Venezuela:

    Altre mete

    Colonia Tovar

    Sperduta tra le foreste della Cordillera de la Costa, all'incirca 60 km a ovest di Caracas, c'è la curiosa cittadina di montagna di Colonia Tovar. Fondata nel 1843 da un gruppo di coloni tedeschi, essa è rimasta al riparo da influenze esterne per quasi un secolo: la mancanza di strade impediva le comunicazioni e i rigidi costumi sociali legavano gli abitanti a un rapporto esclusivo con la loro cultura (ad esempio, il matrimonio veniva proibito se contratto con un non appartenente alla comunità). La lingua spagnola venne introdotta solo negli anni 1940 e una strada asfaltata venne costruita solo nel 1963. Oggi Colonia Tovar è una cittadina incantevole che fonda il proprio benessere sulla vendita di beni alimentari e manufatti ed ha l'aspetto di un borgo tedesco. Gran parte degli antichi edifici è ancora in piedi e il cibo, in particolare il pane e le salsicce, continua a essere preparato secondo vecchie ricette tedesche.

    Roraima

    Attraverso i confini del Venezuela, della Guyana e del Brasile si estende un altopiano di 280 kmq noto come Roraima, la cui popolarità tra crescendo tra i viaggiatori amanti del trekking e della botanica. Il viaggio dura cinque giorni e gli ultimi due sarete obbligati a viaggiare con una guida. Nonostante l'escursione comporti l'essere sottoposti ad abbondanti precipitazioni, la scalata dell'altopiano è davvero interessante e una volta arrivati in cima si ammira un panorama che sembra uscire da un sogno fantastico, con rocce nere, spiagge rosa e specie vegetali incredibili.

    Salto Aponguao

    Una delle cascate più spettacolari e fotogeniche presenti sul tavolato della Gran Sabana è il Salto Aponguao, che può essere complicato raggiungere. Per arrivarci si può deviare dalla strada statale e percorrere 40 km di strada sterrata fino al villaggio indio di Iboribó. Qui si può pagare uno dei locali per farsi portare in curiara (piroga) attraverso il Rio Aponguao e poi in mezz'ora giungere alle cascate. Un'altra possibilità è di arrivarci direttamente in barca e ritornare a piedi. Qualsiasi soluzione scegliate, la cascata è spettacolare e l'acqua precipita da un'altezza di 105 m. Un sentiero segnalato conduce ai piedi della cascata dove si può fare il bagno e nuotare nei laghetti naturali che vi si formano. Vicino c'è anche un posto ideale per pernottare, da cui si gode un eccellente vista del Salto Apoguano e della zona circostante.

    Articoli correlati


    Giugno: le mete del mese. Dagli Appalachi all'Orinoco
    Grandi avventure a tu per tu con la natura americana e due mete europee dal fascino diversissimo ma inesauribile. Giugno è un mese da dedicare alle sperimentazioni.
    Leggi l'articolo completo >

    Grandi viaggi letterari, da Omero a Che Guevara
    Anche se non tieni l'Odissea sul comodino e conosci Che Guevara più come rivoluzionario che come scrittore di mémoires, ti verrà la pelle d'oca all'idea di vivere in prima persona uno dei grandi viaggi raccolti in questo articolo.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Venezuela - Idee e consigli dai viaggiatori

    Info trasporti
    Luglio 2013
    Info venezuela
    Maggio 2013
    Info venezuela
    Maggio 2013
    Mare in venezuela
    Febbraio 2013

    Lettere - Venezuela - Suggerimenti, mete, curiosità

    Abbasso i pappataci, viva le case dai colori pastello
    di Alessandro De Leonardis
    Marzo 2009
    Castillo Libertador a Porto Cabello
    di Fabrizio (Gufo) Antonioli
    Aprile 2008
    Escursione al Salto del Sapo
    di Maristella Faccio
    Gennaio 2008
    Pousada a Ciudad Bolivar
    di Maristella Faccio
    Gennaio 2008

    Foto dei viaggiatori - Venezuela


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati