Best in Travel 2017: le mete più convenienti dell'anno

© Feng Wei Photography / Getty Images

Pubblicità

Più valore al vostro denaro: ecco dove investire il budget di viaggio per ottenere la massima soddisfazione. E se cercate ancora più informazioni leggete Best in Travel.

1. Nepal

Il Nepal si sta riprendendo dai terremoti e dagli scioperi che avevano bloccato l’approvvigionamento dei carburanti, rendendo molto difficili gli spostamenti all’interno del paese. Questa rimane una meta fantastica per i viaggiatori attenti al budget, che possono accedere ai migliori sentieri di trekking e osservare specie animali poco note spendendo molto meno di US$50 (€44) al giorno. Il numero dei visitatori è in lenta ripresa ed è giunto il momento di tornare sulle imponenti montagne nepalesi: ovunque andrete, riceverete un’accoglienza calorosa, poiché la vostra visita porterà una fonte di reddito di cui le comunità locali hanno un disperato bisogno per rimettersi in piedi.

2. Namibia

© Westend61 / Getty Images

Negli ultimi anni il dollaro della Namibia, agganciato al rand sudafricano, si è svalutato rispetto a numerose monete, per cui questo è il momento ideale per scoprire questo paese straordinario. Qui potrete vivere esperienze indimenticabili: avvistare gli animali selvatici del deserto nell’Etosha National Park, fare trekking nell’incredibile natura selvaggia del Fish River Canyon e scivolare con una tavola da surf sulla sabbia delle imponenti dune di Sossusvlei. Evitate i periodi delle vacanze scolastiche sudafricane ed europee, specialmente a fine dicembre e gennaio, in modo da trovare i voli più convenienti (in genere via Johannesburg), oppure optate per i voli charter stagionali da Francoforte offerti da Condor. Ammirare il vasto cielo azzurro e le limpide notti stellate, che sono uno dei ricordi più duraturi di un viaggio in Namibia, vi costerà pochissimo.

3. Porto, Portogallo

© Matt Munro / Lonely Planet

Ecco una città che riesce ancora a non farsi notare, il che sembra incredibile se si considera la sua splendida posizione sul Rio Douro e le eccellenti opzioni di vitto e alloggio e prezzi abbordabili – senza contare la flotta di compagnie low cost che effettuano voli da tutta l’Europa che consentono di arrivare a Porto senza spendere molto. La seconda città del Portogallo possiede alcuni musei abbordabili, incantevoli tram d’epoca a prezzi modici che conquisteranno i fanatici dei trasporti e una spiaggia di ciottoli a un’ora di cammino dal centro lungo la sponda del fiume. Cantine vinicole ricche di atmosfera offrono tour e degustazioni a buon mercato, ed è facile organizzare visite in giornata alle aziende immerse tra i vigneti. La francesinha, il panino tipico di Porto, con carne, prosciutto, salame, salsiccia, formaggio fuso e salsa piccante alla birra e pomodoro, vi sazierà a tal punto che potrà essere l’unico pasto della giornata, ed è talmente abbondante che spesso basta per due persone.

4. Venezia, Italia

© Iakov Kalinin / Shutterstock

Prezzi abbordabili e Venezia sembrano due concetti incompatibili; ciò nonostante, la città lagunare resta una meta di fortissimo richiamo, e ogni giorno è raggiunta da centinaia di viaggiatori che sperano di poterla visitare senza ridursi sul lastrico. Il classico consiglio era di pernottare a Mestre o addirittura a Treviso e raggiungere Venezia in treno per trascorrervi la giornata, ma questa soluzione non consentiva di indugiare nelle osterie della città o di fare una passeggiata nelle calli dopo cena. Oggi che i veneziani affittano camere e appartamenti su airbnb e siti analoghi, i turisti possono pernottare in città e risparmiare. Se la sistemazione scelta prevede una cucina a disposizione, potrete consumare alcuni pasti a casa, evitare i costi dei trasporti per e dalla città ed essere i primi a entrare nei luoghi di maggiore afflusso.

5. Debrecen, Ungheria

@ AndreyGatash / Getty Images

Debrecen, seconda città per grandezza dell’Ungheria dopo Budapest, è la principale meta a buon mercato del paese. Collegata oggi con sette paesi europei da compagnie low cost, la città si sta aprendo al turismo internazionale. Debrecen è ricca di storia, ma grazie agli influssi contemporanei offre anche un panorama di arte moderna in espansione e un vivace programma di feste di strada estive. Ciò che contraddistingue veramente Debrecen è la sua posizione ai margini della puszta (pianura orientale), una regione che, con le sue immagini dei mandriani ungheresi e del Parco Nazionale Hortobágy, domina ancora nella tradizionale visione romantica dell’Ungheria.

 

6. Belize

© Mark Read / Lonely Planet

Il Belize è spesso visto come una delle mete più costose dell’America centrale, ma proviamo a guardarlo da una nuova prospettiva. Qui potrete fare snorkelling o immersioni come se vi trovaste su un’isola dei Caraibi, ma anche visitare siti archeologici maya come Caracol, immersi in una fitta giungla popolata di animali selvatici come se ne possono trovare solo nel Centro America. Inoltre non dovrete mai coprire lunghe distanze, visto che il Belize ha una superficie pari a quella della Toscana. Grazie alla sua vicinanza al Messico e alle isole dei Caraibi, il Belize offre street food vario e molto conveniente, per cui è facile mangiare spendendo poco. È vero che ad Ambergris Caye ci sono resort carissimi, ma puntando verso sud a Placencia e Hopkins troverete spiagge dall’atmosfera tranquilla che stanno cominciando a farsi conoscere solo adesso.

7. Marocco

© inigofotografia / Getty Images

Stabile, accessibile e caleidoscopico, il Marocco offre un generoso assaggio di esotismo a prezzi modici. Non esiste un altro paese così vicino e facilmente raggiungibile dall’Europa occidentale e così affascinante nel suo contrasto con il nostro mondo. Marrakech, che rimane sempre una meta imperdibile, offre una scelta di sistemazioni più ricca che mai, e nonostante l’intenso afflusso di visitatori conserva il suo eterno mix di frenesia e cordialità. Essaouira, un tempo meta annessa a un viaggio a Marrakech, è raggiungibile ora con voli diretti da Londra e Parigi. Anche la città portuale di Tangeri sta vivendo una rinascita, con nuovi hotel e progetti di restauro in tutto il centro storico un tempo fatiscente.

8. Russia

© Rickson Liebano / Getty Images

Tassi di cambio molto convenienti rendono questo periodo il momento ideale per visitare la Russia risparmiando. Certo, molto dipende da come si sceglie di viaggiare. Facendo una ricerca tra i migliori hotel di Mosca, difficilmente si può pensare di fare buoni affari, ma una volta arrivati potrete risparmiarvi un lungo tratto della Transiberiana approfittando delle tariffe aeree low cost per e dalle città poste alle sue estremità. Questo è anche il momento ideale per visitare le intramontabili attrattive di San Pietroburgo. Tenete d’occhio le fluttuazioni nei tassi di cambio, ma anche se queste dovessero modificarsi a sfavore delle valute straniere, in ogni caso nel 2018, quando ospiterà i mondiali di calcio, la Russia registrerà un ulteriore incremento nell’afflusso dei visitatori (e di conseguenza un aumento dei prezzi), un motivo in più per decidere di andarci prima.

9. Bellarine Peninsula, Australia

© sbostock / Getty Image

La Bellarine Peninsula è stata la meta prediletta di intere generazioni di abitanti di Melbourne alla ricerca di un posto tranquillo (leggi: sonnolento) fuori città. Ma oggi questa zona del Victoria offre, accanto alle intramontabili spiagge e alle città storiche come Queenscliff e Portarlington, alcune attrattive di grande richiamo. Tra le nuove mete degne di nota spiccano la Jack Rabbit Vineyard e la Flying Brick Cider Co, oltre a un sentiero pedonale e ciclabile che segue una vecchia linea ferroviaria, lungo il quale si possono fare delle soste per esplorare le pozze d’acqua marina tra le rocce e praticare snorkelling e surf. La penisola si raggiunge con una traversata in traghetto dalla più rinomata Mornington Peninsula ed è una base comoda dove fermarsi per un paio di notti prima di proseguire il viaggio sulla Great Ocean Rd.

10. Upper Peninsula, Michigan, Stati Uniti

© ehrlif / Getty Images

Il Midwest non è una delle mete più conosciute degli Stati Uniti, figuriamoci la Upper Peninsula. Ma se decideste di andarci, preparatevi a trovare una regione ricca di attrattive in grado di competere con i tesori nazionali. La Upper Peninsula è un’area di straordinaria bellezza naturale e fascino, punteggiata di cittadine e villaggi che ricordano il realismo romantico delle illustrazioni di Norman Rockwell. Trattandosi di una destinazione rivolta soprattutto al turismo locale, i prezzi sono ragionevoli, l’affollamento è contenuto e l’atmosfera è tranquilla e informale. La regione vanta molti vecchi fari, centinaia di chilometri di spiagge e coste lacustri, alcune delle foreste più antiche del paese e oltre 300 cascate, da quelle più piccole a quelle altamente spettacolari. Mackinac Island, dove le auto non possono circolare, è un’attrattiva irresistibile con il suo entroterra di 10 kmq ricco di negozi originali e panorami magnifici.