Zimbabwe:

    Ambiente

    Lo Zimbabwe è un piccolo paese a forma di goccia appuntita verso ovest, privo di sbocchi sul mare, che ha all'incirca la stessa estensione territoriale della Gran Bretagna, aggiungendovi però un'altra Scozia. È situato nell'Africa sud-orientale e confina con il Mozambico a est e nord-est, lo Zambia a nord-ovest, il Botswana a sud-ovest e il Sudafrica a sud. Quattro nazioni - ovvero Zambia, Zimbabwe, Botswana e Namibia - si incontrano in un punto all'estremità occidentale del paese.

    La regione nord-occidentale è formata quasi esclusivamente da altipiani, caratterizzati dalla macchia disseminata di piccoli promontori rocciosi e spoglie cupole di pietra levigata, simili a bernoccoli: è un paesaggio che si potrebbe definire devastato da un'acne di proporzioni ciclopiche. I bassipiani torridi e desertici della parte meridionale del paese, definiti con il termine di 'basso veld', ospitano soprattutto savane, abbassandosi quasi impercettibilmente in direzione del fiume Limpopo, al confine con il Sudafrica. Gli altipiani degli Eastern Highlands, situati a cavallo del confine con il Mozambico, sono la principale regione montuosa dello Zimbabwe: la cima più elevata è il Nyangani, che si staglia con i suoi 2592 m di quota nei pressi dell'estremità settentrionale della catena.

    La flora e la fauna dello Zimbabwe sono strepitose. Elefanti, bufali, leoni, ghepardi, iene, sciacalli, scimmie e antilopi e molti altri ancora si aggirano nei parchi nazionali pascolando, masticando rumorosamente, accoppiandosi e oziando. Alcune di queste specie sono uniche oppure vivono in gruppi poco numerosi anche in altre parti del pianeta: tra queste meritano un cenno il raro nyala, il ghepardo reale e il cercopiteco dalla gola bianca. Lo Zimbabwe è anche uno degli ultimi paesi dell'Africa in cui si possano ancora avvistare i rinoceronti bianchi e neri, presenti in piccole mandrie.

    Il più bel rappresentante del regno vegetale del paese è l'albero della salsiccia: questa pianta prende il nome dai suoi enormi frutti marroni, a forma appunto di salsiccia, che possono crescere fino a un metro di lunghezza e diciotto centimetri di diametro (una dimensione davvero insolita per un barbecue!). Il frutto è molto apprezzato dalle antilopi, ma essiccato e trasformato in pasta è usato come unguento: la crema ottenuta da questo procedimento sta diventando molto nota a livello internazionale come cura per il carcinoma delle cellule basali, un tipo di cancro della pelle che insorge con l'invecchiamento e la prolungata esposizione al sole. Cercatelo nelle farmacie se vi sono spuntate delle macchie.

    Esteso su un altopiano alla quota media di 900 m sul livello del mare, lo Zimbabwe non è così caldo come ci si potrebbe aspettare dalla sua latitudine. L'inverno (da maggio a ottobre) è simile all'estate mediterranea con giornate tiepide e soleggiate e notti limpide e fresche. Non nevica mai, nemmeno negli Eastern Highlands, ma può gelare di notte e nell'altopiano le temperature vicine allo zero non sono così insolite. I bassipiani privi di vegetazione (detti 'basso veld') e la valle dello Zambesi hanno temperature più elevate e maggiore umidità, anche se d'inverno piove pochissimo. La maggior parte delle precipitazioni che interessano il paese cade durante brevi acquazzoni pomeridiani e temporali carichi di elettricità nei mesi estivi, relativamente umidi (ovvero da novembre ad aprile).

    Forum - Zimbabwe - Idee e consigli dai viaggiatori

    Zimbabwe
    Gennaio 2012

    Foto dei viaggiatori - Zimbabwe


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati