Sole, mare e Schiermonnikoog: quale isola delle Frisone è la più adatta a voi?

L'imponente Faro di Ameland è uno dei luoghi più suggestivi dell'isola © Jurrien Veenstra / Lonely Planet

Pubblicità

Vasti cieli splendenti, schegge appartate di sabbia bianca e soltanto la tenue melodia del canto degli uccelli, o poco più: le Isole Frisone offrono tutto ciò che si può desiderare da un arcipelago paradisiaco, a soli 5 km dalla costa settentrionale dei Paesi Bassi.

Per la Frisia e il suo capoluogo Leeuwarden, che nel 2018 svolge il ruolo di Capitale Europea della Cultura insieme alla Valletta di Malta, non c'è mai stato un momento migliore per prendere un traghetto e attraversare le più grandi piane tidali di sabbia e fango del mondo, il Mare di Wadden, giocando a interpretare Robinson Crusoe sulle Isole Frisone. Con quattro isole possibili sulle quali naufragare, ecco come scegliere l'atollo giusto!

Per un tour gastronomico su due ruote: Ameland

Vlieland è meravigliosamente orlata da sabbie dorate, tra le quali spicca la vasta spiaggia che si distende lungo la costa occidentale © Sara van Geloven / Lonely Planet

Ad Ameland fate come gli abitanti e attraversate l'isola in bicicletta. Noleggiate le due ruote da Fietsverhuur Kiewiet, proprio accanto al molo dei traghetti, ed esplorate i 90 km di piste ciclabili dell'isola attraverso campi pianeggianti e ombrose pinete. Vicino al porto, il pittoresco villaggio di Nes è un labirinto di vicoli lastricati, case di balenieri del XVII secolo, negozi e ristoranti. A Metz gustate il kibbeling (bocconcini di pesce bianco fritto) o addentate un'aringa cruda (attenzione: è un sapore al quale bisogna abituarsi).

Circa 6 km a ovest di Nes, nel villaggio di Ballum, cercate il bruin café (caffè marrone) Nobel, splendidamente conservato, e assaggiate il suo famigerato Nobeltje - un cocktail dolce e potente, inventato per caso oltre un secolo fa. Durante una fredda notte d’inverno il proprietario del locale Willem Barend Nobel non aveva abbastanza alcolici da servire agli assetati concorrenti di una gara di slittino, così mescolò in fretta i rimasugli di alcune bevande… e nacque il Nobeltje. La ricetta è tuttora un segreto di famiglia.

Pedalando a ovest di Ballum, puntate verso il faro a strisce rosse e bianche di Ameland, costruito nel 1888 ma in seguito dismesso. I visitatori possono salire i 236 gradini per una vista mozzafiato sulle dune ammantate di erba increspata e sugli alberi che ondeggiano al vento. Nelle giornate terse, l'isola di Terschelling si vede in lontananza, oltre le acque blu acciaio del Mare del Nord.

Dal faro c’è un ultimo tratto in salita fino alla spiaggia più occidentale dell’isola, dove il Beachclub the Sunset è perfetto per rifocillarsi. Accomodatevi in terrazza e gustate le ostriche fresche o le bitterballen (crocchette di carne) mentre i raggi dorati del sole affondano tra le onde.

Il viaggio

I traghetti per Ameland partono dal villaggio frisone di Holwerd.

Per le spiagge infinite: Vlieland

Festa al tramonto a Terschelling durante l’annuale Oerol Festival © Sara van Geloven / Lonely Planet

C'è un solo villaggio a Vlieland, la più occidentale delle Isole Frisone. La sua strada principale è delimitata da boutique, hotel accoglienti e case a frontone del XVI secolo, ma oltre il porto si distendono 12 km di sabbia bianca finissima sui quali spicca l’Oost, un modernissimo padiglione in legno.

Scegliete un posto dove allungare il telo da spiaggia e sfidare le tonificanti onde bianche e spumose che frusciano sul litorale. L'isola di Terschelling è visibile attraverso lo Stortemelk, uno specchio d'acqua particolarmente selvaggio dove il Mare del Nord incontra il Mare di Wadden. Pernottate al campeggio Stortemelk, dove potrete piantare la tenda (disponibile a noleggio) tra le dune e godere di una vista a perdita d’occhio sulla scintillante Via Lattea.

Il viaggio

Vlieland si raggiunge in traghetto dalla cittadina frisone di Harlingen.

Per una fuga culturale: Terschelling

Ogni anno per 10 giorni nel mese di giugno tutta l’isola di Terschelling diventa un palcoscenico. Le dune di sabbia ospitano spettacoli teatrali, le spiagge diventano protagoniste della land art, e la musica riecheggia dalle fattorie più remote dell'isola. Inizialmente organizzato da Joop Mulder, proprietario di bar nell’isola, l’Oerol Festival è diventato uno degli eventi più innovativi del paese.

Probabilmente l'elemento più interessante del festival è il progetto di paesaggio culturale denominato Sense of Place (Senso del Luogo), che trasforma le ricchezze bucoliche dell'isola in opere d'arte di grandi dimensioni. Le precedenti installazioni hanno utilizzato rami di salice per trasformare le paludi salmastre in un dipinto di Mondrian e piantato sparto tra dune di sabbia ispirate alle opere di M.C. Escher. Nel 2018 il progetto si espanderà oltre Terschelling con l'artista Nienke Brokke, che creerà una scultura in terra ed erba alta 20 metri raffigurante un nudo femminile sdraiato su una diga vicino a Holwerd.

Il viaggio

I traghetti per Terschelling partono da Harlingen.

Per la natura selvaggia: Schiermonnikoog

Una foca si rilassa sulla morbida sabbia di Schiermonnikoog © emka74 / Shutterstock

La più piccola delle Isole Frisone, Schiermonnikoog, è ricca di attrattive naturali. A nord si trova la spiaggia più ampia d'Europa, orlata di sparto, mentre le vaste saline a sud ed est pullulano di paglia, lavanda marina e inula marina commestibile.

Gran parte dell'isola è un parco nazionale dove la circolazione dei veicoli è quasi del tutto vietata, consentendo ai diversi habitat di attirare una moltitudine di animali, tra cui oltre 300 specie di uccelli e foche che si radunano sui banchi di sabbia. La capanna per il birdwatching presso la piscina d'acqua dolce di Westerplas è il posto migliore dove avvistare gli uccelli acquatici nel loro ambiente selvaggio (sono disponibili delle guide).

L'ufficio turistico organizza anche diverse spedizioni naturalistiche. Cimentatevi con lo jutten (la ricerca di tesori sulla spiaggia) o il wadlopen, la divertente passeggiata sul fondo del Mare di Wadden durante la bassa marea: un modo assolutamente originale per esplorare questo straordinario ecosistema.

Il viaggio

I traghetti partono dal porticciolo di Lauwersoog, nella vicina provincia di Groningen.