Saint Martin:

    Mete interessanti

    Marigot

    St Martin è meno sviluppata turisticamente dell’olandese Sint Maarten, come vedrete già dalla capitale, che ha il delizioso nome di Marigot. Come la sua controparte olandese, Marigot è un paradiso fiscale pieno di negozi eleganti che vendono profumi, gioielli e articoli di moda, ma per fortuna è meno frequentata dai passeggeri delle navi da crociera che si fermano qui per un giorno e che invadono invece St Philipsburg. Anche a Marigot, comunque, i vecchi edifici coloniali stanno gradualmente lasciando il posto a edifici moderni e a parcheggi per turisti.
    In città si trovano due centri commerciali. Il primo, situato nei pressi del porto, ha un mercato con bancarelle di cibi e souvenir: qui fanno scalo le imbarcazioni dirette a St Barts e Anguilla. L’altro centro commerciale include il porticciolo turistico di Port La Royale Marina, circondato da ristoranti e boutique che si spingono fino all’animatissima Rue du Général de Gaulle. A un primo sguardo Marigot può sembrare très francese, con tutte le sue boutique e i caffè, ma conserva anche un’importante tradizione caraibica, sempre più evidente a mano a mano che ci si allontana dal porto.
    Oltre allo shopping e ai buoni ristoranti francesi, Marigot offre un paio di importanti attrattive turistiche. Fort Louis (detto anche Fort de Marigot) fu costruito nel 1789 per proteggere i magazzini di Marigot dagli inglesi, e oggi conserva soltanto qualche tratto di mura parzialmente intatte e un paio di cannoni, ma la sua posizione in cima a un colle vanta un bel panorama di Marigot e della Simpson Bay. L’altra attrattiva degna di nota è il St Martin Archaeological Museum, sulla strada per Sandy Ground; ben allestito, il museo è dedicato soprattutto al cosiddetto periodo arawak ed espone amuleti in conchiglia, manufatti d’osso, punte di freccia e ceramiche che illustrano la cultura e le tradizioni dei primi abitanti amerindi dell’isola. Alcune sezioni trattano invece la storia recente.
    Marigot è così piccola che non rischierete certamente di perdervi. I ristoranti si trovano sia nel porticciolo turistico sia in centro città. Su Port La Royale Marina, all’estremità sud della città, si affacciano alcuni ristoranti che si fanno concorrenza offrendo ogni genere di specialità gastronomica, dalla pizza al pesce e alla nouvelle cuisine. In centro, nel mercato sul porto, troverete bar, lolo (barbecue all’aperto) e ristoranti francesi. Sul lungomare c’è anche un mercato di frutta e verdura, mentre nella parte nord della città si trova un moderno supermercato. A Marigot ci sono pochi alberghi, situati in centro e immediatamente a sud del porticciolo turistico.

    Grand Case

    Grand Case è il paradiso dei buongustai. Questa piccola località balneare è stata infatti soprannominata la ‘capitale gastronomica di St Martin' e sul suo lungomare si allineano numerosi ottimi locali, dai lolo di tradizione locale agli eleganti ristoranti francesi. Alcuni locali sono aperti a pranzo, ma sarebbe meglio frequentarli a cena, quando il loro miscuglio di cucine caraibiche dà il meglio di sé. La cittadina si raggiunge facilmente in autobus o automobile da Marigot.

    Orient Beach

    Se avete voglia di immergervi nella natura, vi consigliamo questa località situata appena sotto French Cul-de-Sac e a breve distanza in automobile da Marigot, dove troverete una splendida spiaggia di sabbia bianca che curva dolcemente attorno alle acque turchesi. Famosa per il suo resort naturista, il Club Orient, questa spiaggia è anche un luogo ideale per gli sport acquatici – con o senza costume da bagno. La baia è una riserva naturale sottomarina e le sue acque normalmente tranquille offrono bellissimi bagni. Il windsurf, la navigazione in catamarani Hobie Cat e il jet-ski sono altre possibilità.

    Oyster Pond

    Per un’esperienza biculturale andate a Oyster Pond. Questa baia, che come avrete dedotto dal toponimo inglese, ha la forma di un’ostrica, si estende tra il territorio francese e quello olandese della parte orientale dell’isola. La metà francese della baia ospita la maggior parte degli alberghi e un porticciolo, mentre la metà più bella, Dawn Beach, è situata nella parte olandese (e facilmente accessibile). Se volete vedere un bel panorama della baia, avviatevi lungo il breve sentiero che sale sulla collina (piena di cactus) sul lato nord-orientale (francese).

    Îlet Pinel

    Situata appena un chilometro al largo della costa, l’intatta Îlet Pinel è una popolare escursione di un giorno da French Cul-de-Sac, piccola località balneare che sorge sul promontorio nord-orientale di St Martin. Le acque tranquille di questa spiaggia rivolta a ovest offrono belle nuotate e una speciale zona segnalata per lo snorkelling – potete noleggiare l’attrezzatura al chiosco della spiaggia. Se vi viene fame, ci sono un paio di comodi lolo che vendono pollo alla griglia. Con la sua spiaggia di sabbia bianca da cartolina, l’isolotto richiama ovviamente folle di turisti, perciò non illudetevi di goderne la bellezza in solitudine.


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati