Aruba:

    Storia

    Aruba, come le vicine Bonaire e Curaçao, fu abitata dagli arubaes, una tribù arawak proveniente dall'America meridionale continentale. Il primo europeo a imbattersi in Aruba fu Alonso de Ojeda, che prese l'isola in nome della Spagna nel 1499. Gli spagnoli non si interessarono molto ad Aruba e si curarono solo di deportare alcuni indigeni per farli lavorare alle miniere di Hispaniola. In seguito alla guerra tra Francia e Olanda, nel 1636 Aruba passò all'Olanda. Alla fine del XVII secolo gli olandesi cominciarono a colonizzare l'isola.

    Il suolo povero e arido salvò l'isola dall'economia delle piantagioni e dalla tratta degli schiavi. Gli olandesi lasciarono che gli Arawak continuassero a pascolare il bestiame, utilizzando l'isola per gli approvvigionamenti di carne da destinare agli altri territori olandesi nei Caraibi. I britannici arrivarono nel 1805, durante le guerre napoleoniche, ma se ne andarono nel 1816. Poco meno di dieci anni dopo, Aruba ebbe il primo dei suoi tre boom economici: vicino a Balashi venne scoperto l'oro. Dall'Europa e dal Venezuela cominciò ad arrivare un'orda di immigrati affamati d'oro e le attività minerarie continuarono fino al 1916.

    Quando le miniere diventarono improduttive, Aruba iniziò a raffinare il petrolio in grande quantità. Nel 1929 la più grande raffineria del mondo venne costruita all'estremità sud-orientale dell'isola. Il bilancio fu positivo fino agli anni '40, quando Aruba cominciò a risentire del ruolo di secondo piano che giocava rispetto a Curaçao nella federazione delle Antille Olandesi (al tempo composta da Aruba, Bonaire, Curaçao e Suriname). Le sempre più pressanti richieste per ottenere l'autonomia durarono per i successivi 40 anni e nel 1986 Aruba si separò dalla Antille Olandesi conservando tuttavia un rapporto di cooperazione economica e monetaria.

    L'indipendenza portò Aruba molto vicina a un grave crollo economico, dovuto in gran parte alla chiusura della raffineria petrolifera. Dopo avere esaurito il vero oro e avere raffinato l'oro nero, gli abitanti di Aruba si diedero al turismo per finanziare il loro futuro. Gli investimenti nelle infrastrutture turistiche sull'isola sono stati veramente notevoli e Aruba oggi vanta più di sessantamila camere d'albergo e quasi un milione di visitatori ogni anno.

    La raffineria riaprì nel 1991, tuttavia attualmente il principale pilastro dell'economia dell'isola è il turismo. Raggiunta l'autonomia economica grazie al boom turistico, a dispetto delle previsioni nel 1996 Aruba archiviò i progetti per la propria piena indipendenza. L'Olanda è tuttora responsabile degli affari esteri e della difesa dell'isola, e continua ad aiutarla economicamente.

    Articoli correlati


    Caraibi, un'isola tira l'altra
    19 voli e un breve viaggio in traghetto: è tutto ciò che ti occorre per un giro dei Caraibi.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Aruba - Idee e consigli dai viaggiatori

    Aruba
    Settembre 2008

    Lettere - Aruba - Suggerimenti, mete, curiosità

    Aruba e il vento
    di Claudia-Paolo Stanzani-Valli
    Maggio 2008

    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati