anche via traghetto, dalle Baleari o dall'Italia. Grandi Navi Veloci (tel: 902 410200, 93 443 98 98, in Italia 010 209 4591; www1.gnv.it; Moll de San Beltran; Drassanes) offre un servizio giornaliero con traghetti di lusso ad alta velocità fra Genova e Barcellona. La traversata dura 18 ore. Le tariffe variano a seconda della stagione e della data di acquisto. Grimaldi (tel: 902 531333, in Italia 081 496444; www.grimaldi-ferries.com ) fornisce un servizio simile da Barcellona a Civitavecchia (20 ore) e Livorno (19½ ore) fino a sei alla settimana. Dalle Baleari ci sono servizi di linea, sui quali troverete cabine per la notte (4 posti) e navi veloci; potete rivolgervi a Acciona Trasmediterránea (tel: 902 454645; www.trasmediterranea.es; Drassanes) o a Baleària (tel: 902 160180; www.balearia.net ).

Trasporti locali

quadro generale

La metropolitana è forse il più comodo e rapido modo per muoversi in città. Gli autobus e i treni suburbani vi saranno utili se dovrete spostarvi più in là. Dall'aeroporto, gli autobus vi porteranno in città senza problemi.Naturalmente, in una città come Barcellona sarà molto piacevole camminare, ma anche prendere una bici a noleggio non è una cattiva idea, a dispetto del traffico molto intenso. Guidare a Barcellona è un'impresa snervante, così vi consigliamo di ricorrere ai mezzi pubblici, taxi compresi.

a piedi

Il Barri Gòtic e le aree circostanti sono l'ideale per passeggiare, ma forse vi serviranno i mezzi pubblici per raggiungere con più facilità altri luoghi d'interesse, come La Sagrada Família e il Parc Güell.

autobus

I bus del Transports Metropolitans de Barcelona (TMB; tel: 010; www.tmb.net) viaggiano dalle 5-6 alle 22-23. Molte linee passano da Plaça de Catalunya e/o Plaça de la Universitat. Dopo le 23 un servizio ridotto di bus gialli chiamati nitbusos viaggia fino alle 3-5 del mattino. Tutti questi autobus notturni passano da Plaça de Catalunya ogni 30 o 45 minuti. Il servizio della Renfe collega la città all'aeroporto e ai centri vicini. La TMB (tel: 902 701181; www.trambcn.com ) gestisce le linee (T1, T2 e T3) che si spingono alla periferia di Barcellona. La linea T4 va da dietro lo zoo (vicino alla fermata metro Ciutadella Vila Olímpica) a Sant Adrià via Glòries e il Fòrum. La linea 5 va da Glòries a Badalona.

bicicletta

Molte piste ciclabili sono state realizzate a Barcellona sia sulle strade principali (incluse Gran Via de les Corts Catalanes, Avinguda Diagonal, Carrer d'Aragó, Avinguda de la Meridiana e Carrer de la Marina) sia su quelle secondarie in modo da consentire il trasporto su due ruote, rispettoso dell'ambiente. Una pista fronte mare collega Port Olímpic a Riu Besòs. Nel Parc de Collserola è percorribile la ronda verde un sistema di piste lungo 72km, ancora incompleto. Il regolamento cittadino impedisce ai ciclisti di usare le corsie degli autobus e i marciapiedi lasciando ai pedalatori ben poche alternative al traffico congestionato. Barcellona deve sicuramente migliorare da questo punto di vista se vuole diventare il paradiso dei ciclisti. La bici si può portare sulla metro nei giorni feriali tranne in questi orari: 6.30-9.30 o 16.30-20.30. Nei giorni festivi e nei mesi di luglio e agosto, non ci sono restrizioni. Per quanto riguarda i treni, la bici può salire sui FGC in qualsiasi momento e su quelli della RENFE dalle 10 alle 15 (feriali) e tutto il giorno nei weekend e i festivi. Sono veramente molte le strutture commerciali dalle quali noleggiare una bici, di seguito alcune proposte: BarcelonaBiking.com (tel. 656 356300; www.barcelonabiking.com; Baixada de Sant Miquel 6) city e mountain bikes. Barnabike (tel: 93 269 02 04; www.barnabike.com; Carrer del Pas de Sota la Muralla 3; 10-19.30) noleggia tutti i tipi di bici (anche le kick bike, un incrocio fra un monopattino e una bici) kart, Trikke (una bici senza pedali che sfrutta la propulsione muscolare), bici elettriche e bici per bambini.

taxi

Vi consigliamo di non girare per Barcellona con la vostra auto - il traffico sarebbe un inutile incomodo, dal momento che la rete dei mezzi pubblici è eccellente e i taxi facili da prendere. La luce verde sul tetto indica che il taxi è disponibile. I taxi addebitano 2.00 euro per la fermata più la tariffa del tassametro che è 0.86 per km (1.10 euro la notte e i weekend). Aggiungete 3.10 euro per e da l'aeroporto e 1.00 euro per bagagli più grandi di 55x55x35cm. Potete chiamare un taxi ai seguenti numeri: (tel: 93 225 00 00, tel: 93 300 11 00, tel: 93 303 30 33, tel: 93 322 22 22, tel: 704 101112). C'è un diritto di chiamata pari a 3.40 di giorno e 4.20 di notte e nei weekend. Alcuni taxi vi consentiranno di pagare con la carta di credito. Se avete un numero locale potete prenotare un taxi online sul sito www.radiotaxi033.com oppure sul sito www.catalunyataxi.com. Esistono taxi abilitati per il trasporto dei disabili o semplicemente di oggetti molto ingombranti: Taxi Amic (tel: 93 420 80 88; www.terra.es/personal/taxiamic ). Prenotate con almeno 24 ore di anticipo. A Barcellona potete anche prendere un trixie, (un ciclotaxi coperto, a tre ruote) che da Marzo a Novembre opera dalle 11 alle 20 sul lungomare (tel: 93 310 13 79; www.trixi.info; Plaça dels Traginers 4).

metro

La metropolitana è il mezzo migliore per muoversi in città. Per le località più distanti, ricorrete ad autobus o treni suburbani.

Orientarsi

La costa di Barcellona va da nordest a sudovest e molte strade sono parallele o perpendicolari al lungomare. Le due colline principali - Montjuïc e Tibidabo - costituiscono validi punti di riferimento. Il cuore della città è La Rambla, un viale lungo 1,25 km, che taglia Barcellona a nordovest e sale da Port Vell (il porto vecchio) a Plaça de Catalunya. La Plaça fa da spartiacque tra la città vecchia (Ciutat Vella) e i quartieri più recenti. L'Eixample, la risposta data dalla città nel XIX secolo al sovraffollamento, muove per 1,5 km in direzione nord, a est e ovest di Plaça de Catalunya. Il Montjuïc inizia a circa 700 m a sudovest dell'estremità sudorientale della Rambla, e il Tibidabo, che vanta una torre della televisione e una statua dorata di Cristo, si trova a 6 km a nordovest della citta.La Ciutat Vella, un intrico di strade strette, antichi edifici e alberghi a prezzi modici, è distribuita su entrambi i lati della Rambla. Il Barri Gòtic (Quartiere Gotico) ne è il cuore, e si trova in prossimità della metà inferiore della porzione orientale del viale. A ovest si trova El Raval, un tempo uno dei quartieri più turbolenti della città, ora sta diventando una zona alla moda. Port Vell ha un eccellente acquario moderno e due porti turistici, e la sua estremità nordorientale è chiamata La Barceloneta, il vecchio quartiere dei marinai. Le spiagge e il lungomare proseguono da qui, in direzione nordest, verso Port Olímpic, un porto realizzato per le Olimpiadi del 1992, dove troverete bar animati e ristoranti.

Salute e sicurezza

La Spagna ha accordi sanitari reciproci con gli altri paesi dell'UE, e quindi i cittadini di questi paesi potranno utilizzare la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM). Tale tessera è stata inviata a domicilio a tutti i cittadini italiani assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale e consente di usufruire dell'assistenza sanitaria gratutita nelle strutture pubbliche del paese per la maggior parte delle prestazioni (anche se non urgenti). La Tessera Europea non copre invece il rimpatrio in caso di emergenza. Ogni membro della famiglia dovrà avere la propria tessera. In caso di smarrimento potete richiederne un duplicato alla vostra ASL. Di seguito alcune farmacie aperte 24/24: Farmàcia Álvarez (tel: 93 302 11 24; Passeig de Gràcia 26); Farmàcia Clapés (tel: 93 301 28 43; La Rambla 98); Farmàcia Torres (tel: 93 453 92 20; www.farmaciaabierta24h.com; Carrer d'Aribau 62). Per problemi più seri potete rivolgervi ai seguenti ospedali: Hospital Clínic i Provincial (tel: 93 227 54 00; Carrer de Villarroel 170); Hospital de la Santa Creu i de Sant Pau (tel: 93 291 90 00; Carrer de Sant Antoni Maria Claret 167); Hospital Dos de Maig (tel: 93 507 27 00; Carrer del Dos de Maig 301).

Non si ripeterà mai abbastanza ai nuovi arrivati a Barcellona di fare attenzione: è forse la città più rischiosa per chi possiede carte di credito, ma anche i furti comuni sono la norma e la lista delle vittime comprende anche molti autori di guide di viaggio...Portatevi dietro solo piccole somme; il grosso del denaro è più al sicuro sotto forma di travellers' cheque o di carta di credito. Fate uso della cassetta di sicurezza del vostro albergo. Se vi portate dietro denaro o oggetti di valore, conservateli in un posto sicuro, come una cintura porta soldi. Farete bene, naturalmente, a non portarla in evidenza, sopra gli abiti. Gli uomini possono infilare il portafogli nelle tasche anteriori dei jeans; alle donne consigliamo di fare attenzione alle borsette. Se girate con lo zainetto, anche se lo tenete in spalla tutto il tempo, non infilate oggetti di valore nelle tasche più accessibili. Fate attenzione soprattutto sulla metropolitana e nelle zone più turistiche della città, come La Rambla e il Barri Gotic, ma anche sulle spiagge. Anche la zona portuale di El Raval - a sinistra del celebre Barrio Xines - non è il posto ideale per fare i turisti svagati. Per evitare lunghe code per le denunce potete farla per telefono (tel: 902 102112) in varie lingue o su internet sul sito www.policia.es in spagnolo. Il giorno seguente recatevi alla stazione di polizia per ritirare e firmare la denuncia evitando così le code. E' possibile denunciare i furti anche alla polizia catalana Mossos d'Esquadra - www.gencat.net/mossos. Questi ultimi hanno una indaffaratissima stazione di polizia nella zona della Rambla (Carrer Nou de la Rambla 80; Paral.lel). In alternativa, rivolgetevi alla Guàrdia Urbana (La Rambla 43).

Consigli ai viaggiatori

Donne

Le donne in viaggio dovranno essere pronte a ignorare sguardi, fischi e commenti inopportuni, anche se le molestie sono molto meno frequenti di quanto si possa immaginare.Pensateci due volte, prima di avventurarvi in località isolate o in spiagge poco frequentate, o nelle vie deserte nelle ore della notte. Sconsigliamo vivamente alle donne che viaggiano da sole di ricorrere all'autostop - che non è un sistema sicuro nemmeno se si viaggia in due.Sulle spiagge catalane si può prendere il sole in topless, così come nelle piscine. Gli abiti succinti di solito non attirano più di tanto l'attenzione a Barcellona o nelle località della costa, ma sappiate che nell'interno della Catalogna la mentalità è più conservatrice.

Gay/Lesbiche

L'omosessualità è una pratica legale in Spagna, e l'età del consenso sessuale è 16 anni, naturalmente anche per i rapporti eterosessuali. La Catalogna ha fatto un passo avanti sostanziale nel 1998, quando ha introdotto una legge che riconosce le coppie omosessuali.Barcellona ha una scena gay molto animata; in alcuni negozi e bar sono a disposizione un paio di riviste dedicate al panorama gay in città. Una è il bisettimanale Shanguide. Le sue pagine sono ricche di informazioni e contatti e si rivolgono in particolare ai lettori di Barcellona e di Madrid. Una pubblicazione simile è Shangay Express, che contiene però articoli migliori e indicazioni più accurate. Merita di essere sfogliata anche la Punto Guía de España para Gays y Lesbianas, una guida dal taglio nazionale che riporta bar, ristoranti, hotel e negozi frequentati da gay in tutto il paese.

Diversamente abili

Anche se alcuni luoghi sono ormai predisposti ad accogliere i disabili, la città presenta ancora numerose barriere architettoniche. Alcuni alberghi e luoghi pubblici dispongono di accessi per le sedie a rotelle. Anche alcuni mezzi pubblici, come la linea 2 della Metro, alcuni autobus e taxi, sono accessibili ai disabili. Tutte le stazioni della Metro e gli autobus dovrebbero essere attrezzati per il 2007 (nel 2004 solo il 12% delle stazioni della metro era accessibile ai disabili).

Bambini

Una delle migliori qualità di Barcellona (e della Spagna in generale) è la capacità di coinvolgere i bambini in molte attività. Uscire a cena o andare a bere una birra in una sera d'estate non significa dover lasciare a casa i vostri figli. In città c'è l'abitudine di portare i bambini con sé e non ci si preoccupa più di tanto di far tardi.Forse i vostri bambini si annoieranno un po' se proporrete loro solo chiese e musei, ma avrete la possibilità di portarli in posti capaci di catturare la loro attenzione. Molti luoghi d'interesse, a Barcellona, riescono ad affascinare i viaggiatori più giovani. Scegliete la meta in base all'età dei vostri figli.La Font Magica cattura l'attenzione dei bambini per 15 minuti buoni e anche l'adulto più freddo e razionale non può restare indifferente. Se i vostri figli adorano l'acqua, portateli all'Aquarium. Proveranno l'esperienza di essere in fondo al mare, con meduse e squali, e diventeranno come se fossero al mare.