Registrati

Articoli

29 novembre 2011

Le spiagge più insolite per il 2012

Hawaii, sogno ad Hanauma Bay © Fotografia di Andrea Paoletti

Sabbia color caramella, sparizione di onde, troll trasformati in pietra. Ecco le spiagge più strane. Per la seconda parte, clicca qui.

CHANDIPUR, INDIA
Qui il mare sembra fare una magia: scompare! Con la bassa marea, si ritira per circa 5 km e solo vedendolo capirai quanto sia incredibile. Il fenomeno in sé forse non è sufficiente per attirarti fin qui, ma mentre aspetti che l'acqua ritorni potrai esplorare il fondo marino, trovare conchiglie, rami trasportati dalla corrente e piccoli granchi rossi.

Una volta nello stato dell'Orissa, perché non visitare qualche altra spiaggia al di fuori dei circuiti turistici? Da queste parti non perdere Puri, una cittadina dell'Orissa dove in giugno/luglio si svolge la spettacolare festa del Rath Yatra (www.rathyatra.net).

PERISSA, SANTORINI
Perissa è forse il litorale di sabbia nera più bello di Santorini, dominato dalla grande roccia di Mesa Vouno, illuminata di notte. La spiaggia è lunga, quindi non sovraffollata, ma le rovine dell'antica Thira sono l'ideale se desiderate una maggiore tranquillità.

Indossa le ciabatte perché la sabbia nera trattiene il calore. Stelios Place, vicino alla spiaggia, è il centro delle attività, con i suoi bei balconi bianchi, una piscina e ottime prime colazioni.

GIANT'S CAUSEWAY, IRLANDA DEL NORD
È facile capire come sono nate le leggende intorno a questo capolavoro. Un'eruzione vulcanica forgiò migliaia di colonne basaltiche in precise forme esagonali, raggruppate come canne d'organo. È quasi impossibile credere che non sia un'opera umana. Secondo la leggenda, il guerriero Finn McCool, minacciato da un gigante scozzese sull'altra riva del mare iniziò a costruire una strada lastricata per poterlo aggredire; ci sono conformazioni simili anche sulla riva scozzese.

Non perdere le strutture particolarmente scultoree, come il Giant's Boot (stivale del gigante) e i Chimney Stacks (fumaioli). La Causeway si trova vicino a Bushmills, in County Antrim. L'Ulsterbus n. 252 effettua un percorso circolare da Belfast alle Antrim Glens.

GLASS BEACH, CALIFORNIA
Questa spiaggia è una celebrazione della straordinaria capacità della natura di trasformare gli scarti in tesori. Dominata da scogliere, un tempo era considerata una comoda discarica per i rifiuti di Fort Braggs. Fino alla fine degli anni '60, la gente veniva qui per disfarsi di ciò che era inutile, anche di auto vecchie ed elettrodomestici, gettando tutto dagli scogli direttamente nell'oceano. Poi, le autorità interruppero questa pratica.

Nei decenni successivi, il mare ha compiuto una straordinaria magia, fungendo da grande centrifuga per sminuzzare il vetro e levigarlo. Oggi la spiaggia sembra un negozio di gioielli che però non si possono raccogliere.

PAPAKOLEA, HAWAII
Le isole vulcaniche delle Hawaii non si accontentano di sabbia candida, ma la mischiano con quella nera come l'ebano, rossa come Marte - e verde! Il verde di Papakōlea non è proprio smeraldo, ma ha una distinta gradazione derivata dai cristalli di olivina depositati da un'esplosione vulcanica circa 10.000 anni fa. Questi, essendo più pesanti degli altri materiali, riemergono con il deflusso dell'acqua.

L'olivina purtroppo si esaurirà e la spiaggia resterà grigia, ma a quanto pare non a breve. Papakōlea si trova nel distretto di Ka'u. Dovrai arrivare a piedi e discendere il cono di cenere. Ma ne vale davvero la pena: è verde!