Zimbabwe:

    Valuta e prezzi

    Valuta

    Dollaro dello Zimbabwe (Z$)

    Suggerimenti

    Lo Zimbabwe versa in uno stato di disordine economico, con l'inflazione che supera il 55%. Anche se gli stranieri pagano molto di più dei locali per i beni e i servizi, lo Zimbabwe non è comunque un paese caro per i turisti occidentali: gli alberghetti economici sono sempre più numerosi in tutto il paese, i parchi nazionali non costano molto e anche il cibo ha prezzi ragionevoli. A causa della carenza di scambi con l'estero, gli articoli d'importazione sono costosi mentre i prodotti nazionali hanno prezzi abbordabili, anche se raramente sono di ottima qualità. È quindi possibile viaggiare nel paese con meno di US$15 al giorno, pernottando negli ostelli o nei campeggi e facendo la spesa per i pasti o mangiando in localini economici. Soggiornare negli alberghi costa molto di più: calcolate fino a US$50 al giorno per una discreta camera con bagno e un paio di pasti al ristorante. Se invece volete viaggiare in grande stile, spenderete almeno US$100 al giorno.

    Le banche sono aperte dal lunedì al sabato (e chiuse il mercoledì e sabato pomeriggio). In qualunque banca si cambiano facilmente in dollari dello Zimbabwe tutti i tipi di travellers' cheque in dollari USA o sterline inglesi; sono accettate anche le altre principali valute estere ma, a causa della dilagante contraffazione, nessuno accetta più le banconote da cento dollari USA. Il cambio in nero è illegale e non vale il rischio: quasi certamente avrete a che fare con dei truffatori. Le carte di credito sono accettate dalle strutture alberghiere frequentate da turisti e uomini d'affari. Esistono anche alcuni sportelli bacomat presso le Barclays Bank, che consentono il prelievo di contante con la carta Visa: meglio, però, non affidarsi esclusivamente alle carte di credito per il contante.

    Sulle camere d'albergo, i safari e altri servizi turistici viene applicata una tassa del 15%, mentre quasi tutte le altre imposte sul consumo sono incluse nel prezzo. Ai tassisti si dà in genere una mancia del 10%, usuale anche negli alberghi e nei ristoranti. Alcuni locali aggiungono al conto anche una tassa di servizio del 10%, che sostituisce la mancia.

    Articoli correlati


    Tony Wheeler: un'intervista 'fuori rotta'
    Per l'uscita del suo nuovo libro, Fuori rotta. Otto viaggi oltre la linea d'ombra, abbiamo intervistato Tony Wheeler, co-fondatore di Lonely Planet. Ecco dalle sue parole i motivi che l'hanno spinto a scrivere, le esperienze pił entusiasmanti e una riflessione su che cosa significhi oggi viaggiare fuori dalle strade pił facili e battute.
    Leggi l'articolo completo >

    Le migliori regioni di Best in travel 2014 - 2° parte
    Le rombanti e inesorabili Victoria Falls - dallo Zambia o dallo Zimbabwe, fa' tu - o la grintosa voglia di emergere dell'Hunan cinese? Il 2014 porta nel tuo pantheon delle mete da non perdere grandi classici e smaglianti novitą.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Zimbabwe - Idee e consigli dai viaggiatori

    Zimbabwe
    Gennaio 2012

    Lettere - Zimbabwe - Suggerimenti, mete, curiositą

    In treno alle cascate Victoria
    di Daniela Camurri
    Gennaio 2012
    La giraffa del bisnonno Claudio
    di Claudio Bava
    Gennaio 2009
    Una immensa tenuta in Zimbabwe
    di Lucilla D'Angelo
    Febbraio 2007
    Un Lodge tra gli alberi di mopane
    di Lucilla D'Angelo
    Febbraio 2007
    Approvvigionamenti e spostamenti
    di Alessandra Grignani
    Febbraio 2003

    Foto dei viaggiatori - Zimbabwe


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati