Belgio:

    Cultura

    La commistione linguistica del Belgio risale ai primi decenni dopo Cristo, quando i Franchi costrinsero i Celti e i Galli a ritirarsi nelle regioni meridionali del paese, imponendo una forma primitiva di olandese nelle regioni settentrionali mentre il francese veniva parlato nel sud. Questo stato di cose perdura ancora oggi e Bruxelles, situata al centro, è una delle poche capitali al mondo ufficialmente bilingui. La grande maggioranza dei belgi è di culto cattolico e, malgrado la frequentazione sempre più ridotta delle chiese, le tradizioni religiose caratterizzano ancora gran parte della vita quotidiana belga.

    Ai primi artisti belgi si attribuisce l'ideazione della pittura a olio e quindi non stupisce che qui siano stati creati numerosi capolavori. Il fiammingo Jan van Eyck fu il capostipite, nel XV secolo, seguito da Pieter Brueghel con i suoi ritratti di vita contadina, nel XVI secolo e da Pieter Paul Rubens, che dominò l'arte del primo '600 come maestro del Barocco. Ad Anversa, Rubens aprì una produttiva bottega e realizzò fantastiche allegorie religiose come la famosa Deposizione.

    Alla fine del XIX secolo, la sinuosa architettura art nouveau nacque a Bruxelles per opera di Henri van de Velde e Victor Horta. Quest'ultimo divenne celebre per i suoi interni che evitavano linee rette - i soffitti erano semplicemente proseguimenti curvi delle pareti. In questo periodo si fece largo uso delle vetrate colorate e del ferro battuto. I fumetti sono un'altra prerogativa belga e, sebbene molti siano gli artisti locali conosciuti, il più famoso è Hergé, creatore di Tintin, il reporter con il ciuffo.

    La cucina belga, che unisce tradizioni francesi e tedesche, gode di buona fama in Europa. Il consumo di carne e di frutti di mare è abbondante. In particolare, le cozze cotte nel vino bianco e servite con una montagna di patatine fritte sono il piatto nazionale. I belgi dicono di aver inventato le frites: a giudicare dalla loro onnipresenza, pochi potrebbero contestare questa affermazione. Sicuramente il cioccolato e la birra non sono nati in Belgio, ma la loro grande diffusione potrebbe trarre in inganno su questo punto. Ci sono molte marche di birra, tutte eccellenti, e dell'ottimo gin, che in genere viene servito ghiacciato.

    Articoli correlati


    Città sull'acqua: la top list. Dalla Russia all'India
    In tutto in mondo il riferimento insuperabile è sempre Venezia - unica e inimitabile. Dal Golfo di Finlandia al cuore del Kerala, però, non mancano città che hanno saputo stabilire un legame profondo con l'elemento liquido per eccellenza.
    Leggi l'articolo completo >

    Belgio: 10 motivi per cui non è noioso
    Bob Monkhouse, vecchia gloria della comicità inglese, aveva una buona battuta in repertorio: "Una volta sono stato in Belgio. Ma l'ho trovato chiuso". Eterno incompreso, popolato da burocrati, perso nelle nebbie del nord, il Belgio è stato quasi sempre avvolto da un'aura un po' triste. Chi lo conosce, però, ne parla oggi come di un paese pieno di fascino. Ecco dieci motivi per cui secondo noi val la pena scoprire questa perla dei Paesi Bassi.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Belgio - Idee e consigli dai viaggiatori

    Gent - anversa
    Gennaio 2012

    Lettere - Belgio - Suggerimenti, mete, curiosità

    Hotel a Bruges
    di Chiara Baraghini
    Maggio 2011
    Da Charleroi a Bruxelles, saltando la fila
    di Elisabetta Bogge
    Marzo 2011
    A Bruxelles, Anversa e Bruges
    di Flaminia Martufi
    Agosto 2010
    Cena in biblioteca, con musica anni '30
    di Rosalba Simeoni
    Febbraio 2009
    Ottimo B&B a Bruges
    di Luca Marcuzzi
    Novembre 2008

    Foto dei viaggiatori - Belgio


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati