Registrati

Articoli

23 luglio 2012

Vietnam: breve guida per il tuo primo viaggio

  • Tom Hewitson
  • Autore Lonely Planet

Vietnam, ritorno da scuola © Fotografia di Barbara Ioli

Affascinante e spiazzante in egual misura, il Vietnam merita senza dubbio di essere tra le destinazioni più amate dai viaggiatori. In nessun altro paese del Sud-est asiatico la mescolanza di passato, presente e futuro è così vivida.

A volte, tuttavia, l'impatto può essere così impegnativo e spaesante da far nascere anche nel viaggiatore più consumato il desiderio improvviso di... un hotel di lusso. In ogni caso, come spesso accade nella vita, più investirai e più riceverai in cambio. Con un po' di accortezza, il tuo prossimo viaggio in Vietnam potrebbe rivelarsi l'esperienza della vita.

1. Inizia a sorridere

Nonostante l'opinione contraria di molti viaggiatori, il popolo vietnamita è spesso altrettanto cordiale di quello degli altri paesi asiatici. Tuttavia, a differenza di quanto avviene in Thailandia, Cambogia o Laos, dove le persone sono molto curiose di conoscerti e di sapere tutto di te, gli abitanti del Vietnam tendono a ignorare i viaggiatori... fino a quando non si ha bisogno del loro aiuto. Stanne certo: se chiederai una mano con un sorriso, otterai la mano e un sorriso in cambio.

2. Attento ai taxi-truffa

A detta di molti, i moto-taxi sono l'unico modo per esplorare le affollate strade di Hanoi e Ho Chi Minh. Le truffe, per quanto rare, sono sempre possibili e il modo migliore per tutelarsi è avere una buona conoscenza di dove si sta andando. Se pensi che ti stiano portando fuori strada, chiedi al conducente di fermarsi e cerca un altro mezzo. Ricorda che di solito i taxisti conoscono il nome inglese delle principali località. Ancora, cerca di farti venire a prendere in aeroporto dal personale del tuo hotel - meglio spendere qualcosa in più, mi ha insegnato l'esperienza, che andare incontro a spiacevoli e costosi raggiri.

3. Sugli autobus notturni

Gli autobus notturni sono perfetti per coprire lunghe distanze e risparmiare sul pernottamento, ma procura di avere una cuccetta il più lontano possibile dalla toilette (che di solito si trova sul retro). Il fatto, semplicemente, è che spesso questi bagni sono in pessime condizioni e il cattivo odore aumenta a mano a mano che ci si avvicina. Ancora, a meno che tu non abbia una vescica d'acciaio, bevi il meno possibile, perché le soste sono spesso a discrezione del conducente e possono essere saltate se l'autobus è in ritardo. Durante una corsa di sette ore - che si è tradotta in sedici ore di viaggio - sono stato molto felice di aver seguito questo consiglio. Non tutti gli altri passeggeri hanno fatto altrettanto - sia detto per inciso.

4. Di notte non cacciarti nei guai

Quella del Vietnam è forse la birra più economica del mondo, ma è meglio non abusarne. Ad Hanoi è in vigore un "coprifuoco" su bar e locali, e la polizia potrebbe anche chiudere un occhio se il proprietario ha pagato bene. Inoltre, Nha Trang può raccontare molte storie di backpacker derubati da prostitute e dai loro protettori lungo la strada che, si fa per dire, avrebbe dovuto portarli a casa.

5. Motocicletta in sicurezza

Un bravo stuntman può permetterselo, ma a volte anche il migliore finisce per rompersi le ossa. Il Vietnam non è il posto ideale per imparare a guidare una moto o per fare gli spericolati. Poche volte ho avuto tanta paura come quando mi è capitato di attraversare un viale a quattro corsie nel quale gli scooter avanzavano implacabili a pochi millimetri l'uno dall'altro. Le strade sono spesso terribili e le storie di viaggiatori morti in moto fin troppo conosciute. Se vuoi provare il brivido delle due ruote, rivolgiti a Dalat Easy Rider: un esperto motociclista vietnamita ti porterà in giro e non dovrai fare altro che sedere dietro e godere il paesaggio.

6. Coraggio, soprattutto

La cosa più importante: non abbatterti. Il Vietnam può intimidire e mettere in difficoltà al primo impatto, ma se non perderai il senso dell'umorismo tutto andrà per il meglio. Anche nelle strade di Hanoi, dove per attraversare dovrai votarti a tutti i santi che conosci, la cosa peggiore è avere paura. Mantieni la calma e lentamente la confusione ti avvolgerà e ti farà suo, fino a che non ti troverai per magia proprio là dove avresti voluto essere, e senza un graffio.