Matera, il rinascimento della città dei Sassi

L'antica città di Matera all'alba © bluejayphoto / Getty Images

Pubblicità

Una città del sud è in pieno fermento: con i suoi boutique hotel, i superbi ristoranti e le innovative iniziative culturali che animano ormai ogni angolo di strada. Gli anni '50 sono lontanissimi.

Un patrimonio unico

La prima traccia dell'uomo nelle grotte di tufo delle Murge, in Basilicata, risale a 9.000 anni fa. Gli antichi quartieri di Matera ospitano oggi segreti inestimabili: oltre 150 chiese affrescate e una complessa rete di case, cisterne e gallerie che punteggiano la roccia viva. Nel 1993 i Sassi sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità dall'UNESCO e nel 2019, questo che è uno degli insediamenti umani abitati più antichi della terra, sarà anche Capitale Europea della Cultura.

La storia dei Sassi

La vita nelle grotte di Matera © JTB Photo / Getty Images

Camminando oggi lungo le strade incredibilimente pittoresche dei Sassi, è davvero difficile credere che negli anni '50 questo luogo fosse definito "la vergogna d'Italia". Dopo il trasferimento del capoluogo a Potenza nel 1806, le condizioni economiche e demografiche avevano reso la vita nei Sassi precaria e difficile. Per anni animali ed esseri umani hanno condiviso grotte sovraffollate in cui malaria, dissenteria e malnutrizione rappresentavano minacce quotidiane. Questa condizione da girone dantesco fu ben descritta da Carlo Levi che con il suo "Cristo si è fermato a Eboli" del 1945 risvegliò le coscienze di politici e media, rimanendo nell'immaginario collettivo fino agli sgomberi degli anni '50. Per iniziare a conoscere questa storia, la cosa migliore da fare è visitare Casa Noha, a due passi dal Duomo, nella parte alta del Sasso Caveoso, dove ad accogliervi ci sarà un'affascinante esposizione proiettata su pavimenti, soffitto e mura di una bella casa cinquecentesca appartenuta alla nobile famiglia Noha e donata alla città nel 2004. Vi immergerete nel racconto unico di una storia antichissima fatta di miseria e grandezza, di bellezze straordinarie e segreti nascosti. Percorrendo le strade di questo luogo, presto scoprirete due distinti distretti che formano un unico, intricato e complesso nucleo urbano: il Sasso Caveoso e il Sasso Barisano. Apprezzarne appieno le meraviglie vi riuscirà più semplice affidandovi a una guida. Noi ci sentiamo di consigliarvi l'esperienza di Altieri Viaggi che offre visite guidate, passeggiate più lunghe, gite e perfino escursioni in Ape. Capire il senso di questa città non è difficile: mentre i molti signori di Matera (longobardi, bizantini, normanni, aragonesi) costruivano palazzi e cattedrali nella parte alta, i Sassi venivano lasciati al popolo, ai contadini che coltivavano le colline vicine. Per avere un'idea di come fosse la loro vita visitate la Casa-Grotta di Vico Solitario, ricostruzione di una tipica abitazione in grotta. Sotto gli stessi bassi soffitti calcarei si trovano letti matrimoniali, mobili rustici, fotografie familiari e altri oggetti di vita quotidiana, accanto a spazi dedicati al bestiame (suini e asini in particolare) e al loro letame. 

Gli incredibili affreschi di cripte e chiese

Uno degli antichi affreschi patrimonio della città © Mondadori Portfolio / Getty Images

Non c'è dubbio: le antiche chiese e le cripte ricavate nel calcare dei Sassi e delle Murge, rappresentano il tesoro più grande di Matera. Un viaggio non può dirsi completo senza una visita a questi imperdibili affreschi e alla sorprendente architettura di questi luoghi. Ammirate la Cripta del Peccato Originale, 7 km a sud della città, soprannominata la "Cappella Sistina" di Matera e che, all'interno di uno straordinario sistema di grotte offre la magnifica visione di  affreschi benedettini ottocenteschi e novecenteschi, raffiguranti scene bibliche oggi tesoro dell'arte sacra italiana.

Tra le tante chiese di Matera, la più imponente è invece quella di San Pietro Barisano. Costruita con infinito ingegno nel tufo e arricchita da preziosi affreschi, regala un'atmosfera unica frutto di secoli di devozionone.

Dormire in una grotta cinque stelle

Una delle stanze sotterranee della città © Hotel Sassi

Forse anche un po' ironicamente, proprio i Sassi che un tempo ospitavano la parte più povera della popolazione, oggi offrono alcuni degli alberghi più belli del Sud Italia. L'esperienza di dormire in una grotta antica di millenni (ora lussuosa e dotata di ogni comfort) è imperdibile. Sia in Sassi Barisano che Caveoso si trovano alberghi di livello ma il primo a nascere, quello che ha aperto idealmente una strada nuova nell'accoglienza materana è l'Hotel Sassi del 1996. Parzialmente scavato nella roccia, presenta una struttura molto complessa e multilivello, fatta di ambienti raccolti intorno a un cortile centrale, un tempo meta della vita tradizionale dei Sassi.

Mangiare in una grotta gastronomica

L'atmosfera tipica di un grande ristorante nelle grotte © Baccanti

Non serve una lunga passeggiata per passare da uno dei boutique hotel di Matera a uno dei ristoranti migliori della regione. Se soggiornate a Sasso Barisano, il Dedalo è il locale perfetto per capire come da queste parti il cibo in grotta sia ben lontano dalla cucina del Paleolitico. Ambiente esclusivo e piatti che rivisitano i classici della cucina lucana con ingredienti raffinati. A Sasso Caveoso, il Baccanti mescola invece design antico e moderno in modo magistrale offrendo ai suoi ospiti cibo mozzafiato in un ambiente unico.

La cultura nelle grotte

Ma il rinascimento di Matera non passa solo dall'accoglienza o dalla cucina. È probabilmente la cultura la vera chiave di volta di questa trasformazione ormai riconosciuta internazionalmente. Passate un'ora o due al MUSMA, il  Museo della Scultura Contemporanea, un moderno museo di sculture che si integra alla perfezione nelle grotte e nelle stanze affrescate di Palazzo Pomarici del XVI secolo del Sasso Caveoso. Oppure fate un salto al Vicolo Cieco, un piccolo e accogliente wine bar che non sfigurerebbe neanche al Pigneto o a Trastevere, due tra i luoghi più bohemienne e trendy di Roma. Con un'anima antichissima, un patrimonio infinito e un'attitudine al rinnovamento, Matera sta vivendo la sua nuova era valorizzando tutte le sue sfaccetature. Ed è per questa ragione che oggi è una delle mete più affascinanti d'Italia.