Sao Tomé:

    Storia

    Le isole divennero i maggiori produttori di zucchero del mondo poco dopo che i portoghesi fondarono la città di São Tomé nel 1485. I Portoghesi portarono schiavi dal continente per lavorare nelle piantagioni, ma il boom dello zucchero fu breve e, nel 1530, una rivolta degli schiavi spaventò i proprietari delle piantagioni, che si trasferirono in Brasile. Ma la schiavitù rimase la colonna portante dell'economia della colonia, e le piantagioni di caffè e di cacao costituite nel XVIII e XIX secolo continuarono a dipendere interamente dal lavoro degli schiavi. Anche quando nel 1875 la schiavitù fu abolita nella colonia, i portoghesi la sostituirono con un sistema di lavoro forzato con stipendi minimi.

    Il Portogallo integrò la forza lavoro delle piantagioni con deportati da Capo Verde, Angola e Mozambico, che si opposero ai loro 'datori di lavoro' in numerose occasioni, nel tentativo di ottenere la libertà.

    Nel 1905 la comunità internazionale impose un embargo a causa della schiavitù che veniva ancora realmente praticata sull'isola e, di conseguenza, il commercio del cacao ebbe un certo declino. Durante il XX secolo il Portogallo continuò a reprimere opposizioni e rivolte con accanimento. Il peggiore episodio fu il famoso massacro del 1953, quando più di 1000 forros (i discendenti degli schiavi liberati) che si rifiutarono di lavorare nelle piantagioni furono uccisi dalle truppe portoghesi.

    Quando, nel 1974, il regime fascista portoghese cadde, vi fu un ammutinamento da parte delle truppe di colore in São Tomé e le autorità coloniali furono finalmente costrette a scendere a patti con il movimento di liberazione. Nel dicembre dello stesso anno venne costituito un governo di transizione e la colonia dichiarò l'indipendenza nel luglio del 1975. Ormai quasi tutti i portoghesi avevano lasciato il paese, portando le loro conoscenze e i loro capitali con sé. Il Portogallo abbandonò a se stessa la nuova nazione lasciando un tasso di analfabetismo del 90%, nessun lavoratore specializzato, molte piantagioni abbandonate e un unico medico.

    Il nuovo presidente, Manual Pinto da Costa, era un moderato, ma dovendo affrontare una crisi economica e le pressioni dei membri più radicali del suo governo, decise di applicare la tortura con attrezzi che spezzavano le dita. La maggior parte delle piantagioni fu nazionalizzata e il governo emanò delle leggi che proibivano a chiunque di possedere più di 100 ettari di terreno. Vennero create delle milizie atte ad operare sui luoghi di lavoro e nei villaggi e il paese cominciò a contare sul supporto dell'Angola. Mentre l'economia rimase strettamente legata all'Europa occidentale, il governo entrò in stretto contatto con il blocco comunista.

    Durante questo periodo furono spesso avvistate navi e aerei non identificati nelle acque territoriali e nei cieli di São Tomé e, siccome molti capi dell'opposizione erano stati esiliati in Gabon (fedele alla linea occidentale), sembrò che un'invasione fosse imminente. Nel 1978 moltissime truppe dell'Angola vennero trasferite sulle isole per aumentare il numero dei consiglieri cubani e angolani che già erano lì, ma la temuta invasione non arrivò mai.

    Dopo la caduta del comunismo in Europa, São Tomé si aprì maggiormente verso l'Occidente e nel 1991 vi furono le prime elezioni pluripartitiche. Miguel Trovoada, che era stato precedentemente in esilio, fu eletto presidente nel maggio di quell'anno. Il suo Partito Democratico d'Azione per l'Indipendenza (ADI) perse molto terreno alle elezioni del luglio 1996, ma fu eletto per altri cinque anni.

    La scoperta di depositi petroliferi marini ha cambiato gli equilibri politici del paese. Il presidente De Menezes, in carica dal 2001, fu rovesciato da un colpo di stato nel 2003, a quanto pare proprio a causa di interessi legati al petrolio. In seguito si venne ad un accordo e dopo una settimana De Menezes poté tornare in sella. Problemi analoghi tornarono a presentarsi nel 2004, ancora una volta per questioni attinenti al controllo delle risorse petrolifere.

    Le elezioni del 2006 hanno confermato la vittoria del presidente de Menezes.

    Articoli correlati


    São Tomé: viaggio nella tua prossima Africa
    Benvenuto in uno degli stati più piccoli e meno conosciuti dell'Africa, il cui nome completo è São Tomé e Príncipe, da quello delle due isolette principali. Foreste rigogliose e bellissime spiagge deserte ne fanno un Eden in terra, e i voli della TAP da Lisbona, per quanto ancora costosi, un Paradiso possibile. L'unica incognita è la stabilità politica del paese, quindi il nostro consiglio è di sognare la tua prossima Africa, ma di farlo ad occhi aperti raccogliendo notizie approfondite prima della partenza.
    Leggi l'articolo completo >

    10 destinazioni poco conosciute e da non perdere
    Ascolta il consiglio: non perdere queste meraviglie nascoste in zone del pianeta spesso dimenticate.
    Leggi l'articolo completo >

    Foto dei viaggiatori - Sao Tome e Principe


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati