Italia:

    Mete interessanti

    Roma

    Roma è indubbiamente sinonimo di storia. Ogni periodo del suo lungo passato ha lasciato qualche testimonianza: vi sono tombe etrusche, vestigia dell'era repubblicana, templi imperiali, chiese paleocristiane, campanili medievali, palazzi rinascimentali e basiliche barocche. In questa città una straordinaria concentrazione di storia, leggenda e monumenti coesiste con un’altrettanto straordinaria massa di persone intente alle loro faccende quotidiane. È difficile decidere che cosa colpisca di più della città eterna, se l’opulenza del Vaticano, l'immortalità del Foro, una Fiat Uno lanciata a tutta velocità o il conto del cappuccino al bar.
    Alcune cose da non perdere: salite sulla cupola di San Pietro, da dove si può ammirare uno splendido panorama di Roma, e una volta scesi assaporate gli splendori della basilica; passate ore, se non giorni, nei Musei Vaticani e lasciatevi incantare dalla Cappella Sistina; immedesimatevi nella gloria dell’antica Roma mentre attraversate il Foro Romano, il Palatino e il Colosseo; passeggiate lungo la via Appia Antica di domenica, quando è chiusa al traffico, e visitate le catacombe; regalatevi un pomeriggio nel parco di Villa Borghese e fatevi rapire dalle sculture del Bernini nel Museo Borghese; gettate una moneta nella Fontana di Trevi per essere sicuri di tornare prima o poi nella Città Eterna.

    Firenze

    Città di inestimabile valore storico e culturale, Firenze è anche uno dei luoghi più caratteristici e piacevoli d’Italia e ha mantenuto forte l’impronta del piccolo centro tardo-medievale che tanto ha contribuito allo sviluppo culturale e politico dell'Europa. Purtroppo la città può trasformarsi con facilità in una trappola per turisti, poiché in alta stagione arrivano fino a 2000 pullman al giorno carichi di visitatori.
    Mentre a Roma ci si ritrova immersi in un gran calderone storico, a Firenze sembra di fare un salto indietro nel tempo fino al Rinascimento; questa è l'impressione che avrete camminando lungo il Ponte Vecchio, guardando il Duomo, simbolo della città, ammirando i preziosi dipinti della Galleria degli Uffizi, passeggiando nella turrita Piazza della Signoria e visitando le Cappelle medicee. Fortunatamente tutti questi luoghi sono situati nel centro storico, cosicché è possibile spostarsi a piedi dall'uno all'altro.

    Venezia

    Venezia è davvero unica. Tanto per cominciare, è una città pedonale e a misura d'uomo, priva di automobili e con bei canali al posto delle solite strade urbane. La sua armoniosa architettura dà l’impressione di essere sorta tutta insieme in un periodo compreso tra il XII e il XVI secolo e le facciate degli edifici sono illuminate dai riflessi dell'acqua. Vicoli bui, che sembrano nascondere preziosi luoghi segreti, sfociano improvvisamente in piazze ampie e luminose nelle quali campeggia una chiesa, oppure attraversano i canali per mezzo di graziosi ponticelli. Questo luogo ha un'atmosfera magica e festosa.
    Venezia sorge su 117 piccole isole ed è collegata a Mestre, sulla terraferma, da un lungo ponte stradale e ferroviario. Il Canal Grande parte dalla stazione ferroviaria (Santa Lucia), serpeggia per la città e raggiunge infine l'indimenticabile ed elegante Piazza San Marco, affollata di piccioni; qui si ergono il campanile, il Palazzo Ducale e la Basilica di San Marco. Tra i tanti splendidi edifici che fanno da sfondo alle gondole cullate dall'acqua è doveroso citare il Ponte dei Sospiri, che collega le Prigioni Vecchie di Palazzo Ducale alle Prigioni Nuove, la Chiesa di Santa Maria della Salute, la Chiesa di San Giorgio Maggiore e la Chiesa del Redentore. Occorre soltanto mezz'ora per raggiungere a piedi Piazza San Marco dalla stazione ferroviaria, sempre che si riesca a resistere alla tentazione di prendere uno dei molti vicoli che si diramano dalla via principale (Lista di Spagna). Per apprezzare al meglio i bei palazzi situati lungo il Canal Grande, la soluzione migliore è calarsi pienamente nel proprio ruolo di turisti e fare un bel giro in gondola.
    Il Ponte dell'Accademia conduce a una zona più tranquilla e alla Galleria dell'Accademia, dove è custodita una raccolta di dipinti di maestri veneziani. Con la sua collezione di opere eseguite all'inizio del XX secolo, la Galleria Peggy Guggenheim, situata nelle vicinanze, consente di aggiornare il proprio viaggio nella storia e nell'arte. Venezia è circondata da isole altrettanto incantevoli: Lido (indissolubilmente legata a Thomas Mann e a Morte a Venezia), Murano (patria del vetro soffiato), Burano (famosa per i suoi pizzi) e Torcello, che con la sua cattedrale bizantina sembra essersi fermata nel tempo.

    Milano

    I turisti la scelgono per la moda, la cucina, l'opera, il duomo, il castello rinascimentale e l'affresco dell'Ultima Cena di Leonardo da Vinci, ma Milano è soprattutto la capitale italiana degli affari e della finanza. I negozi sono tantissimi, i ristoranti ottimi e la vita notturna è molto vivace (grazie anche alla presenza della più grande comunità gay del paese). La sua vasta area urbana si estende per chilometri, ma le mete di interesse storico sono tutte situate tra i due luoghi più famosi della città: l’imponente Duomo (commissionato nel 1386 da Gian Galeazzo Visconti e ancora incompiuto) e il Castello Sforzesco. Sulla Piazza del Duomo si apre la galleria di negozi più bella del mondo, la Galleria Vittorio Emanuele II. Attraversatela resistendo alla tentazione di sedervi in un bar o di entrare in una boutique e troverete il più venerato santuario dell'opera lirica italiana: La Scala, attualmente chiusa per restauri. Milano ha molte pinacoteche e collezioni d'arte, ma il dipinto più famoso è l'Ultima Cena, affrescata da Leonardo nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie.

    Napoli e Pompei

    Napoli, capoluogo della Campania, si trova sul bel golfo omonimo, con il Vesuvio che incombe alle sue spalle, ed è una delle città più densamente abitate d'Europa, brulicante del frastuono prodotto dal continuo andirivieni di persone e scooter che si affollano nelle strette vie scansando i panni stesi ad asciugare.
    Nel centro storico vi sono Piazza del Gesù Nuovo con le sue chiese, il Duomo, il Palazzo Reale e il Teatro dell'Opera di San Carlo. Il duecentesco Castel Nuovo si affaccia sul porto e più avanti sul litorale è situato un castello normanno circondato da un piccolo villaggio di pescatori, il Borgo Marinaro. Il Museo Archeologico Nazionale contiene una bella collezione di opere d'arte greco-romana e gli inestimabili tesori rinvenuti a Pompei e a Ercolano.
    A breve distanza da Napoli sorge l'enigmatica Pompei, la fiorente località di villeggiatura dei Romani benestanti che nel 79 d.C. fu sepolta dalle ceneri durante una devastante eruzione del Vesuvio. Aggirandovi tra le vie, i templi, il foro, l'anfiteatro (uno dei più grandi tra quelli conosciuti), le case lussuose decorate da pitture parietali e i mosaici potrete immaginare il tipo di vita che conducevano gli antichi romani.

    Costiera amalfitana

    Lungo un promontorio tra Sorrento e Salerno si estende per 50 km uno dei litorali più belli d'Europa. La strada segue il tortuoso profilo della costa rocciosa, affacciandosi sull'acqua color blu cobalto e superando caratteristici paesini aggrappati ai dirupi.
    La prima meta per chi arriva da Sorrento è Positano, una località davvero sublime, dove file di case color rosa e miele sembrano sospese sul mare iridescente; addentrandosi tra le sue vie si scoprono locali e alberghi incantevoli. Dopo molte altre curve si raggiunge Amalfi, il cui antico ruolo di potenza navale tradizionalmente rivale di Pisa e Genova è ancora testimoniato dall'arsenale e dal duomo imponente. Un'altra serie di zigzag separa Amalfi da Ravello, che con le sue belle ville e i giardini sembra un balcone affacciato sul golfo. Il suo duomo ha un pulpito interessante alla cui base sono scolpiti sei leoni. Di origini etrusche, Salerno ha subito varie vicissitudini in epoca romana e medievale e purtroppo è stata gravemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale perché fu uno dei principali punti di sbarco degli Alleati in Italia.

    Siena

    I bastioni, una delle tante vestigia del glorioso passato medievale della città, punteggiano ancora oggi le colline che circondano la dolce Siena, che ha dato al mondo il colore 'terra di Siena' (dalla tipica tinta rossastra dei suoi edifici) e nel XIII e XIV secolo produsse un fiorente movimento artistico detto scuola senese. La crescita demografica ed economica della città si arrestarono bruscamente a causa dei fallimenti delle compagnie bancarie e mercantili, della crisi dell'industria della lana, e delle epidemie, a partire dalla peste del 1348 che uccise 65.000 dei 100.000 abitanti. Fortunatamente Piazza del Campo, la più bella piazza medievale italiana, fu terminata appena in tempo insieme al grazioso municipio e all'emblematica torre. Con la sua facciata marmorea a strisce bianche e nere il Duomo di Siena è davvero meraviglioso. Siena è cosparsa di palazzi, piazze, collezioni d'arte, musei e chiese e il fatto che i luoghi di interesse si trovino tutti a pochi minuti di cammino gli uni dagli altri fa di questa città una meta davvero incantevole.

    Assisi

    Assisi è un luogo miracoloso, perché riesce a conservare qualche angolo tranquillo nonostante l’affollarsi di turisti. Abbarbicata sulle pendici del monte Subasio, con i suoi abbacinanti marmi bianchi offre uno spettacolo straordinario. Sulla città incombe la massiccia Rocca Maggiore, una fortezza trecentesca da cui si ammirano splendide vedute della valle verso Perugia. San Francesco nacque ad Assisi nel 1182; la basilica a lui dedicata fu iniziata nel 1228, due anni dopo la sua morte, e gli affreschi di Giotto, Cimabue e Simone Martini che ne arricchiscono l’interno sono uno splendido tributo al santo patrono d’Italia. Assisi possiede anche alcuni resti romani, in particolare il foro e la facciata del tempio di Minerva; molti edifici inoltre sorgono su fondamenta romane. Fra le numerose chiese citiamo quelle di Santa Maria Maggiore, San Pietro, Santa Chiara e la Basilica di Santa Maria degli Angeli.

    Paestum

    Situata immediatamente a sud di Salerno, Paestum era una colonia della Magna Grecia e fra le rovine risalenti a quell'epoca è una delle meglio conservate del paese. È un luogo enigmatico, con tre templi dorici che incombono su una pianura erbosa cosparsa di fiori. Fra i resti archeologici citiamo i templi di Cerere e di Nettuno, un foro, una basilica e le mura. Il museo custodisce una delle più ricche e interessanti collezioni di architettura antica al mondo; particolarmente pregevole è la serie di fregi. In sintonia con l'atmosfera attica, nell'entroterra a 12 km di distanza ci sono i cosiddetti Boschi di Diana, una delle poche aree naturalistiche protette del sud Italia.

    Torino

    Prima delle Olimpiadi invernali del 2006 per molti stranieri era addirittura difficile trovare Torino su una carta geografica. Dopo i Giochi non solo i turisti hanno cominciato a raggiungere la città, ma ne sono rimasti entusiasti. Stupiti. Perché Torino è gelosa delle proprie bellezze, ma sa concedersi in tutto il proprio splendore a chi la vuol conoscere. Soprattutto oggi, che – ancora una volta – s’è reinventata: se è stata cuore del Regno dei Savoia, se ha fatto l’Italia (nel 2011 ospita i festeggiamenti per il centocinquantenario) e nel Novecento è stata la città dell’industria, della Fiat e della Juventus, ora si mostra al visitatore come una splendida città d’arte, solenne e contemporanea allo stesso tempo, a un passo dalle montagne olimpiche, dai laghi, dalle golose Langhe e dalla Riviera Ligure. Le grandi piazze barocche, le spettacolari residenze reali – prima tra tutte la rinata Reggia di Venaria –, i caffè storici, una delle migliori cucine d’Italia, i parchi, lo scorrere lento del Po rendono Torino una giusta via di mezzo tra una metropoli e una città da Dolce Vita. Della prima ha l’offerta e i servizi, della seconda uno stile di vita piuttosto slow fatto di chiacchiere durante l’aperitivo e passeggiate sotto i portici. C’è da approfittarne ora: la vocazione turistica è recente, il che vuol dire che si possono godere le meraviglie di uno splendido pezzo d’Italia senza l’assillo dei venditori di souvenir.

    Articoli correlati


    I migliori consigli di viaggio dei nostri viaggiatori
    Un po' di tempo fa abbiamo chiesto a un nostro autore di raccontare i peggiori consigli di viaggio, quelli che è bene NON seguire se si vuole godere la propria esperienza e, in qualche caso, essere sicuri di portarla a termine.
    Leggi l'articolo completo >

    Assicurazione di viaggio: perché conviene averla
    Poche cose come i cavilli legali o il linguaggio burocratico hanno il potere di smorzare lo slancio di un viaggiatore. Come sono in molti a sostenere, però, è anche vero che senza quel documento che si chiama 'assicurazione' non è consigliabile affrontare l'esperienza di un viaggio.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Italia - Idee e consigli dai viaggiatori

    Firenze
    Marzo 2014

    Lettere - Italia - Suggerimenti, mete, curiosità

    La Via del Mare
    di Paola Cacace
    Gennaio 2012
    A Palermo, B&B e pizzeria da consigliare
    di Gianfranco Pulina
    Gennaio 2012
    The Place
    di Olindo Proietti Silvestri
    Gennaio 2012
    Dormire a Palermo, sostenendo una buona causa
    di Paola Tognetti
    Novembre 2011

    Foto dei viaggiatori - Italia


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati