Destinazioni a rischio: scoprile ora - 2° parte

Luxor, è davvero invulnerabile? © Fotografia di Tatiana Necchi

Pubblicità

Altre cinque destinazioni che rischiano di scomparire. Dalla Cina all'Egitto, il consiglio è sempre lo stesso: affrettati a partire e adotta un atteggiamento responsabile. Con la consapevolezza che, quasi sempre, dietro il rischio di scomparsa c'è la mano dell'uomo. Per leggere la prima parte della top ten, clicca qui.

Destinazioni a rischio: scoprile ora - 2° parte

BABILONIA (IRAQ)
La guerra in Iraq ha fatto moltissime vittime, ma poche erano antiche quanto Babilonia. A soli 90 km da Baghdad, questa città biblica è nota per i suoi straordinari Giardini Pensili, una delle sette meraviglie del mondo antico. Alcune zone della città sono state ricostruite da Saddam Hussein nell'intento di legare indissolubilmente il suo nome a quello di un altro famoso babilonese, re Nabucodonosor II. Come se ciò non bastasse, le forze internazionali con base nella zona (dal 2003) sono state accusate di aver danneggiato questo fragile sito, tra cui lo splendido palazzo di Nabucodonosor.

Il nostro consiglio: il governo iracheno ha annunciato di voler riaprire gli aeroporti per incoraggiare il turismo. Ecco perché abbiamo inserito Babilonia tra le mete da vedere. La prudenza, però, consiglia di aspettare che i tempi maturino e di lasciare, almeno per il momento, questa meta nella lista dei desideri.

VENEZIA
La città più romantica del pianeta non sembrerà più così idilliaca quando sarà sott'acqua. Come Tuvalu, la città dei canali è minacciata dall'innalzamento del livello del mare, anche se per Venezia questa non è una novità, visto che lotta contro l'acqua alta fin da quando è stata fondata. Questa volta però il problema potrebbe essere irreversibile. Le inondazioni da sporadiche sono diventate un fenomeno regolare e il minimo innalzamento del mare potrebbe trasformare piazza San Marco in una spiaggia, nonostante progetti come il MO.S.E., che mira a bloccare l'alta marea tramite paratoie mobili.

Il nostro consiglio: l'acqua alta è un fenomeno piuttosto comune a novembre.

TOMBE DI LUXOR (EGITTO)
La grandiosità dei templi dell'antica Tebe convive con la frenesia della vicina città di Luxor. La Valle dei Re, il Tempio di Luxor e una miriade di altre antichità hanno fatto sì che Luxor diventasse la principale attrattiva dell'Egitto dopo le piramidi di Giza. Ma per quanto lo sarà ancora? L'incremento dell'agricoltura e dell'irrigazione (in particolare per le assetate canne da zucchero) lungo il Nilo ha causato l'innalzamento di diversi metri della falda freatica. Questa è stata assorbita dalla porosa arenaria dei templi causandone l'erosione. Non c'è tempo da perdere.

Il nostro consiglio: da settembre ad aprile il clima è più fresco, ma il numero di turisti è elevato; le crociere sul fiume offrono la possibilità di ammirare le rovine da lontano.
Organizza il viaggio: prenota online il tuo volo con Lonely Planet & EasyLow.com

LE TRE GOLE (CINA)
Con i suoi 6300 km, lo Yangzi, Cina, è il terzo fiume del mondo in ordine di lunghezza. Tra le città di Fengjie, nel Sichuan, e Yichang, nello Hubei, si fa strada tra tre incredibili gole dalle caratteristiche formazioni rocciose e imponenti pareti a strapiombo. Le Tre Gole (Qutang, Wu e Xiling) si estendono per più di 200 km e terminano bruscamente nella Diga delle Tre Gole, vicino all'estremità di Xiling. Quando si innalza il livello dell'acqua della diga, il fiume si allarga e le cime circostanti sembrano più basse. Resta quindi ancora da vedere se la nuova centrale idroelettrica (la più grande del mondo) sia attraente come i paesaggi che distrugge.

Il nostro consiglio: una crociera di tre giorni in genere salpa da Chóngqìng; le crociere da Shanghai a Chóngqìng solitamente durano nove o più giorni.

CANALE DI PANAMÁ
Se il Canale di Panamá gode di ottima salute, non si può dire lo stesso della sua utilità come via di comunicazione. A nord, sotto Islanda e Groenlandia e sopra Canada e Alaska, si trova il mitico Passaggio a Nord-Ovest, una sorta di Shangri-La della navigazione. Se questo passaggio non fosse bloccato del ghiaccio, farebbe risparmiare ai marinai 7000 km di navigazione. Ma ecco che entra in gioco il riscaldamento globale. La banchisa del passaggio si sta sciogliendo e queste acque potrebbero diventare una via di comunicazione percorribile, a discapito del Canale.

Il nostro consiglio: www.pmatours.net offre escursioni lungo il canale. Nel biglietto sono inclusi guida, bevande e pranzo.