Gennaio: le mete del mese

British Columbia, scatenatevi!

Pubblicità

Scegliendo la destinazione giusta, a gennaio si può ottenere il meglio dal caldo e dal freddo. Così la voglia di viaggiare resta bella e robusta per tutto il mese.

British Columbia, sorprendente varietà

A Whistler, British Columbia, non mancano divertimenti e localini chic, è risaputo. Per chi ama il Grande Bianco, tuttavia, le attrattive non finiscono qui. Le molte località turistiche disseminate in questo magnifico territorio accontentano tutti, perché spaziano dalla graziosa cittadina tradizionale alle mete per famiglie. Il consiglio, quindi, è di girare il più possibile. Rossland è un antico villaggio di minatori sulla Red Mountain e offre piste impegnative. La vicina Nelson è un'ottima base per raggiungere Whitewater, una località piccola e poco frequentata. Fernie è una graziosa cittadina circondata da montagne su tutti i lati, con oltre 100 piste, vari terreni e la possibilità di sciare tra gli alberi. Infine, ci sono Revelstoke e Big White a nord-ovest… Quanti giorni avete?

Florida, tutti i doni del sole

Florida, a tu per tu con i lamantini

Sgargiante, trendy, danarosa, Miami è l'antidoto perfetto al grigiore dell'inverno. Rosa pastello e azzurro brillante sono i colori tradizionali dell'Art Déco Weekend, che si tiene a South Beach a metà gennaio (dal 12 al 14, quest'anno): raggiungete Ocean Drive e preparatevi a godervi un turbine di danze, luci, spettacoli, visite guidate e shopping vintage. Miami non è però solo spiagge e locali: oltre alla vivace vita notturna in salsa latina e allo sfarzo irrefrenabile, qui troverete anche momenti di insolita calma. Dirigetevi a nord-ovest per un tuffo nel Crystal River, dove centinaia di lamantini si raccolgono attorno alle sorgenti calde tra novembre e marzo. Oppure affrontate in kayak le acque color tè delle Everglades, per incontrare (con la dovuta prudenza!) alligatori e uccelli di ogni specie.

Budapest, un bel bagno caldo?

La capitale ungherese vi garantisce un inverno al calduccio, grazie al tepore dei molti impianti termali. La città, infatti, ha la fortuna di sorgere su oltre 120 sorgenti, molte delle quali aperte al pubblico. Provate i Bagni Rudas, in stile turco, o gli stabilimenti Gellért, vera gemma art nouveau, o ancora gli enormi Bagni Széchenyi. La città in sé è splendida in ogni stagione, e la magnificenza medievale della Collina del Castello di Buda contrasta con la bellezza in stile Sezession di Pest. Anche la vita notturna è vivace: dai pub grunge-chic al glorioso Teatro dell’Opera ce n’è abbastanza per tenervi impegnati a lungo.

Myanmar, clima quasi perfetto

Lago Inle, l'equilibrio è una virtù

Il Myanmar è il più caloroso tra i paesi asiatici. Non ci riferiamo alla colonnina di mercurio, ma ai sorrisi dei suoi abitanti, accoglienti e amichevoli. Certo, anche monumenti e panorami non sono da meno: ad esempio la Pagoda Shwedagon nell'ex capitale Yangon, i carri trainati da pony e i campi di fragole di Pyin U Lwin, i templi e i pescatori (che si servono della gamba come remo) del tranquillo Lago Inle. La 'Strada per Mandalay' è una via d'acqua: il Fiume Ayeyarwady (Irrawaddy) serpeggia tra Yangon e l'antica capitale birmana, e a gennaio è al massimo della portata. Salpate per una crociera che toccherà sereni paesaggi rurali, villaggi seducenti e siti archeologici – nessuno dei quali raggiunge però la spettacolarità di Bagan, una vasta pianura costellata di stupa, pagode e templi millenari.

 

Trekking in Perú: non adesso!

Da gennaio ad aprile sugli altipiani del paese si scatena la stagione delle piogge. Evitate di venire qui a gennaio, se non volete fare trekking nel fango.