Best in Travel 2017: Viaggi sostenibili

© Naphat Photography / Getty Images

Pubblicità

L’Anno Internazionale del Turismo Sostenibile per lo Sviluppo è il momento perfetto per cominciare a pensare ai viaggi come occasioni per apportare benefici al pianeta e ai suoi abitanti, oltre che a voi stessi.

Orsi in Alaska

Visto che un singolo volo transatlantico contribuisce all'emissione di C02 quanto un anno di viaggi in auto, vale la pena non allontanarsi troppo da casa. I 355 milioni di persone che vivono negli Stati Uniti e in Canada possono scegliere l’Alaska, che offre una gamma infinita di avventure a basso impatto ambientale. Osservare le tre specie di orsi che vivono in Alaska – in particolare l’orso polare, il cui ambiente artico è sempre più minacciato dal riscaldamento globale – non è solo un’esperienza istruttiva, ma anche emozionante. Cercate gli operatori dotati della certificazione di turismo sostenibile Adventure Green Alaska (www.adventuregreenalaska.org).

Balene e delfini alle Azzorre

© Andrea Izzotti / Getty Images

Osservare i salti e le evoluzioni di balene e delfini nel loro habitat naturale è forse una delle esperienze più emozionanti al mondo. Nelle acque delle Azzorre, dove incrociano ben 27 specie di cetacei, gli avvistamenti sono assicurati. La Dolphin and Whale Connection (dolphinandwhaleconnection.com), che fa parte della World Cetacean Alliance ed è specializzata nel turismo sostenibile, offre escursioni per osservare balene e delfini.

Svezia

© Gary Latham / Lonely Planet

Considerato da molti il paese più sostenibile al mondo, la Svezia consente ai visitatori di ridurre al minimo la loro impronta ecologica. Esistono oltre 250 alberghi e ostelli che vantano il marchio Nordic Ecolabel, e centinaia di tour organizzati con certificazione Nature’s Best Ecotourism. Girate in bicicletta a Göteborg, esplorare il parco urbano di Stoccolma e mangiate piatti preparati con ingredienti biologici di produzione locale. Per saperne di più sulle iniziative per la sostenibilità in Svezia

sweden.se/nature/sustainable-living">sweden.se/nature/sustainable-living.

Nepal

Viaggiare in modo sostenibile significa anche riflettere su come spendere il proprio denaro. Il terremoto di magnitudo 7.8 che ha devastato il Nepal nel 2015 ha distrutto anche l’industria turistica del paese. Oggi che quasi tutti gli itinerari di trekking più colpiti sono stati riaperti è il momento migliore per andare in Nepal. Vi interessa aiutare a ricostruire un villaggio? La società di turismo sostenibile Eco Companion (ecocompanion.com) offre un campo di 20 giorni.

Gansbaai, Sudafrica

© ap-images / Getty Images

Gansbaai, che fino a poco tempo fa era poco più di un villaggio di pescatori, è oggi un fiorente centro impegnato in iniziative e attività di turismo responsabile con un forte spirito comunitario, tra cui escursionismo, uscite in kayak, fat bike e osservazione delle balene. La Grootbos Private Nature Reserve è impegnata nella lotta alla povertà e nella salvaguardia della flora del fynbos. Osservate le balene con Dyer Island Cruises (whalewatchsa.com), un operatore con certificazione Fair Trade Tourism impegnato in progetti di salvaguardia.

Cayuga Collection Hotels, Costa Rica

Il Costa Rica si sta impegnando per diventare entro il 2020 il primo paese sulla terra a emissioni zero. Oltre all’ampia scelta di tour e attrazioni rispettose dell’ambiente e della cultura locale, i visitatori troveranno anche una miriade di alberghi sostenibili. Tra questi spiccano gli otto eccellenti hotel della catena Cayuga Collection (cayugaonline.com), nascosti in angoli incredibili della natura selvaggia costaricense. Gli hotel dotati di certificazione per il turismo sostenibile devono rispettare alti standard di gestione dell’ambiente naturale, della cultura locale e delle risorse sociali.

Soggiorni in famiglia

© Matt Munro/Lonely Planet

Pernottare presso una famiglia è un modo eccellente per conoscere e sostenere le comunità. La parte difficile è assicurarsi che possano poi trarre vantaggi a lungo termine dal vostro soggiorno. Per fortuna molti operatori se ne accertano per conto vostro. Nel sito responsibletravel.com/holidays/homestays trovate un elenco di soggiorni in famiglia sostenibili in tutto il mondo, da Goa al Guatemala.

Interagire con gli elefanti in modo etico

Una volta fare un’escursione a dorso di elefante era un rito di passaggio per i visitatori della Thailandia. Oggi, però, gli esperti sostengono che queste attività e gli spettacoli sono dannosi per questi mansueti pachidermi. Per fortuna sono sempre più numerose le riserve che offrono ai turisti l’opportunità di interagire con gli elefanti in un ambiente sicuro per entrambi. Visitate l’Elephant Nature Park (elephantnaturepark.org), nei pressi di Chiang Mai, e l’ElephantsWorld (www.elephantsworld.org), vicino a Kanchanaburi.

Scegliere ristoranti sostenibili

Dall’acquisto di alimenti a chilometri zero alle strategie per ridurre il deperimento e lo spreco, le iniziative adottate dai ristoranti di tutto il mondo stanno facendo la differenza per il pianeta. Tra le città in prima linea spiccano Seattle, che ha reso obbligatorio l’uso di contenitori per alimenti in materiali riciclabili o compostabili e Copenaghen, città a elevata sostenibilità. In viaggio a Copenaghen? Prenotate un tavolo al Relae (restaurant-relae.dk) o da Rub & Stub (spisrubogstub.dk)

Ridurre la produzione di plastica

Molte destinazioni di viaggio non riescono a smaltire neanche il volume di rifiuti prodotto dai propri abitanti, figuriamoci quelli dei visitatori. Per esempio a Bali (Indonesia), ogni mese si usano circa tre milioni di bottiglie di plastica. Potete fare la differenza usando borracce riutilizzabili, portando con voi una sporta di stoffa e rifiutando la cannuccia nelle bibite.  Per saperne di più sull’impatto ambientale delle bottiglie di plastica visitate il sito banthebottle.com