Mauritius:

    Ambiente

    Mauritius è un'isola vulcanica lunga 58 km da nord a sud e larga 47 km da est a ovest, equivalente a circa due terzi delle dimensioni del Lussemburgo. Sorge nell'Oceano Indiano, circa 800 km a est del Madagascar, 3860 km a sud-ovest dell'India e 220 km a nord-est di Réunion, ll'isola più vicina. Con circa 600 abitanti per chilometro quadrato, Mauritius è uno dei paesi più densamente popolati del mondo. Oltre all'isola principale, il paese comprende l'isola abitata di Rodrigues, circa 560 km a nord-est, e alcuni sparsi isolotti corallini come Cargados Carajos e Agalega.

    I rilievi dell'isola si innalzano ripidi nelle regioni meridionali fino a formare un altopiano centrale che digrada dolcemente verso le coste settentrionali, al di là delle montagne che dominano Port Louis, la capitale. Sebbene l'isola sia punteggiata da antichi residui vulcanici, come il cratere di Trou aux Cerfs a Curepipe e milioni di rocce vulcaniche, diversamente dalla vicina Réunion, Mauritius non possiede vulcani attivi. L'isola è circondata da una barriera corallina, e sulle sue coste si stendono lunghe spiagge bianche. La barriera è interrotta in diversi punti: il varco più grande è reso evidente dalle onde che si infrangono lungo le nere scogliere tra Souillac e Le Bouchon, sulla costa meridionale. A Flic en Flac, sulla costa occidentale, c'è un altro piccolo varco meno spettacolare del precedente.

    Negli ultimi dieci anni i naturalisti di Mauritius hanno combattuto strenuamente per proteggere il misero 1% di foresta primaria che ancora sopravvive. Black River Gorges National Park, la più grande riserva naturale dell'isola, si trova all'estremità sud-occidentale. Le altre riserve sono Le Pouce, Île Ronde, île aux Serpents, île aux Aigrettes e Bois Sec. L'accesso ai turisti è (o verrà) limitato, a causa delle dimensioni ridotte delle riserve in cui vivono gli ultimi esemplari di specie rare.

    Non c'è molto da dire sulla fauna selvatica di Mauritius. È probabile che, durante il vostro soggiorno, riusciate ad avvistare un paio di manguste e forse un buffo cervo di Giava ma, se non vi inoltrerete nell'interno, l'unico animale che vedrete sarà l'onnipresente cane da guardia 'domestico'. Nell'entroterra vivono numerosi esemplari di maiale selvatico e branchi di macachi. Gli alberi e i cieli mauriziani, invece, sono estremamente ricchi di uccelli, benché molte delle spettacolari specie autoctone stiano seguendo il destino del più famoso residente dell'isola, ormai estinto, il dodo. Tra le specie in via di estinzione di Mauritius figurano il gheppio, lo psittacula echo (il più raro uccello della sua specie) e il colombo rosa. Purtroppo, la lista degli animali minacciati è molto più lunga. Le specie dominanti sull'isola sono uccelli canterini d'importazione, come il piccolo fody rosso del Madagascar, il merlo indiano parlante e il comunissimo bulbul. Le acque di Mauritius abbondano di fauna marina: coralli, molluschi, tartarughe, delfini, quattro specie di balene e innumerevoli tipi di pesce. Delle 900 specie di piante che vivono sull'isola, circa trecento sono endemiche. Tra gli esemplari più comuni, il banano gigante indiano, le casuarine che crescono lungo le spiagge e lo sgargiante flamboyant dai fiori rossi.

    Mauritius presenta un clima piuttosto eterogeneo. A Curepipe, posta in cima a un altopiano, si registrano temperature medie più basse rispetto a quelle della costa; è abbastanza comune che in città piova mentre lungo la costa splende il sole. Allo stesso modo, le condizioni atmosferiche della costa occidentale differiscono da quelle della costa orientale, dove il clima è molto più secco tra gennaio e febbraio, quando i venti soffiano prevalentemente da est, spazzando le montagne e provocando piogge sulle regioni centrali e occidentali. Non esiste una stagione monsonica, sebbene i cicloni si abbattano sull'isola ogni 15 anni, più o meno, tra novembre e maggio. In questo periodo sono molto frequenti violenti acquazzoni che costringono gli abitanti a rimanere chiusi in casa. In tutti i mesi dell'anno si registrano lievi precipitazioni. Le più alte temperature medie diurne si hanno tra gennaio e aprile, con un massimo di 35°C. Nei mesi più freddi (da luglio a settembre) le temperature si aggirano intorno ai 24°C durante il giorno e 16°C di notte. Il tasso di umidità è, in genere, molto più alto tra ottobre e giugno.

    Articoli correlati


    Mauritius, la tua porzione di paradiso
    Spiagge che superano qualsiasi superlativo, paesaggi incontaminati che rimarranno indelebilmente nella tua memoria, avventura in abbondanza e ottime occasioni per ammirare la fauna selvatica. Le attrattive di Mauritius sono infinite. Un paradiso in terra? Giudica tu.
    Leggi l'articolo completo >

    Spiagge? Ecco la top 10
    Dalla Grecia alla Thailandia, fino alle Hawaii, ecco quelle che secondo noi sono le migliori spiagge del mondo.
    Leggi l'articolo completo >

    Forum - Mauritius - Idee e consigli dai viaggiatori

    Mauritius
    Maggio 2009

    Lettere - Mauritius - Suggerimenti, mete, curiosità

    A Chamarel, terre colorate e rhum
    di Beatrice Allegra
    Marzo 2011
    Dormire a Mauritius, Réunion e Rodrigues
    di Fabrizio Schneider
    Dicembre 2010
    UNA "RHUMERIE" DA VISITARE A MAURITIUS
    di Andrea Zambelli
    Ottobre 2009
    Mangiare in spiaggia
    di Sabrina Girardi
    Maggio 2008
    Attenzione ai francobolli
    di Alessandra Vianello
    Maggio 2008

    Foto dei viaggiatori - Mauritius


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati