Shanghai:

    Introduzione

    Galleria fotografica
    foto di Eric Wheater

    DOCUMENTI PER I VIAGGI ALL'ESTERO DEI MINORI

    A partire dal 26 giugno 2012, tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all'estero solo se muniti di un proprio documento di riconoscimento (carta d'identità, passaporto individuale, lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni). Non sono pertanto più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori (al contempo tali documenti rimangono comunque validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza). Maggiori informazioni sono presenti sul sito della Polizia di Stato.


    Shanghai è una città scintillante e frenetica al protagonista di un rapido cambiamento culturale. Da quando le restrizioni commerciali sono state abolite, Shanghai si è rimboccata le maniche nei settori degli affari e del design e ha riscritto da zero le sue regole, dando vita a una città nuova e frizzante, sofisticata e innovativa, con uno stile di vita che la vecchia Shanghai non aveva mai conosciuto.
    Pur non potendo competere con la storia epica di Pechino o con le magnifiche vedute di Xi'an, Shanghai è il fulcro della Cina moderna; una città cosmopolita che insegue con fervore la "rivoluzione dello stile di vita" ed esibisce le sue conquiste nei templi architettonici dell'arte, nelle cene raffinate e nel moderno stile di vita metropolitano del Bund.


    Quando andare

    La regola numero uno per visitare Shanghai è evitare il più possibile o del tutto il Capodanno cinese: la città va completamente in tilt e i trasporti pubblici vengono letteralmente invasi. Durante il resto dell'inverno gli hotel offrono buoni sconti e ci sono pochi turisti. L'estate coincide con l'alta stagione ed è caratterizzata da un clima leggermente afoso, mentre da settembre a novembre il clima temperato favorisce numerosi festival d'arte e fiere interessanti. Probabilmente si tratta dei mesi migliori per visitare la città, ma le convention e le fiere commerciali non permettono un calo dei prezzi degno di nota rispetto all'alta stagione.


    Curiosità

    La Shanghai antica
    Una delle storie più strane che circolano sulla Shanghai antica è quella di Victor Sassoon, un ebreo persiano venditore di oppio, che costruì il Cathay Hotel e amava i cavalli da corsa. Citazione: "C'è solo una razza superiore a quella ebrea, ed è la Derby."

    In breve

    Nome completoShanghai
    Superficie6.340 kmq
    Popolazione17.000.000
    Ora localeGMT/UTC +8 (Ora standard dell'Australia occidentale, pari a otto ore avanti rispetto al meridiano di Greenwich)
    Ora legale - Inizionon in uso
    Ora legale - Finenon in uso
    Linguacantonese (ufficiale)

    cinese mandarino (ufficiale)
    La lingua ufficiale della Cina è il cinese mandarino, come quello parlato a Pechino. I Cinesi lo chiamano Putonghua. Circa il 70% della popolazione parla il cinese mandarino, ma si tratta soltanto della punta di un "iceberg linguistico". Nel Paese si parlano una miriade di dialetti che a loro volta possono avere varie inflessioni, e pochi sono abbastanza simili da essere reciprocamente comprensibili. Delle sette varietà principali, il cantonese è quella più comune nei takeaway cinesi presenti all'estero. È la lingua franca del Guangdong, del Guangxi meridionale, di Hong Kong e (in certe zone) di Macao.

    ValutaRenminbi ("denaro della gente") (Y)
    Corrente elettrica220 V 50 Hz
    Prese di corrente
    Spina giapponese con due spinotti piatti paralleli
    Spina australiana con due spinotti piatti inclinati e uno spinotto verticale per la messa a terra
    Spina inglese con due spinotti piatti e uno spinotto piatto per la messa a terra
    Spina sudafricana/indiana con due spinotti cilindrici di metallo e un grosso spinotto cilindrico per la messa a terra


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati