Thailandia:

    Attività

    Sulle coste della Thailandia e delle isole si trovano scuole di nuoto. Le immersioni e lo snorkelling sono diffusi a Phuket, a Pattaya e sulle isole Similan e Surin. Le isole della provincia di Chumphon, a nord di Surat Thani, sono meno turistiche e i fondali sono più puliti. Ultimamente va molto di moda il giro in canoa delle isole e delle coste calcaree intorno a Phuket e ad Ao Phang-Nga. La tipica escursione in mare con la canoa prevede la visita, durante la bassa marea, di grotte semi sommerse. Nell'interno, si possono fare gite sul fiume Mae Klong (provincia di Kanchanaburi, nella Thailandia centrale) e sul Pai, nella provincia di Mae Hong Son.

    Il nord della Thailandia è l'ideale per passeggiare immersi nella natura. Chiang Mai è la base principale per il trekking nelle zone di montagna abitate dalle tribù delle colline; altre zone per il trekking sono Mae Hong Son e Chiang Rai. I ciclisti preferiscono invece la zona pianeggiante e lussureggiante del Mekong, nella parte settentrionale e nord-orientale del paese.

    Molti stranieri si dedicano a un'attività sicuramente meno faticosa, cioè la meditazione. Chi vuole veramente imparare, trova facilmente accoglienza nelle decine di templi e di centri di meditazione sparsi in tutto il paese. I corsi e la sistemazione sono gratuiti, ma i monaci si aspettano un'offerta. A Bangkok, a Chiang Mai e a Chachoengsao e in qualche altra città ci sono centri che tengono corsi di meditazione in inglese. Se invece preferite bruciare energia, potete frequentare un corso di boxe thailandese a Bangkok o a Naklua, a nord di Pattaya; sappiate che le lezioni sono estenuanti ed è meglio se arrivate allenati. A Chiang Mai c'è anche una scuola di cucina thailandese e di massaggi tradizionali.

    Forum - Thailandia - Idee e consigli dai viaggiatori

    Passione ladyboy
    Aprile 2014

    Foto dei viaggiatori - Thailandia


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati