Bellezza, birra e separazioni: 7 motivi per visitare Zagabria

Veduta aerea di Zagabria ©Razvan Ionut Dragomirescu/Shutterstock

Pubblicità

In un paese famoso per la sua costa splendida, la capitale, situata nell'entroterra, è sfuggita per decenni al radar del turismo. Con il nuovo terminal del suo aeroporto, aperto nel marzo 2017, e i suoi fermenti culturali, che ne valorizzano il fascino a metà tra storia e natura, Zagabria oggi è pronta a svelare la propria bellezza.

A spasso per la storica Città Alta

La chiesa di San Marco, uno degli edifici più graziosi della Città Alta © Apexphotos / Getty Images

Il quartiere più vecchio, la splendida Città Alta, sorge su due piccole colline, tra le quali si snoda via Tkalčićeva, proprio dove in passato scorreva un fiume. Entrambe le colline sono circondate da forti mura rinascimentali, costruite per resistere a un’invasione ottomana che, in realtà, non è mai avvenuta. Kaptol, la collina orientale, era il centro ecclesiastico della Città Vecchia, raggruppato intorno all'elegante cattedrale neogotica della città. A ovest, la collina di Gradec è costellata di palazzi barocchi dai toni pastello: qui dimorava un tempo la nobiltà cittadina. 

Per salire a Gradec con stile, prendete la mini funicolare (lunga appena 66 metri, la più breve al mondo) in via Tomićeva. Arriverete alla passeggiata Strossmayer, alla base della Torre Lotrščak: dall'una e dall'altra si gode una vista panoramica della Città Bassa. Mezzogiorno è il periodo migliore per una visita, quando un piccolo ma fragoroso cannone spara a salve dalla finestra più alta della torre. Nel cuore di Gradec, il Parlamento neoclassico della Croazia e il Palazzo presidenziale, di età barocca, si guardano dalle estremità di piazza San Marco. La bella chiesa del XIII secolo nel centro della piazza è una delle grandi icone della città e il suo tetto colorato riporta l’emblema di Zagabria e gli stemmi medievali di Croazia, Dalmazia e Slavonia. 

Consolatevi al Museo delle Relazioni Interrotte

Dà una sensazione strana camminare in un museo e non incontrare opere d’arte o reperti storici, ma oggetti ordinari della vita quotidiana: scarpe con tacchi a spillo, un tostapane, un giocattolo a forma di cane. Il fascino senza fine del Museum of Broken Relationships (questo è il suo nome ufficiale) è dato dal fatto che ogni oggetto racconta da vicino la storia, piena di pathos, di un sogno andato in frantumi.  

Ideata da due artisti di Zagabria dopo la fine del loro rapporto, questa collezione ha girato il mondo per molti anni prima di stabilirsi qui e diventare, nel 2010, il museo più insolito della città. Vi sono rappresentati tutti i tipi di relazione, dalle storie d'amore tra adolescenti ai matrimoni, e ogni oggetto è accompagnato dalla testimonianza anonima del suo donatore; alcune sono profonde, altre banali, altre ancora piene di umorismo, come quella che recita: "Il cane ha lasciato più tracce di sé del proprio padrone".    

Assaggiate prodotti locali freschi al mercato

È al Dolac che la gente del posto viene a comprare prodotti freschi. Questo mercato all'aperto di frutta e verdura è incredibilmente suggestivo, con vedute delle guglie della cattedrale che fanno da sfondo perfetto a file e file di limoni, peperoni e ravanelli. Il mercato della carne e del latte (al piano di sotto) e il mercato del pesce (adiacente) sono animati dal vociare di numerose massaie che trattano il miglior prezzo possibile.

Comprate frutta o paste e sedetevi a uno dei caffè che circondano il mercato. Ordinando qualcosa da bere, potrete mangiare il vostro cibo e godere del sole e dell'atmosfera vivace.

Per incontrare qualche contadino e assaggiare i suoi prodotti, verificate i giorni in cui si tiene il Mali Plac s Tavana. Il 'piccolo mercato' è nato come ritrovo dei produttori biologici a casa del suo fondatore, poi è diventato un'istituzione a Zagabria.  

Per assaggiare piatti deliziosi e creativi preparati con gli ingredienti del Dolac, prenotate un tavolo al Pod Gričkim Topom (restoran-pod-grickim-topom.hr), un delizioso e tranquillo ristorante al confine della Città Alta, che offre anche ampie vedute della città. 

Gustate birra artigianale e cocktail creativi nei vicoli

La capitale croata si anima la notte, quando le sue strade e piazze si trasformano in una grande festa all'aperto. Molto dell’azione avviene nella pedonale Tkalčićeva, che ricorda la via dello struscio di una località di mare, con tavoli all’aperto e un'atmosfera frizzante. Qui il divertimento non manca, ma per trovare il meglio del buon bere a Zagabria dovrete scavare ancora un po’... 

Chi ama la birra si troverà nel proprio elemento al Craft Room (Opatovina 35), ad appena un isolato da Tkalčićeva, un locale che serve un’ampia selezione di birre artigianali croate di alta qualità e con prezzi davvero convenienti, che partono da 2-3€ al mezzo litro. Per un tocco di tradizione in più, portatevi al Pivnica Medvedgrad e sorseggiate una delle loro cinque birre artigianali seduti nel bel cortile. 

Se preferite il vino, provate il Bornstein – la vineria più vecchia della regione – e sperimentate la loro grandiosa selezione di vini croati in un'atmosfera da vecchia cantina. Per i cocktail, chiedete all'esperto personale dell’elegante Dežman Bar di servirvi una delle loro creazioni ben bilanciate e ricercate. 

Unitevi a una festa che dura tutto l'anno

In qualunque periodo dell'anno arriviate a Zagabria, avrete buone probabilità di incontrare qualche evento per le sue strade. L'estate, in particolare, abbonda di opportunità, che gli abitanti colgono con entusiasmo. Tra le feste da non perdere c'è il Cest is D’Best all’inizio di giugno, che porta in città molti artisti di strada, e il Festival dei cortili a luglio, durante il quale molte residenze della Città Alta aprono i propri spazi interni per accogliere concerti e, in generale, per fare baldoria. 

L'autunno e la primavera sono il momento per cinema, teatro, spettacoli di marionette e festival musicali. Nuovi eventi nascono ogni anno, come il Festival delle luci inaugurato nel marzo 2017. Nel periodo natalizio, un’ampia pista da pattinaggio viene allestita in piazza Re Tomislav, si tengono molti spettacoli a tema e le persone visitano i mercatini di Natale: un Avvento in grande stile, votato per due anni consecutivi come il migliore in Europa.

In fuga verso montagne, laghi o piazze ombreggiate

La sua collocazione alle pendici delle montagne di Medvednica fa di Zagabria una splendida meta per chi ama le attività all'aperto. Nei weekend, chi vive in città ama percorrere l’escursione di 2-3 ore che porta alle foreste a nord e ammirare la vista di Zagabria che si gode di lassù. Per i viaggiatori è facile imitarli: basta prendere il tram 14 fino al capolinea, quindi salire sul tram 15 e percorrere la galleria con la quale la sua linea si conclude. Presto vi troverete a camminare nel cuore della foresta, accompagnati dal canto degli uccelli. 

Anche se un'escursione verso le montagne non facesse per voi, Zagabria ha spazi verdi per ogni gusto e interesse. La Città Bassa è meravigliosamente ombreggiata con sette piazze vicinissime l'una all'altra e un giardino botanico che forma un 'ferro di cavallo verde', tutti spazi perfetti per una pausa al fresco in una calda giornata estiva. Quando la temperatura salve davvero, il posto giusto è lo scintillante Lago Jarun, a sud-ovest dell’abitato, paradiso di nuotatori e canottieri, ma anche di chi ama la tintarella, andare in bici o pattinare approfittando delle spiagge e dei percorsi che circondano il lago.

Osservate la città con gli occhi dei suoi artisti di strada

Un ottimo modo per conoscere a fondo Zagabria e la sua vibrante creatività è seguire il filo rosso della sua arte di strada. Con ogni probabilità, il principale esponente della street art locale è Lonac, il cui nome significa 'pentolaì. Realizza ampi murales dallo stile realistico, utilizzando gli edifici non solo come superficie per dipingere, ma anche come elementi della composizione; così che un condotto dell’aria condizionata può diventare il tubo di uno snorkel, per fare un esempio. Molto quotato è anche OKO (nome che significa 'occhio'), che ha realizzato un grande murale sulle pareti del Museo di Arte Contemporanea nel 2015. Non stupisce che gli occhi siano un tema ricorrente nelle opere di questa artista, così come lo sono le figure bianche e nere che indossano abiti dalla foggia antiquata e che hanno teste a forma di animale, simbologia che rappresenta i guardiani dello spirito. 

Altri due artisti di strada di Zagabria, Bare e Modul, si sono uniti per creare il Lapo Lapo Street Art Studio, una galleria nel cuore della città, ma anche per riconvertire un'area in declino della Città Alta in una comunità artistica chiamata Art Park. Se fate attenzione, incontrerete facilmente le opere di questi artisti in giro per la Città Alta e quella Bassa, ma per conoscere davvero la scena locale vi consigliamo di fare un salto allo Student Centre, o sud-ovest, e in Via Branimir, a sud-est, dove si incontrano decine di murales. 

Anna Tyler ha girato Zagabria con il sostegno dell’Ufficio nazionale del turismo croato. Gli autori Lonely Planet non accettano denaro o omaggi in cambio di recensioni positive.