Istanbul:

    Mete

    Moschea Blu (Moschea del Sultano Ahmet)

    religioso/spirituale / interesse architettonico
    Sultanahmet
    Hippodrome
    tel.: 212 518 1319 (info)
    Chiamata blu per le maioliche di İznik che ne rivestono l'interno straordinario, questa moschea è una delle più grandi e frequentate della città. Il Sultano Ahmet si propose di realizzare una moschea che potesse competere con la chiesa di Giustiniano, fino a superarne lo splendore; arrivò a un passo dall'obiettivo.

    La Moschea Blu è un trionfo di armonia, proporzione ed eleganza. Il suo architetto, Mehmet Aÿa, realizzò un'opera che produce all'esterno lo stesso effetto estetico che Santa Sofia suscita con i suoi interni.Per apprezzare al meglio la moschea e la sua bellezza architettonica, avvicinatela dalla facciata. Il disegno della Moschea Blu è in classico stile ottomano. Avanzate verso la moschea superando la porta che si apre lungo le mura perimetrali. Osservate la piccola cupola sopra l'ingresso: è un invito dell'architetto a farvi alzare gli occhi verso il cielo.Dopo aver oltrepassato la porta, il vostro sguardo cadrà su una scalinata che termina di fronte a una seconda porta sormontata anch'essa da una cupola; oltre questa porta c'è un'altra cupola, quella della fontana delle abluzioni al centro del cortile della moschea. Salendo i gradini, vedrete un susseguirsi di semi-cupole: prima quella che sovrasta l'ingresso principale della moschea, poi quella più su, e poi un'altra e un'altra ancora.La cupola superiore corona tutto l'insieme e la vostra attenzione sarà catturata dalle pareti laterali, dove un gran numero di cupole più piccole, insieme ai numerosi minareti, rinforza l'effetto di elevare lo sguardo del visitatore verso il cielo.

    Orari: chiusa nelle ore della preghiera

    Foto dei viaggiatori - Istanbul


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati