Informazioni pratiche

Visti e dogana

Documenti

I viaggiatori di nazionalità italiana, così come quelli della maggior parte dei paesi, necessitano di un visto d'ingresso che consente una permanenza di 30 giorni. I cittadini italiani possono ottenerlo al momento dell'arrivo in Indonesia (VOA), all'aeroporto, in determinati punti di confine autorizzati e in alcuni porti marittimi. Il rilascio del VOA non è previsto ai posti di confine via terra. Per un soggiorno superiore ai 30 giorni sarà invece necessario farne richiesta prima della partenza presentando, fra gli altri documenti, il passaporto con una validità residua di almeno sei mesi e il biglietto aereo di andata e ritorno o di proseguimento del viaggio. Per maggiori informazioni sui tempi, costi e procedure di rilascio dei visti contattate la sezione consolare dell'Ambasciata indonesiana in Italia: (tel. 06 420 0911; fax 06 488 0280; indorom@uni.net; www.indonesianembassy.it; Via Campania 55, 00187 Roma).

Quando andare e clima

La stagione secca, in particolare tra giugno e ottobre, è la migliore per il trekking e per raggiungere le zone più remote. La stagione delle piogge, da ottobre a maggio, è un po' più calda e decisamente più umida, ma gradevole per viaggiare; sotto certi aspetti è più piacevole delle condizioni asciutte, polverose, e il paesaggio è più verde e affascinante.

Come arrivare

Le compagnie Merpati, GT Air e Wings Air collegano Lombok a Bali. Ci sono numerosi voli giornalieri da Mataram a Denpasar (Bali), a Sumbawa Besar e Bima (Nusa Tenggara) e a Surabaya (Java). Frequenti traghetti collegano Lembar (Lombok) a Padangbai (Bali). La traversata dura almeno quattro ore. I traghetti per Sumbawa partono da Labuhan Lombok e arrivano a Poto Sano. Il viaggio richiede meno di due ore.

Trasporti locali

Lombok ha un'estesa rete stradale, ma gli autobus e i bemo pubblici viaggiano in genere solo sulle strade principali. I bemo, o minibus, percorrono tutte le strade dell'isola; in alternativa ne potete noleggiare uno. Oltre a questi, potete affittare un cidomo (carro trainato da pony), trovare un passaggio su una motocicletta o spostarvi a piedi. Nel nord-est e nel sud normalmente esistono trasporti pubblici tra le cittadine più grandi, ma sono poco frequenti e diventano molto rari quando fa buio. Potete girare l'intera isola e raggiungere la maggior parte delle località più lontane se avete un vostro mezzo di trasporto. La motocicletta è l'opzione meno costosa e più versatile, ma un'auto a noleggio (abbastanza alta da terra) vi permetterà di fare molta strada. Le mountain-bike sono il mezzo ideale, perché le potete caricare sulle imbarcazioni per passare da una costa a un'altra o per visitare le isole. Le barche a bilanciere, chiamate prahu, si usano per brevi tratti per raggiungere i punti adatti allo snorkelling, o al surf, mentre le barche leggermente più grandi (jukung) consentono di spostarsi tra un'isola e l'altra.