Registrati

Articoli

11 luglio 2013

Isole della Grecia: come scegliere quella giusta

Zacinto, Spiaggia del relitto © Sabrina Pessione

Con oltre 2.000 isole - alcune piccole come atolli, altre grandi come Creta - la Grecia non teme il confronto. Spiagge, storia, escursioni, bicicletta, festival, cibo ed ecologia: le opportunità sono moltissime. In questo articolo i nostri consigli per scegliere la meta su misura per te.

di Chris Deliso
autore Lonely Planet

Il meglio delle spiagge: Creta, Lipsí, Cefalonia, Skiathos, Mýkonos
Quasi ogni isola della Grecia ha spiagge fantastiche, ma poche reggono il confronto con quella di Frangokástello, sulla costa meridionale di Creta, e con il suo castello veneziano. Se cerchi acque color turchese, prova Platys Gialos e Kambos sulla tranquilla Lipsí, ma anche la meravigliosa caletta di Mýrtos a Cefalonia.

Per guardare e farti guardare, scegli tra una delle 65 spiagge di Skiathos, unisciti ai numerosi estimatori della spiaggia di Koukounaries (lunga 1200 metri) o abbronzati in covi per nudisti come Banana e Little Banana Beach, molto amati dalla comunità omosessuale. Battute sono anche le leggendarie spiagge Paradise e Super Paradise di Mýkonos.

Il meglio per la storia: Rodi, Délo, Corfù, Patmos
Entra nella magnifica città fortificata di Rodi, dove i Cavalieri di San Giovanni regnarono dal 1309 al 1523, ed esplora i loro possedimenti prima di visitare il Palazzo del Gran Maestro, del XIV secolo. La piccola Délo, vicino a Mýkonos, era un tempo sacra ad Apollo. Visita le rovine del tempio dedicato al dio e i mosaici della casa di Dioniso.

Poi spostati nella città vecchia di Corfù, con i suoi palazzi in stile veneziano, francese e inglese. Sull'eterea Patmos, invece, visita il Monastero di San Giovanni il Teologo ed entra nella grotta dove il santo scrisse il Libro delle rivelazioni, meglio note come Apocalisse.

Il meglio per camminare: Creta, Naxos, Aloníssos, Skópelos
Il territorio dell'isola più grande della Grecia, Creta, è molto vario: vi si incontrano sonnolente pianure punteggiate di mulini a vento, ma anche gole e montagne impervie. Camminare nella gola di Samaria, che con i suoi 16 km è la più lunga d'Europa, ti porta nella terra madre della tipica capra cretese, il kri-kri. Il percorso da Zakros a Kato Zakros (antico sito minoico) è decisamente più rilassante. Un po' di fresco ti aspetta invece lungo l'ombroso percorso che segue il fiume a Plakias, nel sud dell'isola, dove ti consigliamo l'eccellente Youth Hostel Plakias. Il Club della Montagna di Haniá, sempre a Creta, è una miniera di informazioni su trekking ed escursioni.

La fertile Náxos offre la possibilità di effettuare numerose escursioni lungo gli antichi sentieri che collegano i villaggi alla pianura, tra templi e chiese bizantine. Sulle Sporadi, Aloníssos e Skopelos, ricche di foreste, frutteti e fiori selvatici, sono un paradiso per camminare. Due riferimenti: l'Aloníssos Walking Club e Skopelos Walks.

Il meglio per la bicicletta: Évia, Kos, Thásos
Le tranquille strade di campagna di Évia sono l'ideale per andare in bicicletta senza pericoli e senza traffico. Altra meta perfetta per i ciclisti è Kos, con numerose possibilità di noleggio. Da segnare in agenda è anche Thásos, con i suoi percorsi tra i boschi e le sue gare di mountain bike molto quotate a livello internazionale.

Il meglio per immersioni e snorkelling: Kárpathos, Mílos, Páros, Kastellórizo
Per immersioni guidate in grotte dai mille colori e ricche di fauna marina, fa' riferimento alla Kárpathos Diving School. Mílos non è seconda a nessuno in quanto a immersioni: il Diving Center Milos ti porterà a tu per tu con le creature sottomarine, con possibilità di avvistare delfini e foche monache. Anche lo snorkelling è una bella tentazione di queste acque e va forte a Páros e a Kastellórizo.

Il meglio per il turismo responsabile: Zacinto, Chio, Creta
Dedicati a uno dei progetti di salvaguardia delle specie marine attuati a Zacinto da Earth, Sea & Sky. Sporcati un po' le mani accudendo le piante di lentisco, la cui resina gialla veniva usata in passato come chewing gum e per la sua azione benefica sul cavo orale, ed esplora tutte le possibilià che Chio offre per il turismo responsabile. Ancora, gusta il piacere senza peccato di un'esperienza gastronomica davvero biologica tra le montagne di Creta, per esempio presso l'ecolodge Milia, che ricava l'energia da pannelli solari e offre prodotti della tradizione cretese.

Il meglio per mangiare e bere: Lésvos, Sámos, Corfù, Folégandros, Creta
Lésvos è celebre per il suo olio d'oliva e per l'ouzo (se ne produce qui il 70% di tutta la Grecia). Il tradizionale aperitivo è servito nei locali dell'isola, che mescolano sapori greci e turchi. Lésvos e Sámos producono anche ottimo vino, soprattutto da dessert.

Come altre Isole Ionie, Corfù non ha subito la dominazione ottomana e i sapori della sua tavola ricordano moltissimo quelli di certa cucina italiana. Le specialità di Folégandros, sulle Cicladi, includono la matsata (pasta con ragù di coniglio o pollo), l'astakomakaronada (spaghetti con astice o aragosta) e il liokafto (pesce essiccato al sole). Creta è rinomata per l'olio d'oliva e specialità come dakos (una specie di bruschetta con pomodoro, olio e formaggio in quantità) e myzithra (formaggio dolce, usato in pasticceria).