Destinazioni al top: 10 cose nuove da vedere

NYC, a caccia di nuove prospettive © Fotografia di Stefan Mosley

Pubblicità

Abbiamo scelto 10 tra le mete più amate dai viaggiatori e siamo andati a cercare alcune delle loro più intriganti novità. Perché questi classici non hanno ancora finito di appassionare e stupire.

1. Nuovi musei e locali, fascino di sempre, Parigi

Passano gli anni, cambiano i governi, si versano litri di vernice per dipingere e mantenere la sua celebre Tour, ma la Ville Lumière non perde un grammo del suo fascino. Anche le novità, che qualche conservatore guarderà sempre con sospetto, a due giorni dalla loro nascita hanno già quell'inconfondibile charme parigino. Prendi i nuovi musei come il Musée du Quai Branly, non lontano dal Pont de l'Alma, dedicato all'arte di Africa, Oceania, Asia e Americhe (a Parigi si fanno sempre le cose in grande), o la rinascita che ha interessato le sponde del Canal Saint-Martin, alla periferia della città. E considera anche i tre nuovi locali che si sono di recente imposti all'attenzione dei gourmet e dei bon vivant: Jadis (néo-bistrot curato dallo chef Guillaume Delage), L'Agrume (meraviglioso bistrot del Quartiere Latino) e Derrière (il più rilassato e informale del terzetto, con antipasti per vegetariani e un tollerante fumoir).

2. High Line in espansione, New York City

Nella calda primavera del 2009, il tratto abbandonato della vecchia ferrovia sopraelevata del Meatpacking District, area industriale di Manhattan, ha iniziato una nuova vita trasformandosi in suggestiva e panoramica passerella pedonale. Il progetto prevede che la High Line colleghi un giorno il Meatpacking al Midtown. Nel giugno del 2011 è stata inaugurata una seconda sezione, che copre altri 10 isolati. Un'esperienza da non perdere e un bel work in progress da seguire, possibilmente dal vivo o sul sito The High Line. Una fascinosa sistemazione nei paraggi è il The Standard, High Line New York: ha camere con vista sulla skyline della Mela o sul fiume Hudson.

3. Meatpacking District danese, Copenaghen

È molto azzeccato paragonare il quartiere di Kødbyen di Copenaghen al Meatpacking di NYC, anche perché il suo nome deriva da "carne", proprio come quello newyorkese. Anche qui è avvenuta una profonda riconversione e l'area si è negli ultimi anni trasformata in una delle più trendy della capitale. Ti aspetta una crescente schiera di ristoranti, bar e gallerie d'arte, come quella che è considerata la più interessante della città, la V1. Un'ottima soluzione per la notte lì vicino, seguendo il filo rosso della sperimentazione architettonica, è l'Andersen Boutique Hotel, concentrato di stile e design inaugurato nell'aprile 2012.

4. British Museum in crescita, Londra

Londra non sta mai ferma. Finite le Olimpiadi, continuano i lavori di costruzione del World Conservation and Exibitions Centre del British Museum, che saranno completati nel 2014. L'ampliamento ospiterà un nuovo spazio espositivo, centri scientifici e per la tutela del patrimonio artistico. Anche se questa novità è ancora un work in progress può essere appassionante seguire i lavori sul sito del museo.

5. Grotta del Paradiso, Vietnam

Questo straordinario sistema di grotte scoperto nel 2005 da una spedizione di speleologi è stato finalmente aperto al pubblico. Al suo interno si possono ammirare spettacolari formazioni rocciose. Situata nel cuore del Parco Nazionale di Phong Nha-Ke Bang, nel Vietnam centro-settentrionale e dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 2003, è considerata la caverna asciutta più lunga del mondo (31 km), ma solo alcune centinaia di metri sono accessibili ai visitatori.

6. Festa mobile, Denver, Stati Uniti

L'ultima tendenza di Denver, Colorado, sono le cene clandestine organizzate in luoghi insoliti come hangar di aerei, campi e magazzini con chef di rango e menu tematici. Per approfondire, visita il sito Hush Concepts.

7. Rilancio di Aalborg, Danimarca

Quarta città della Danimarca, situata nel punto più stretto del Limfjord, il lungo braccio di mare che taglia in due lo Jylland, Aalborg ha nuovi assi nella manica non per rivaleggiare con Copenaghen, ma per proporsi come meta alternativa in un paese molto amato. Si è da poco dotata di un nuovo lungomare, di uno spazio dedicato al design e all'architettura e di un centro culturale ospitato in una centrale elettrica in disuso. In città non mancano le sistemazioni da consigliare, come l'essenziale ma ben servito Cabinn Aalborg, a 5 minuti a piedi dalla strada principale, Jomfru Ane Gade.

8. La costa del Mar Nero e le Olimpiadi, Russia

Sochi, Adler e Krasnaya Polyana, sedi delle Olimpiadi invernali del 2014, stanno vivendo grandi cambiamenti, tra le altre cose la costruzione di una ferrovia ad alta velocità tra la costa e le montagne. Questa zona è un ottimo spunto per un detour nel Caucaso russo. A seconda della stagione, ti aspetta una nuotata nel Mar Nero seguita da una buona cena nella sempre vivace Sochi, o una discesa sulle piste da sci olimpiche di Krasnaya Polyana.

9. Vecchia Vienna, nuova ecosostenibilità, Austria

L'albergo più ecosostenibile di Vienna, il Boutiquehotel Stadthalle, è dotato di pannelli solari e di cisterne di raccolta per l'acqua piovana. La nuova ala non dispone né di riscaldamento tradizionale, né di aria condizionata, ma di speciali condutture d'acqua murate che riscaldano o raffreddano la struttura. Per di più, i clienti che arrivano in bicicletta o in treno si vedranno praticare uno sconto del 10%.

10. Città dei food trucks, Stati Uniti

Il paese è da sempre on the road, ma ora è conquistato dalla moda dei furgoncini itineranti di raffinato cibo. Non vi troverai solo hot dog e pretzel, ma un'incredibile varietà di piatti da gourmet: budini di mele, pollo arrosto alle erbe, panini farciti di aragosta, crème brûlée e molto altro. Da Los Angeles a San Francisco, da Austin a Portland, potrai seguirne le profumate tracce anche online.