Dicembre: le mete del mese

Torres del Paine, un'alba grandiosa

Pubblicità

Due destinazioni della Vecchia Europa che in questo mese danno il meglio di sé e il richiamo, esotico e irresistibile, di due regni di madre natura pronti ad accogliervi.

Patagonia meridionale, Cile e Argentina

Perché ora? Semplice, per arrivare alla fine del mondo assieme all'estate. Vette frastagliate, ghiacciai mastodontici, puma che tendono agguati ai guanacos in vaste distese pianeggianti… al limitare estremo del Sud America tutto è straordinario. Incluso il clima: non conviene arrivare in Patagonia in pieno inverno. Meglio dicembre, quando la primavera si trasforma in estate e le masse di turisti non si sono ancora fatte vedere. Le mete imperdibili sono molte: partite dal Parque Nacional Torres del Paine, da esplorare a piedi in itinerari da otto o quattro giorni che vi condurranno fino al rifugio Los Cuernos. In Argentina, il Glaciar Perito Moreno (60 m) causa il distacco di giganteschi iceberg, mentre più sud la Tierra del Fuego segna la fine della Americhe a Capo Horn.

Bath, Inghilterra

Bath, benvenuti alle terme romane.

La garbata cittadina di Bath, con i suoi maestosi edifici georgiani, è l'ideale per una pausa a dicembre. L'aroma di vino caldo speziato e l'odore di salsicce alla griglia provengono dalle bancarelle che circondano l'abbazia medievale durante i mercatini natalizi. Assaggiate formaggi e cioccolatini, ammirate oggetti realizzati a mano e a sorseggiare ottimi liquori. Ma non limitatevi allo shopping: la città è zeppa di musei e gallerie d'arte, e vanta un complesso di terme d'epoca romana, per crogiolarvi nell'acqua calda di una piscina in terrazza mentre ammirate il paesaggio. Dopo il bagno, gustate una cenetta da gourmet e riposatevi in un delizioso B&B o in un lussuoso hotel come il Royal Crescent.

Glacier Express, Svizzera

Siete pronti a percorrere l'itinerario ferroviario più spettacolare al mondo?
In un paese celebre per l'efficienza, l'idea di salire a bordo di un treno che impiega sette ore per percorrere 290 km sembra una follia. Eppure la panoramica linea ferroviaria che collega Zermatt a St Moritz ospita un treno – 'il rapido più lento d'Europa' – che fa proprio questo, e che i passeggeri adorano. Lo scenario è sensazionale: si parte dagli svettanti 4478 m del monte Cervino (Matterhorn), si superano le deliziose vallate ammantate di abeti del Reno e del Rodano e graziosi villaggi montani, si avvistano castelli come il Reichenau e si supera lo spettacolare Viadotto del Landwasser prima di arrivare a St Moritz. Gli scorci sulle Alpi sono magnifici in inverno, e a dicembre la neve è assicurata. Tenete la macchina fotografica a portata di mano.

Isole Similan, Thailandia

Similan, Thailandia: approdo in paradiso.

Le 11 isole del Parco Nazionale di Mu Ko Similan hanno spiagge candide e barriere coralline caleidoscopiche. A dicembre, all'inizio della stagione secca, sono ancora più incantevoli. In queste settimane le acque al largo della Costa delle Andamane, in Thailandia, sono limpidissime (la visibilità arriva a 25-40 m) e molto calme. È il momento perfetto per snorkelling e immersioni tra creature marine grandi e piccole. Vedrete molti pesci variopinti, ma anche squali, barracuda, razze e tartarughe embricate e verdi, che tra novembre e febbraio giungono per deporre le uova. Certo, non parliamo di un paradiso sconosciuto: i turisti hanno imparato ad amarlo e le autorità hanno proibito l'accesso a Ko Tachai per tutelare i coralli: il luogo è di una bellezza straordinaria.

Costa Rica, per una volta da evitare

Il clima non c'entra. Il fatto è che in questo periodo inizia l'alta stagione turistica e i prezzi in molte località balzano alle stelle, e anche più su. Meglio rimandare.