Polonia, esperienze oltre le città

Pubblicità

Nel cuore d'Europa, questo paese conquista con la sua gente, la natura imponente, la storia (spesso tragica) millenaria. Oltre le grandi città, meta di visitatori provenienti da tutto il mondo, c'è una Polonia che sorprende e che merita di essere conosciuta fin dal prossimo viaggio.

Perché la Polonia

Tra tutti i paesi europei, la Polonia è quello che pare aver retto meglio alla crisi degli ultimi anni. Vanta numeri in costante crescita, compresi quelli dei visitatori stranieri che ne stanno facendo una delle mete più apprezzate del continente. Di recente la Giornata Mondiale della Gioventù ha acceso i riflettori sulla splendida Cracovia e Breslavia, Capitale Europea della Cultura per tutto il 2016, continua a offrire al mondo il meglio di sé. Ma la Polonia è molto altro ancora. Mark Baker, autore della nostra nuova guida scrive: "sono arrivato qui per la prima volta negli anni '80 rimandendo impressionato dallo humor, dallo spirito e dalla gentilezza della gente, nonostante le condizioni difficili in cui viveva. Tornato parecchie volte, ciò che mi colpisce oggi è la verve e l'energia di un popolo sorprendente". La natura, i castelli fiabeschi, alcune tra le migliori vodka al mondo: ecco alcune esperienze da vivere oltre le grandi città polacche.

1. Escursionismo sui monti Tatra

Quella dei Tatra è la catena montuosa perfetta: imponente ma accessibile, con cime che anche i meno allenati, con un po' di sforzo, possono conquistare. Il paesaggio è molto suggestivo, in particolare in estate, quando le nuvole si aprono e svelano le austere pareti rocciose delle montagne che si ergono sui boschi di pini nani. I Tatra sono la catena montuosa più elevata dei Carpazi, con vette altissime e ripide pareti che precipitano per centinaia di metri verso laghi gelati. Sui Tatra non ci sono ghiacciai, ma in alcune zone sono presenti nevi perenni. Queste montagne sono perfette per le escursioni a piedi in estate e lo sci in inverno, e gran parte delle attività gravita intorno a Zakopane, la località montana più nota di tutta la Polonia. Abbarbicata ai piedi dei Tatra, Zakopane si raggiunge facilmente da Cracovia anche in autobus (il viaggio dura circa due ore). Un consiglio? Visitate le imponenti ville di legno risalenti a fine Ottocento-inizio Novecento. Alcune di queste residenze oggi ospitano muse, altre sono statr riconvertite in alberghi o accoglienti pensioni. Promotore di questa moda degli edifici in legno fu l'architetto Stanislaw Witkiewicz (1851-1915) e la prima delle tante magnifiche ville che progettò nella zona, Willa Koliba, oggi ospita il Museo dello Stile Zakopane.

2. Fiumi di Vodka

La bevanda alcolica più bevuta dai polacchi è certamente la birra. Tuttavia quando si tratta di festeggiare una ricorrenza c'è sempre qualcuno che tira fuori la vodka (solo i russi hanno un consumo pro capite più alto). Quando una bottiglia di vodka finisce sul tavolo, non pensate di cavarvela con un bicchierino tra amici: nessuno si alzerà finchè la bottiglia non sarà finita. I polacchi producono alcune tra le migliori varietà di vodka del mondo e non hanno paura di sperimentare. Ne è prova la Żubrówka, la "vodka del bisonte" aromatizzata con un'erba di cui si nutrono i bisonti della Foresta di Białowieża. Sebbene in Polonia, come altrove, il tipo di vodka più diffuso resti la vodka Czysta (pura), se siete appassionati del genere troverete molte variazioni sul tema. Qualche esempio?

  • Wyborowa, vodka pura a base di grano
  • Żytnia, vodka a base di segale in moltissime varietà, da quella dolce a quella più secca
  • Myśliwską, la vodka del cacciatore, dal sapore non troppo diverso dal gin
  • Pigwowka, aromatizzata alla mela cotogna (né troppo aspra, né troppo dolce, è la nostra preferita al momento)
  • Wiśniowka, aromatizzata alla ciliegia
  • Pieprzowka, aromatizzata al pepe

3. In bicicletta nei Karkonosze

Incuneato tra il Monte Wielki Szyszak (alto 1509 m) a ovest e il Monte Śnieżka (1602 m) a est, il Parco Nazionale dei Karkonosze non è solo un paradiso per escursionisti. Attravero le sue foreste si snodano diverse piste per mountain bike che si articolano per 450 km, facilmente accessibili dalle località montane di Szklarska Poreba e Karpacz. Procuratevi una cartina presso l'ufficio turistico, noleggiate una bicicletta e partite per un'avventura attraverso boschi e alte colline scavate dalle glaciazioni: i kotly (circhi). A qualsiasi attività vi dedichiate, portate con voi abiti caldi e impermeabili per affrontare il clima imprevedivile. Potrete fermarvi a riposare lungo il percorso, presso uno dei diversi e caratteristici rifugi di montagna presenti, oppure imboccare uno qualsiasi dei sentieri che si diramano dalla strada principale in direzione dei centri abitati.

4. Auschwitz-Birkenau

Questo campo di sterminio è una celebre e cupa testimonianza di uno dei più grandi genocidi della storia e del milione di persone che qui vennero uccise. Oggi è un museo e un monumento in memoria delle vittime. Oltre al famigerato cancello di ingresso su cui spicca la scritta Arbeit macht frei (il lavoro rende liberi), ad Auschwitz sopravvivono alcuni degli edifici adibiti a prigioni, che oggi ospitano mostre tanto interessanti quanto agghiaccianti. Nel vicino campo di Birkenau ci sono i resti delle camere a gas. Un'esperienza che turba, educa e commuove al tempo stesso.

5. I grandi laghi della Masuria

Sorseggiate un cocktail sul ponte di un lussuoso yacht, fate un tuffo o indossate un giubotto di salvataggio, salite su un kayak e partite per un'avventura. I laghi della Masuria, tutti collegati tra loro, sono un paradiso per gli amanti della vela e degli sport acquatici. La regione ha anche vivaci località di villeggiatura, dove il lieve rumore di vele e alberi si mescola al tintinnio dei bicchieri e al mormorio delle chiacchierate in barca. In inverno, quando i laghi ghiacciano, gli sci da fondo rimpiazzano gli sci d'acqua.