Gabon:

    Introduzione

    foto di Lonely Planet

    DOCUMENTI PER I VIAGGI ALL'ESTERO DEI MINORI

    A partire dal 26 giugno 2012, tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all'estero solo se muniti di un proprio documento di riconoscimento (carta d'identità, passaporto individuale, lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni). Non sono pertanto più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori (al contempo tali documenti rimangono comunque validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza). Maggiori informazioni sono presenti sul sito della Polizia di Stato.


    Due fattori principali fanno sì che il Gabon non sia ai primi posti delle ambizioni turistiche dei viaggiatori: l'ottenimento del visto comporta una serie incredibile di formalità burocratiche e il costo della vita quotidiana, soprattutto a Libreville, è proibitivo. Chi riesce a superare questi ostacoli si accorgerà tuttavia che una visita in Gabon vale la pena soprattutto per i suoi sconcertanti contrasti. L'immensa distesa di foresta vergine brulicante di forme di vita vegetale e animale è il territorio di Phantom, ossia l'Uomo Mascherato, l'Ombra che Cammina, mentre nelle città principali colpiscono le architetture sofisticate, il movimento, l'eleganza, le luci, i casinò e i locali notturni. Il Gabon, insomma, ne ha un po' per tutti i gusti.

    Alla combinazione di denaro di dubbia provenienza (soprattutto dal traffico di marijuana) e influenza francese si deve la quasi totale distruzione della cultura tradizionale del Gabon, un paese che tuttavia vale ancora la pena di visitare, anche se solo di passaggio, soprattutto se lo si attraversa da nord a sud percorrendo la strada costiera occidentale. Nonostante la ricchezza del Gabon, le sue strade non sono certo nelle migliori condizioni possibili e se si abbandonano le arterie principali, o le ferrovie, per addentrarsi in zone più fuori mano il problema dei trasporti rivela tutta la sua criticità.

    Articoli correlati


    Città dell'Africa. La top ten del 2010 - 2° parte
    Continua la nostra esplorazione dell'Africa urbana. Iniziamo con il volto chic di Marrakech, nel quartiere della città che più assomiglia alla Parigi della Belle Époque.
    Leggi l'articolo completo >

    pubblicità

    pubblicità



    Link sponsorizzati