Informazioni pratiche

Visti e dogana

Documenti

I viaggiatori di nazionalità italiana, così come tutti i visitatori stranieri che arrivano a Cuba per motivi turistici, devono essere in possesso di un visto turistico generalmene noto come 'tarjeta de turista' (carta turistica). Questo documento è valido 30 giorni ma può facilmente essere prolungato per altri 30 giorni. La tarjeta de turista è rilasciata dalle rappresentanze cubane all'estero, altrimenti potete rivolgervi all'ufficio della compagnia aerea con cui avete viaggiato o a un'agenzia di viaggi. Per richiederla dovrete presentare anche il passaporto con una validità residua di almeno sei mesi e il biglietto aereo di andata e ritorno o di proseguimento del viaggio. La Farnesina informa che dal 1 maggio 2010 tutti i viaggiatori, al momento dell'ingresso nel paese, dovranno essere titolari di una polizza assicurativa che copra anche le eventuali spese mediche da sostenere sull'isola. La polizza dovrà essere emessa da compagnie assicurative riconosciute a Cuba e potrà comunque essere acquistata anche in frontiera, attraverso compagnie di assicurazione cubane.

Quando andare e clima

Non esiste un periodo sconsigliato per visitare Cuba. La stagione calda e piovosa va da maggio a ottobre, ma l'inverno (da dicembre ad aprile) corrisponde all'alta stagione turistica. I cubani fanno in genere le ferie a luglio e agosto, che sono perciò i mesi in cui le spiagge locali sono più affollate. Anche Natale, Pasqua e il periodo intorno al 26 luglio, quando i cubani celebrano l'anniversario della rivoluzione, sono molto affollati.

Come arrivare

Nonostante i grandi sforzi degli Stati Uniti per isolarla, Cuba rimane ben connessa con le restanti isole dei Carabi e il resto del mondo. La compagnia aerea di bandiera è Cubana de Aviación (www.cubana.cu). I suoi moderni aerei coprono le rotte più importanti e le tariffe sono generalmente le più basse disponibili. Tuttavia, l'overbooking e i ritardi rimangono problemi significativi e la compagnia è molto severa riguardo la regola dei 20kg massimi di bagaglio (dovrete pagare parecchio per ogni chilo in eccesso). L'aeroporto internazionale José Martí dista solo 25km dall'Avana. Il Terminal 1, a sud-est della rampa, gestisce i voli domestici di Cubana. Qualche chilometro più in là su Av de la Independencia c'è il Terminal 2, dove atterrano i charter diretti dagli Stati Uniti. La maggior parte dei voli internazionali usano il Terminal 3, un moderno edificio a 2,5km a ovest del Terminal 2. Aerocaribbean e Aerogaviota usano il Terminal 5 (chiamato anche Caribbean Terminal). Dalla Giamaica partono moltissimi voli per Cuba. La compagnia aerea Cubana (834-4949; www.cubana.cu) collega Kingston e Montenegro Bay con L'Avana ogni giorno, come anche Air Jamaica (833-3636; www.airjamaica.com). Cubana ha anche voli per l'Avana da Guadalupa, Martinica, Santo Domingo e Puerto Príncipe. Gli ultimi due voli fanno scalo a Santiago de Cuba. Dalle Bahamas, Cubana ha collegamenti tra Nassau e L'Avana. Tra i piccoli porti intorno a Cuba che accettano imbarcazioni straniere ci sono María la Gorda, Cabo de San Antonio, Marina Hemingway (L'Avana), Cienfuegos, Varadero, Trinidad e Santiago de Cuba. Non ci sono servizi regolari di traghetti per Cuba.

Trasporti locali

La compagnia aerea Aerocaribbean (833-3621; www.aero-caribbean.com) e quella di bandiera Cubana de Aviación (834-4949; www.cubana.cu) gestiscono i voli interni. Entrambe collegano L'Avana a Santiago de Cuba, Baracca e Nueva Gerona sull'Isla de la Juventud. Se volete spostarvi in pullman, Víazul (881-1413, 881-5652, 881-1108; www.viazul.cu; Calle 26 & Nuevo Vedado) gestisce autobus puntuali e dotati di aria condizionata che raggiungono destinazioni di interesse turistico. Purtroppo gli stranieri non possono viaggiare sugli autobus Astro, che servono il paese in modo più capillare; questo vuol dire che se volete visitare aree poco battute dovete noleggiare una macchina o una bicicletta. Prenotare in anticipo i biglietti è consigliato in alta stagione (giugno-agosto, Natale e Pasqua) e per le mete più popolari (L'Avana, Trinidad, Santa Clara e Santiago de Cuba-Baracoa). Gli affollati e fumosi "guagua'(pullman locali) possono essere utili nelle città più grandi. C'è sempre la fila alle fermate (paradas). Gridate "El último" per capire dietro chi dovete mettervi in fila. La rete ferroviaria gestita da Ferrocarriles de Cuba serve tutte le grandi città ed è un ottimo modo per visitare Cuba se avete tempo e pazienza, ma si rivelerà un incubo se volete muovervi in fretta e con efficienza. Comprare un biglietto di solito non è un problema - i turisti dovranno pagare in CUC$, ma gli stranieri che parlano spagnolo spesso viaggiano sui treni pagando il prezzo in pesos. Le linee più utili per i viaggiatori sono L'Avana-Santiago de Cuba e L'Avana-Santa Clara. Noleggiare un'auto è piuttosto facile a Cuba, ma rassegnatevi a pagare più del dovuto per un'auto solitamente in pessime condizioni. Per noleggiare un veicolo vi servirà il passaporto, la patente di guida e un deposito rimborsabile di CUC$200 (da pagare in contanti o con una carta di credito non degli Stati Uniti). Spesso (specialmente all'Avana e a Santiago) ci sono così poche macchine che prenotare in anticipo è pressoché inutile. La cosa migliore è fare un giro di telefonate alle agenzie di noleggio il giorno in cui volete la macchina e andare direttamente in quella dove vi dicono che ne hanno una. Cuba è leggendaria tra i ciclisti, ma purtroppo le cose non sono più come negli anni '90, quando in strada c'erano più biciclette che automobili. Oggigiorno le macchine sono sempre più numerose, ma gli automobilisti cubani sono abituati a condividere il loro spazio con i ciclisti.