Thailandia:

    Viaggio e trasporti

    Il viaggio

    Parlando della Thailandia c'è subito una cattiva notizia, ossia che un volo per Bangkok è piuttosto caro. Ma c'è anche una buona notizia, ossia che una volta lì si può comprare un biglietto economico per il ritorno. L'aeroporto principale è quello di Bangkok. Ricordate che i voli per/dalla Thailandia sono spesso strapieni, perciò confermate il volo di proseguimento o di ritorno appena arrivate. Sempre più turisti entrano in Thailandia via terra dai quattro valichi del confine malese: due si trovano sulla costa occidentale, uno nel centro e l'altro sulla costa orientale. Per i viaggi in treno da Kuala Lumpur o da Singapore a Bangkok, non è possibile comprare un biglietto unico, ma ci sono treni espressi che passano la frontiera malese a Pedang Besar. Normalmente si interrompe il viaggio a Butterworth, in Malesia, per dormire a terra e per prendere le coincidenze migliori. Lo sfarzoso Eastern & Oriental Express, invece, percorre l'intero tratto Bangkok/Singapore, ma questo privilegio è molto costoso. Ci sono inoltre diversi valichi di frontiera stradali tra Thailandia e Myanmar, Laos, Cambogia, ma non sono molto frequentati - perlomeno non ufficialmente.

    E' legale per gli stranieri attraversare il fiume Mekong in barca fra la Thailandia e il Laos.

    Trasporti locali

    La Thai International serve diversi aeroporti nazionali, ma molti turisti preferiscono viaggiare sui confortevoli autobus o in treno. Gli autobus sono spaventosamente (in tutti i sensi) veloci e sono sempre dotati di aria condizionata e di altri comfort. I treni sono comodi, frequenti, piuttosto puntuali, non molto cari, ma un po' troppo lenti. A Bangkok e negli altri capoluoghi di provincia si possono noleggiare automobili, fuoristrada, furgoncini. Nelle città più turistiche si noleggiano anche motociclette.

    Per spostarsi in città o per brevi distanze fuori città si usano taxi, 'tuk-tuk' (risciò a motore), ''samlor' (risciò a pedali) e 'songthaew' (camioncini). A Bangkok i taxi hanno quasi tutti il tassametro; i songthaew normalmente viaggiano su percorsi fissi e con tariffe fisse; prendendo il taxi per percorsi extraurbani, il samlor e il tuk-tuk, invece, dovete contrattare il prezzo e stabilire con esattezza la tariffa prima di partire.

    Un'altra alternativa è affittare una bicicletta: per gustare con tutta calma il panorama del paese.

    Articoli correlati


    Maggio: festival in viaggio
    Dall'esuberante calendario di Barcellona al meglio del teatro gay a Dublino nel segno di Oscar Wilde. Maggio ha tutte le carte in regola per lasciare un segno nei ricordi dei viaggiatori appassionati di festival.
    Leggi l'articolo completo >

    Aprile 2014: festival in viaggio. Dalla Thailandia a New Orleans
    Una grande festa dedicata all'acqua dalla quale č impossibile uscire asciutti o le note jazz e i sapori cajun di New Orleans? Sono solo alcune delle opportunitą per divertirsi e viaggiare nel mese.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Thailandia - Idee e consigli dai viaggiatori

    Passione ladyboy
    Aprile 2014

    Lettere - Thailandia - Suggerimenti, mete, curiositą

    Speriamo di no (ma non si sa mai)
    di Elena Biglietto
    Novembre 2011
    A casa di Tiziano Terzani
    di Anna Turletti
    Settembre 2011
    Caffč dal primo ministro
    di Fabio Dolfi
    Marzo 2011

    Foto dei viaggiatori - Thailandia


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati