Mauritania:

    Viaggio e trasporti

    Il viaggio

    Da Parigi a Nouakchott sono disponibili voli regolari. Potete volare da Casablanca e da Algeri un paio di volte alla settimana, ma anche approfittare dei voli da Dakar, Bamako, Banjul e Abidjan. Vi sono anche voli charter diretti gestiti da Point Afrique con destinazione Atâr (vicino a Chinguetti) in partenza da Parigi.

    I voli aerei sono più economici in Mauritania che nel resto dell'Africa, per cui non acquistate biglietti di andata e ritorno se arrivate da altri paesi.

    Al confine i problemi permangono, anche se la situazione è più tranquilla che negli ultimi anni. I più avventurosi hanno due possibilità: dal Senegal prendere un bush taxi fino al confine, dove un traghetto vi porterà sul territorio della Mauritania. Da Dakar il viaggio richiede circa 12 ore. I giorni delle scorte marocchine sono finiti e ci sono autobus tra Dakhla e Nouâdhibou (due volte la settimana, da 12 a 16 ore).

    La strada di 1100km da Nouakchott a Nema è per buona parte asfaltata. Il viaggio per Bamako può essere compiuto in tre giorni, ma è impegnativo. Anche se il principale punto di confine con il Mali è chiuso da molti anni, è possibile sconfinare in altri punti, come a Kiffa. Raccogliete informazioni dalle autorità di entrambi i paesi prima di intraprendere il viaggio.

    Trasporti locali

    Air Mauritanie opera voli interni regolari per Nouâdhibou, Atâr, Néma e numerose altre città. Prenotate con largo anticipo. Taxi de brousse e camion percorrono le principali vie di collegamento, ma le strade sono spesso in cattive condizioni e i viaggi possono essere lunghi e lenti. In Mauritania c'è anche un treno, sebbene siano pochi i viaggiatori, anche i più temerari, che decidono di usarlo. Collega la capitale con Zouérat, trasportando minerali ferrosi e passeggeri in sistemazioni scomode.

    In parte della Mauritania è possibile guidare, ma non occorre che vi improvvisiate piloti di rally: potete scegliere come autista una guida locale. Molte strade asfaltate sono state nel tempo ricoperte dalla sabbia del deserto. Poiché è necessario conoscere il deserto, i venti e persino le maree, guidare diventa decisamente poco invitante per gran parte dei viaggiatori. Noleggiare un'auto, inoltre, è estremamente costoso, ma in ogni modo a Nouakchott, Nouâdhibou e Atâr ci sono alcuni autonoleggi.

    Esistono anche agenzie che organizzano tour del paese: avete l'imbarazzo nella scelta del mezzo (auto, cammello o, per i più avventurosi: a piedi).

    Articoli correlati


    Febbraio 2012: le mete del mese
    L'essenza di Chiang Rai, nel nord della Thailandia, l'impeto maestoso del Rio delle Amazzoni e una vecchia Trabant da guidare con tanto affetto. Sono alcune delle esperienze che ti aspettano a febbraio.
    Leggi l'articolo completo >

    Dal Salone del Gusto: in viaggio c'è più valore
    Siamo stati al Salone Internazionale del Gusto 2010 e a Terra Madre, a Torino, per verificare la bontà (in tutti i sensi) di un'idea che ci ispira da sempre: per chi viaggia c'è più valore nelle cose, a cominciare dal cibo.
    Leggi l'articolo completo >

    Lettere - Mauritania - Suggerimenti, mete, curiosità

    Mauritius e i turisti fai-da-te
    di Eleonora Puca
    Gennaio 2007
    Due perle carovaniere
    di Francesco Cisternino
    Aprile 2005

    Foto dei viaggiatori - Mauritania


    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati