Informazioni pratiche

Visti e dogana

Documenti

I cittadini italiani possono entrare in Francia senza alcuna restrizione con la sola carta d'identità valida per l'espatrio (attenzione, le carte d'identità rinnovate con il solo timbro di proroga potrebbero non essere riconosciute come valide in territorio francese: informatevi prima della partenza e, nel caso, procuratevi un altro documento valido) o il passaporto in corso di validità. Per i ragazzi di età inferiore a 15 anni, informatevi presso la questura circa il documento più adatto per un viaggio all'estero.

Quando andare e clima

Come dice la vecchia canzone, Parigi è bellissima in primavera, anche se a volte un po' umida. In inverno la città offre ai visitatori ogni sorta di manifestazione culturale, mentre in estate fa molto caldo e i ritmi rallentano - a volte l'afa è opprimente. In agosto, quando i parigini corrono verso le spiagge del sud o dell'ovest, molti ristoranti abbassano la serranda, anche se negli ultimi anni le cose sono piuttosto cambiate: troverete molti più esercizi aperti rispetto a qualche decennio fa. La città è molto affollata a ridosso della festa nazionale (14 luglio; Presa della Bastiglia) e nell'ultima settimana dell'anno: prenotare con molto anticipo è sempre un'ottima idea.

Il bacino di Parigi si trova a metà tra la Bretagna e l'Alsazia, e il suo clima è influenzato da entrambe. La regione dell'Île de France è la meno piovosa di Francia, ma le precipitazioni possono variare di anno in anno. Potrebbe capitarvi di trovarvi nel mezzo di intense piogge primaverili, di un acquazzone autunnale o di un nubifragio estivo. La temperatura media di Parigi è di 12°C (3°C in gennaio, 19°C in luglio), ma la colonnina di mercurio spesso precipita sotto lo zero in inverno e supera i 35°C in estate.

Come arrivare

quadro generale

Parigi è uno dei centri nevralgici dei trasporti europei ed è servita da tre aeroporti e da sei stazioni internazionali. La rete ferroviaria è davvero efficiente e vi porterà in un baleno in ogni angolo di Francia. Ci sono treni TGV da Amsterdam e Bruxelles ed Eurostar per Londra. Gli autobus possono andar bene per viaggi internazionali, ma se si resta in Francia non sono l'opzione migliore.

treno

Grazie ai treni TGV (train à grande vitesse) di cui i francesi vanno fieri, si possono raggiungere in poche ore tutte le città della nazione. Parigi ha 6 stazioni, ciascuna con la sua fermata di métro: Gare d'Austerlitz (13e), Gare de l'Est (10e), Gare de Lyon (12e), Gare du Nord (10e), Gare Montparnasse (15e) e Gare St-Lazare (8e). Ciascuna ha in carico le destinazioni di una parte specifica della nazione. Per informazioni: SNCF (tel: 36 35, 0 892 353 535; www.voyages-sncf.com ). Il superveloce Eurostar (tel: 0 836 353 539; www.eurostar.com ) collega la Gare du Nord con la nuovissima St-Pancras di Londra in poco più di 2 ore. La Gare du Nord è anche il punto di partenza dei treni Thalys (tel: 36 35, 0892 353 536; www.thalys.com ) per Bruxelles, Amsterdam e Colonia. Per informazioni su come arrivare in treno dall'Italia, visitate il sito delle Ferrovie dello stato italiane ( www.fsitaliane.it )

aereo

Tutte le grandi compagnie aeree fanno scalo a Parigi; per informazioni contattate: Aéroports de Paris (tel: 39 50, dall'estero: +33 1 70 36 39 50; www.aeroportsdeparis.fr ). Parigi è servita da tre aeroporti, l'Aéroport d'Orly e l'Aéroport Roissy Charles de Gaulle entrambi ben collegati con il centro. L'Aéroport de Beauvais è più decentrato, ma lì atterrano i charter e alcune compagnie low-cost. Orly è il più piccolo e il più vecchio aeroporto di Parigi (ORY; tel: 39 50, dall'estero tel: +33 1 70 36 39 50; www.aeroportsdeparis.fr ) ed è a 19 km dalla città. E' collegata continuamente da navette gratuite da/per i parcheggi e la stazione RER C Pont de Rungis-Aéroport d'Orly; la linea ferroviaria automatica Orlyval unisce i due terminal con la stazione RER B Antony. L'aeroporto Roissy Charles de Gaulle (CDG; tel: 39 50, dall'estero tel: +33 1 70 36 39 50; www.aeroportsdeparis.fr ), è 28km a nordest della città, ha tre aérogares (terminal) e due stazioni ferroviarie servite da treni. Per spostarsi tra i due aeroporti è necessario prendere la linea B3 della RER fino alla stazione Antony e poi la linea automatica Orlyval oppure usufruire sul bus n. 3 della Air France che collega i due aeroporti. Entrambi i viaggi dureranno un'ora, esattamente quanto in taxi (da 50 a 65 euro). Alcune compagnie low-cost utilizzano l'aeroporto Paris-Beauvais (BVA; tel: 0 892 682 066; www.aeroportbeauvais.com ), 75km a nord di Parigi.

autobus

La Eurolines (tel: 0 892 899 091, dall'estero +33 1 41 86 24 21; www.eurolines.fr; 55 rue St-Jacques, 5e; 9.30-18.30 lunedì-venerdì, 10-13 e 14-17 sabato; Cluny-La Sorbonne), che ha forme di associazione con più di 30 compagnie di trasporti nazionali e internazionali (per esempio, Eurolines Italia - www.eurolines.it ) collega la città con quasi tutta l'Europa, la Scandinavia e il Marocco. La stazione, Gare Routière Internationale de Paris-Galliéni (tel: 0 892 899 091; 28 av du Général de Gaulle; Galliéni), è il punto di partenza di tutte le tratte.

nave/traghetto

La compagnia di navigazione Hoverspeed organizza viaggi combinati autobus-nave-autobus con partenza da Londra, ma, vista la convenienza del tunnel sotto la Manica, vi consigliamo di prendere in considerazione quest'ultima ipotesi. Ci sono inoltre traghetti e hovercraft anche tra la Francia e l'Irlanda.

automobile

Grazie al servizio Eurotunnel ora potete guidare da Londra a Parigi, con la vostra auto comodamente alloggiata sul treno navetta. Se arrivate dall'Italia o da un altro paese europeo, le autostrade francesi vi porteranno a Parigi con facilità, anche se sono piuttosto costose.

Trasporti locali

quadro generale

Girare a piedi è il modo migliore per scoprire Parigi - attenti, però, alle strisce pedonali, non sempre rispettate. Il trasporto pubblico è efficiente. Comprende Métro, RER (Réseau express régional), tram e autobus diurni e notturni. Il Métro fluvial, noto come Voguéo ( www.vogueo.fr ), è in servizio lungo la Senna, è attualmente in fase di riprogettazione e dovrebbe tornare attivo nel 2013. La bicicletta è in grande ripresa, grazie a iniziative come il Vélib' ( www.velib.paris.fr ), un sistema di noleggio automatico.

autobus

Il servizio bus di Parigi è gestito dalla RATP con i seguenti orari: dalle 5.30 alle 20.30 lunedì-sabato; dopo, altre 20 linee del service en soirée (servizio serale) subentrano fino alle 00.30. Le corse sono drasticamente ridotte la domenica e nei giorni di festa quando i pullman viaggiano dalle 7 alle 20.30. Oltre ai bus serali ci sono anche i notturni. Le tariffe rimangono invariate per tutto l'arco della giornata. Gli autobus notturni iniziano le loro corse quando il métro smette di funzionare (intorno all'1 da domenica a giovedì, e alle 2.15 venerdì e sabato). I bus partono ogni ora dalle 00.30 alle 5.30. La RATP offre 47 linee di bus notturni ( www.noctilien.fr ), inclusi servizi diretti e semidiretti per la periferia. I bus passano per le principali stazioni ferroviarie e sono tutti equipaggiati con sistemi di sorveglianza collegati con la polizia locale. I servizi Noctilien sono gratuiti se avete la tessera Mobilis o Paris Visite. Le tariffe sono calcolate per zone: per una o due zone basta un biglietto; per percorsi più lunghi ci vogliono 2 biglietti. Non si può passare da un bus all'altro o al métro con lo stesso biglietto. Andare in periferia può costarvi 3 biglietti.

bicicletta

Andare in bici in città non è mai stato così facile da quando hanno istituito il Vélib' (vélo, bici in francese + liberté), una rete di griglie self-service dove si possono prendere a noleggio delle bici, pedalare per la città e riposizionarle in un altro punto. Iniziativa dal successo incredibile fin dal suo esordio nel 2007 il Vélib' (tel: 01 30 79 79 30; www.velib.paris.fr ); ha rivoluzionato il modo in cui i parigini si spostano. In tutta la città, ci sono 1451 stazioni Vélib' per un totale di 23.300 biciclette e sono accessibili 24/24. Per noleggiarne una, dovrete avere un abbonamento Vélib': sul momento se ne può attivare uno giornaliero o settimanale con carta di credito dotata di microchip presso tutti i distibutori automatici. Come cauzione si versa un deposito di 150 euro, che vengono trattenuti se la bici che si noleggia non viene restituita o risulta rubata. Se arrivate a una griglia e questa fosse piena, potete inserire la tessera nell'apparecchio dell'interfaccia multilingue per ottenere altri 15 minuti di noleggio gratis per trovare un deposito vuoto. Le bici sono completamente equipaggiate e hanno il lucchetto, ma non il casco.

taxi

I taxi addebitano 2.20 euro alla 'chiamata'. Ci sono differenti tipi di tariffe: la A, con luce bianca sul tetto del taxi e sul tassametro, in utilizzo dalle 10 alle 17 lunedì-venerdì; di notte (dalle 17 alle 10), la domenica e nella prima periferia si applica la tariffa B, luce arancione; infine, per la periferia esterna si applica la tariffa C, luce blu. Si paga un supplemento di 1 euro per ogni bagaglio oltre il primo. A Parigi è facile imbattersi in taxi non autorizzati soprattutto dopo l'1 del mattino. Non se ne garantiscono né le tariffe, né la sicurezza. Per chiamarne uno al call center centralizzato tel: 01 45 30 30 30, passeggeri con problemi di mobilità tel: 01 47 39 00 91; 24/24) oppure, online, Alpha Taxis (tel: 01 45 85 85 85; www.alphataxis.com ), Taxis Bleus (tel: 01 49 36 29 48, 0 891 701 010; www.taxis-bleus.com ) o Taxis G7 (tel: 01 47 39 47 39; www.taxisg7.fr ).

nave/traghetto

Per un servizio flessibile, 'sali e scendi' alternativo alle crociere inamidate sulla Senna, utilizzate la Compagnie de Batobus (tel: 0 825 050 101; www.batobus.com; 10-21.30 fine Maggio-Agosto, 10-19 Settembre-inizio Novembre e metà Marzo-fine Maggio, 10.30-16.30 metà Novembre-inizio Gennaio e inizio Febbraio-metà Marzo, chiuso inizio Gennaio-inizio Febbraio). La sua flotta di trimarani con copertura in vetro si ferma su piccoli pontili lungo la Senna e i biglietti vengono venduti alle fermate e negli uffici turistici.

metro

Potete dire quello che volete sul guidare a Parigi, ma i trasporti pubblici cittadini sono davvero di ottima qualità. La scelta più interessante è rappresenta dalla Métropolitain (e dalla RER, rete di trasporto suburbana che si interseca, all'interno della città, con la rete della metropolitana), un sistema di comunicazione davvero gigantesco. In qualunque posto della città vi troviate, state certi di avere una stazione della metropolitana a pochi isolati. Ogni linea ha i suoi orari ma generalmente le corse iniziano alle 5.30 e terminano alle 00.35-1.00 (2.15 sabato e domenica).

automobile

Se non lo avete capito, guidare a Parigi è il modo migliore per farvi saltare i nervi - se non volete rischiare l'esaurimento, servitevi dei mezzi pubblici, che in genere sono molto efficienti e poco costosi.

Orientarsi

Capitale del paese, nonché della storica regione dell'Île de France, Parigi è situata nella parte centro-settentrionale della Francia, 265 km a sud-ovest di Bruxelles, a 295 km dal Lussemburgo e 510 km a ovest di Stoccarda. Il centro della città, noto come Intra-Muros (fra le mura), è un luogo splendido, dalla forma ovale, diviso nettamente in due parti dalla Senna, con 20 arrondissements (quartieri) che si distendono in un susseguirsi di fascino e bellezza. Sull'area a nord del fiume, chiamata Rive Droite (Riva Destra), si trova il viale alberato degli Champs-Élysées, che si snoda a ovest dell'Arco di Trionfo. A est del viale si trovano l'imponente Museo del Louvre, il Centre Georges Pompidou e una vivace zona ricca di musei, negozi, mercati e ristoranti. Verso sud, nelle immediate vicinanze del Centre Pompidou, sull'Île de la Cité, si trova la cattedrale di Notre Dame. Sull'area a sud del fiume, detta Rive Gauche (Riva Sinistra), si erge la Tour Eiffel. Sul lato orientale, nei quartieri di Saint-Germain de Prés e Montparnasse, i famosi circoli accademici, artistici e intellettuali di Parigi sembrano fare capolino tra il fumo delle Gitanes.

Salute e sicurezza

I rischi sanitari ai quali sarete esposti si riducono a qualche colpo di sole, vesciche ai piedi, punture di insetto e indigestione, se mangerete o berrete troppo.La Francia ha accordi sanitari reciproci con gli altri paesi dell'UE, e quindi i cittadini di questi paesi potranno utilizzare la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM). Tale tessera è stata inviata a domicilio a tutti i cittadini italiani assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale e consente di usufruire dell'assistenza sanitaria gratutita nelle strutture pubbliche del paese per la maggior parte delle prestazioni (anche se non urgenti). La Tessera Europea non copre invece il rimpatrio in caso di emergenza. Ogni membro della famiglia dovrà avere la propria tessera. In caso di smarrimento potete richiederne un duplicato alla vostra ASL. In caso di problemi seri ci sono 50 punti di assistance publique a Parigi.

In generale, Parigi è una città sicura e le molestie per le strade sono rare. La cosiddetta Ville Lumière (Città della luce) è in genere molto ben illuminata e non c'è motivo per non usare il métro, che in genere presta servizio fino alle 00:30 e a volte fino all' 1 di notte.Le stazioni del métro che sarebbe bene evitare nelle ore notturne sono: Châtelet-Les Halles e i suoi interminabili corridoi; Château Rouge a Montmartre; Gare du Nord; Strasbourg St-Denis; Réaumur Sébastopol e Montparnasse Bienvenüe. "Bornes d'alarme" (dispositivi di allarme) sono situati nel mezzo di ogni fermata del métro/RER e in alcuni corridoi delle stazioni.I crimini non violenti, come gli scippi e i furti dalle borse, sono frequenti in tutti i luoghi affollati, soprattutto dove si trovano i turisti. I posti in cui fare particolare attenzione sono Montmartre (soprattutto intorno al Sacré Coeur); Pigalle; l'area delle Halles e del Centre Pompidou; il Quartiere Latino (soprattutto nel rettangolo tra rue St-Jacques, blvd St-Germain, blvd St-Michel e quai St-Michel); nei pressi della Tour Eiffel; sul métro nelle ore di punta. Prendete le consuete e ovvie precauzioni: non portate con voi più denaro di quanto vi occorra e tenete carta di credito, passaporto e ogni altro documento in una tasca segreta, oppure nella cassetta di sicurezza dell'albergo. Vigipirate è un piano di sicurezza istituito dalla città di Parigi per combattere il terrorismo. Sia i cittadini che i turisti sono invitati ad avvertire le autorità qualora trovino valigie o pacchi abbandonati. Se il Vigipirate è in azione, troverete i cestini per la spazzatura dei luoghi pubblici sigillati, i depositi bagagli delle stazioni e degli aeroporti chiusi, i controlli nei siti turistici intensificati e i guardaroba dei teatri e dei musei non utilizzabili.

Consigli ai viaggiatori

Donne

Le donne francesi ottennero il diritto di voto nel 1945 dal breve governo postbellico del generale De Gaulle, ma fino al 1964 una donna doveva ancora chiedere il permesso del proprio coniuge per aprire un conto in banca o ricevere un passaporto. Le giovani donne francesi sono libere ed emancipate, ma i diritti di cui godono non sempre si traducono in una corrispodente parità nei rapporti lavorativi, dove i colleghi maschi hanno più facilità nel raggiungere posizioni di responsabilità e di potere.Di solito è più facile che sia una donna ad attrarre attenzioni indesiderate rispetto a un uomo, ma le donne in viaggio non corrono particolari pericoli in giro per la città. Le aggressioni e le molestie sono rare. In ogni caso, sembra che i francesi non attribuiscano il giusto peso al problema delle molestie sessuali (harcèlement sexuel), e molti uomini forse pensano ancora che lanciare occhiate eloquenti alle donne sia un modo per far loro i complimenti.Come vedrete voi stessi, le donne viaggiano da sole sulla metropolitana anche nelle ore della sera, ma non tutte ne parlano come di un'esperienza davvero sicura e raccomandabile.

Gay/Lesbiche

Parigi ospita una fiorente comunità di gay e lesbiche, e le coppie omosessuali sono un incontro frequente nelle strade. Nel 1999 il governo ha varato le norme PACS (Pacte Civile de Solidarité), allo scopo di conferire alle coppie omosessuali gli stessi diritti (per esempio, riguardo alle eredità) degli eterosessuali sposati, e nel maggio 2001 Parigi ha eletto Bertrand Delanoë, il primo sindaco dichiaratamente omosessuale di una capitale europea.

Diversamente abili

Parigi non è particolarmente attrezzata per accogliere i disabili: le rampe sono rare, gli edifici più vecchi e gli alberghi economici spesso sono privi di ascensori, e la metropolitana, in gran parte costruita decenni orsono, non è accessibile per chi si muove in sedia a rotelle (fauteuil roulant). Si stanno però facendo molti sforzi per adeguare le strutture alle esigenze dei disabili, tanto che all'inizio del XXI secolo l'ufficio turistico ha lanciato l'iniziativa 'Tourisme et handicap', grazie alla quale i musei, i siti di interesse culturale, gli alberghi e i ristoranti privi di barriere architettoniche e in grado di offrire servizi e assistenza ai disabili espongono un marchio particolare all'ingresso. Sul sito dell'ufficio turistico ( www.parisinfo.com ) troverete l'elenco di queste strutture cliccando su 'Practical Paris' (o 'Paris pratique', in francese).

Bambini

Parigi è ricca di luoghi che piaceranno ai bambini. Le famiglie che visitano la città possono inserire nel programma della giornata qualche sosta nei numerosi parchi e giardini che circondano i musei e i luoghi di interesse storico. Una splendida idea è portare i bambini sulla Tour Eiffel, dall'alto della quale potranno osservare la città, per poi scendere a esplorarla con maggior interesse.